Il doping dell’ Operação Prova Limpa’

31

Le paure della dirigenza UCI si sono concretizzate almeno in parte grazie ad un’indagine in Portogallo, chiamata Operação Prova Limpa  (“operazione prova pulita”), che ha portato all’accusa di tutti i corridori della squadra lusitana W52-FC Porto, squadra continental.

L’operazione di polizia, che ha coinvolto un totale di circa 120 poliziotti dell’unità nazionale anticorruzione e dei dipartimenti investigativi criminali di Braga, Vila Real e Guarda, ha avuto anche la collaborazione dell’autorità antidoping del Portogallo (ADoP).

La stessa polizia portoghese ha comunicato che sono stati effettuati due arresti e diverse decine di perquisizioni domiciliari e non domiciliari in varie regioni del territorio nazionale nei confronti di dirigenti, atleti e strutture della squadra, e che sono state rinvenute e sequestrate varie sostanze e “strumenti clinici utilizzati nell’allenamento degli atleti”.

La perquisizione chiave è avvenuta durante la terza tappa del Gran Premio “O Jogo”, ed ha portato ai sequestri ed all’arresto di due persone: il direttore sportivo del W52-FC Porto, Nuno Ribeiro, che da corridore (nella Liberty Seguros -da non confondere con la formazione spagnola con lo stesso nome-) ha vinto il giro del Portogallo nel 2003, ma era stato privato del suo secondo titolo alla Volta a Portugal nel 2009 a causa di una squalifica per doping (EPO-CERA); e di José Rodrigues, leader della Maia Cycling Union, formazione U23 portoghese, ma anche massaggiatore alla W52-FC.

foto: Ribeiro nel 2009

Ora Ribeiro e Rodrigues sono stati rilasciati, ma sono sospesi dalle loro funzioni e devono presentarsi nel loro commissariato di zona settimanalmente, ed hanno il divieto di contattarsi l’uno con l’altro oltre che con gli altri coinvolti nell’indagine.

Foto: Ribeiro

Meno di un mese prima dell’indagine, la W52-FC era era stata colpita dalla decisione della corte arbitrale dello sport (TAS) sul caso Raul Alarcón, con la conferma che le anomalie nel passaporto biologico dello spagnolo coincidevano con delle trasfusioni di sangue. Nel procedimento era risultato che vi erano dei picchi nei valori ematici di Alarcòn in occasione delle Volta a Portugal 2015, 2017 e 2018. I risultati conseguiti in quel periodo (19 vittorie) sono stati tutti cancellati, analogamente a quanto accaduto nella lunga tradizione lusitana con Joaquim Agostinho (1969 e 1973), Fernando Mendes (1978), Marco Chagas (1979) e, appunto, Nuno Ribeiro nel 2009. Nel 2009 furono trovati positivi anche altri due corridori della Liberty Seguros: Héctor Guerra e Isidro Nozal.

Prima della squalifica di Alarcòn erano stati controllati positivi per doping altri tre corridori della W52-FC: Cesar Fonte e Rui Vinhas nel 2018 (betametasone) e Edgar Pinto nel 2020 (anomalie passaporto biologico).

Commenti

  1. Number of the beast:

    All'epoca era doping come adesso, vedi sotto.

    La categoria S2 include gli ormoni e sostanze correlate.
    La categoria M2 include manipolazione farmacologia chimica e fisica.

    EPO è un ormone, quindi rientra nella categoria S2 e anche nella M2 in quanto manipolazione farmacologica.
    Mi riferivo all'autoemotrasfusione che non veniva percepita come doping poiché utilizzavi il tuo stesso sangue. L'epo invece è sempre stata considerata come doping.
    Il discorso è lungo e accidentato: secondo me, uno dei maggiori problemi deriva dal fatto che i controlli sono fatti dalla wada e le squalifiche inflitte dalle federazioni (che proteggono i loro atleti o meno).
    Ci sono stati casi singolari, tipo Hingis squalificata dalla federazione di tennis svizzera per due anni perché positiva alla cocaina, mentre Gasquet se l'è cavata con tre mesi giustificando la cosa con un bacio in discoteca con una fantomatica Pamela: ironia della sorte, la quantità di metaboliti nel campione della Hingis era al limite della contaminazione accidentale e di 10 volte inferiore a quella del tennista francese.
    Sempre nel tennis, la Errani è stata prima squalificata a livello internazionale e poi dalla NADO italiana poiché ritenevano la prima squalifica poco severa. Perfino il TAS - data la quantità - ha riconosciuto la contaminazione accidentale (dubito che uno si dopi con il farmaco antitumorale usato dalla madre) ma ha mantenuto la squalifica per negligenza.

    PS e della contaminazione avvenuta mediante una pomata vaginale... :))):
  2. Shadowplay:

    Lo so che sembra ridicola come cosa e nei forum di tennis è stata presa in giro alla grande anche perché non è molto amata. Capisco la negligenza (cosa che le ha fatto perdere l'appello al TAS) però se si rimane ai fatti mi pare sia stata assolta in sede penale. La quantità assunta era irrilevante e quella sostanza non è stata mai trovata nonostante la Errani sia una di quelle che nelle liste ITF sui controlli antidoping ha sempre 7+ (minimo 7 volte/anno).


    Si rimane sempre lì... come dimenticare quella di Borriello...
    io non ho seguito la cosa (quella della Errani) ma la scusante additata........
    cioè, che tieni, le pastiglie a fianco della pentola per il ripieno? e poi come fà a cadere? le lasci libere sulla mensola? e se cade, non ne accorgi?
    ripeto, io mi riferivo alla scusa in sè
  3. https://www.ojogo.pt/modalidades/ciclismo/noticias/todos-os-exames-realizados-aos-ciclistas-da-w2-fc-porto-deram-negativo-14822036.html

    Caso 1) Sono dei santi che sono stati bersagliati dall'antidoping "solo" perchè vanno più forte dei World Tour? Subendo tra l'altro,un danno di immagine colossale?

    Caso 2) Il doping è davvero sempre un passo oltre l'antidoping. Ma allora la tanto desiderata trasparenza è un'utopia.

    Personalmente stare di fronte a questo dilemma senza poter avere una risposta certa è una cosa che mi fa davvero incazzare.
    A voi le considerazioni.
Articolo precedente

Training Camp 2.0: Live Tracking, tracce GPS e milioni di km pedalati

Articolo successivo

Sonny Colbrelli può tornare in bici con moderazione

Gli ultimi articoli in Magazine

Finalmente Ganna!

Desenzano del Garda, 18 maggio 2024 – Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) ha vinto la quattordicesima tappa del Giro…

Milan mette la terza

Cento, 17 maggio 2024 – Jonathan Milan (Lidl-Trek) ha vinto la tredicesima tappa del Giro d’Italia 107, la Riccione-Cento…