Giro 2020: A Valdobbiadene brindano Ganna e Almeida

Giro 2020: A Valdobbiadene brindano Ganna e Almeida

Piergiorgio Sbrissa, 17/10/2020

[comunicato stampa] Il campione del mondo contro il tempo vince la Prosecco Superiore Wine Stage mettendo in fila tutti gli avversari come già fatto nella crono inaugurale di Palermo. La Maglia Rosa incrementa il vantaggio nella generale. Domani arrivo in salita a Piancavallo

Valdobbiadene, 17 ottobre 2020 – Filippo Ganna (Team Ineos Grenadiers) ha vinto la Prosecco Superiore Wine Stage ITT Tissot da Conegliano a Valdobbiadene, battendo il compagno di squadra Rohan Dennis e Brendan McNulty (UAE Team Emirates). L’americano è stato l’unico tra i contendenti della generale ad aver fatto meglio della Maglia Rosa João Almeida (Deceuninck-Quick Step), sesto miglior tempo di giornata. Il portoghese ha adesso 56” di vantaggio su Wilco Kelderman (Team Sunweb) e 2’11” su Pello Bilbao (Bahrain – McLaren).

LE PILLOLE STATISTICHE

  • Filippo Ganna è il primo italiano che vince due cronometro nello stesso Giro dal 1990 (Gianni Bugno a Bari e sul Sacro Monte). È anche il primo atleta che vince due cronometro al Giro a meno di 25 anni dal 1994, quando Evgueni Berzin vinse a Follonica ancora 23enne e al Passo del Bocco 5 giorni dopo il suo 24° compleanno.
  • Terzo podio di tappa al Giro per Rohan Dennis, tutti ottenuti a cronometro: vincitore a Rovereto nel 2018, secondo a Gerusalemme nel 2018 ed oggi.
  • Joao Almeida eguaglia il numero di Maglie Rose ottenute a meno di 23 anni d’età di Beppe Saronni, 12.

RISULTATO DI TAPPA
1 – Filippo Ganna (Team Ineos Grenadiers) – 34.1 km in 42’40”, media 47.953km/h
2 – Rohan Dennis (Team Ineos Grenadiers) a 26”
3 – Brandon McNulty (UAE Team Emirates) a 1’09”

CLASSIFICA GENERALE
1 – João Almeida (Deceuninck – Quick-Step)
2 – Wilco Kelderman (Team Sunweb) a 56”
3 – Pello Bilbao (Bahrain – McLaren) a 2’11”
4 – Brandon McNulty (UAE Team Emirates) a 02’23”
5 – Vincenzo Nibali (Trek – Segafredo) a 02’30”
6 – Rafal Majka (Bora – Hansgrohe) a 02’33”
7 – Domenico Pozzovivo (NTT Pro Cycling) a 02’33”
8 – Fausto Masnada (Deceuninck – Quick-step) a 3’11”
9 – Patrick Konrad (Bora – Hansgrohe) a 3’17”
10 – Jai Hindley (Team Sunweb) a 3’33”

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel – João Almeida (Deceuninck – Quick-Step)
  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo Zanetti – Arnaud Démare (Groupama – FDJ)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Ruben Guerreiro (EF Pro Cycling)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin – João Almeida (Deceuninck – Quick-Step), indossata da Brandon McNulty (UAE Team Emirates)

CONFERENZA STAMPA
Il vincitore di tappa Filippo Ganna: “È stata una cronometro più difficile di quella di Palermo perchè era più lunga e con un tracciato collinare. Sono orgoglioso di questo successo. Se Geraint Thomas non si fosse ritirato a causa della caduta nelle prime tappe il mio Giro sarebbe stato diverso ma sono contento di quello che abbiamo fatto come squadra da quando non è più in corsa. Non abbiamo avuto una sola tappa senza un Ineos Grenadiers tra i primi dieci. È bello avere un compagno di squadra come Rohan Dennis. Siamo amici ma ogni volta che mettiamo il numero sulla schiena per una cronometro diventiamo rivali fino al traguardo”.

La Maglia Rosa João Almeida: “Ho guadagnato più secondi di quanto pensassi. Non avevo mai corso una cronometro così lunga e mi aspettavo di perdere qualcosa da Wilco Kelderman e di essere vicino a Vincenzo Nibali. Avevo un piano ed ha funzionato: spingere sulle salite e recupare in discesa. Posso guardare alle prossime tappe di montagna più rilassato e senza alcuna pressione”.

Commenti

  1. Per ora l'attuale maglia rosa appare nettamente superiore a tutti, in ogni campo: salita, cronometro, velocità. Però il Tour ci ha mostrato che, fortunatamente, l'impossibile può talvolta succedere. Io continuo a tifare per Nibali ma, purtroppo obiettivamente, temo che non sia lui il rivale più pericoloso. Speriamo in una terza settimana con tappe di montagna percorribili e grandi azioni di tutti i concorrenti, sarebbe magnifico un attacco con buon esito di Pozzovivo...:-)xxxx
    P.S.
    Solo io ho più viti, placche e protesi di lui...:oold:
  2. Cmq oggi grande Ganna alla faccia di chi diceva dopo il mondiale che su una crono più dura non avrebbe vinto...infatti ha stravinto che dire Ganna
  3. samuelgol:

    Si ma come vedi sono alleanze assolutamente non contrastanti. Contador che aiuta Tiralongo lo fa perchè è un signore, per amicizia, gratitudine...ma lo fa verso uno che non era in classifica. IdemTiralongo lo fa per lo stesso motivo, amicizia, gratitudine (la tappa che gli aveva regalato), ma lui non era in lotta nemmeno per una top ten in quella Vuelta. Quando uno è 5 della generale e uno è sesto, amicizie e alleanze sono molto ma molto più desuete, amici o non amici, connazionali o non connazionali. Ci può stare al più un filino meno di animosità di puntiglio. Se scatta uno che ti sta sulle balle lo fai apposta ad andargli dietro, se è un amico, magari attendi quell'istante che risponda qualcun altro.
    Mi viene in mente l'attacco Simoni Garzelli sul Mortirolo al Giro 2004. Dovevano essere i rivali di quel Giro attaccarono per tentare di riguadagnare la leadership uno, per vincere la tappa l'altro.
    Ma era convergenza di interessi più che un'alleanza....