Il Tour of California non si correrà nel 2020

Il Tour of California non si correrà nel 2020

31/10/2019
Whatsapp
31/10/2019

“Sono stati 14 anni fantastici”. AEG, l’organizzatore del Tour of California,  ha così annunciato che metterà in pausa la gara del Amgen Tour of California per la stagione 2020.

Un’interruzione inedita per la corsa a tappe creata nel 2006 (2015 una versione femminile) che è entrata nel World Tour nel 2017, che era programmata dal 10 al 16 maggio 2020.

L’organizzazione, via Facebook, ha spiegato che “era diventato ogni anno più difficile salare la montagna”, e che pertanto sono stati costretti “a rivalutare le opzioni possibili e considerare ogni aspetto di questo evento per determinare se il modello di business è fattibile per rilanciare la corsa nel 2012”.

Unica prova di rilievo nel Nord America, ha consacrato negli ultimi anni alcuni dei corridori che sarebbero stati delle superstar, come Peter Sagan (2015), Julian Alaphilippe (2016), Egan Bernal (2018) e Tadej Pogačar (2019).

Ogni anno in particolare era Peter Sagan il beniamino della corsa, il quale detiene il record di vittorie di tappa (17) e che ha sempre usato questa corsa per riprendere dopo le classiche del nord e prepararsi per il Tour de France, oltre che far fronte agli obblighi del suo sponsor principale. È presumibilmente la sospensione di questa corsa che lo ha portato a decidere per partecipare per la prima volta al Giro d’Italia il prossimo maggio.

17
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
14 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
13 Comment authors
bicilookmaxmsgPsy-logolance Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
gibo2007
Member
gibo2007
Ma se chiude una corsa WT in un paese indubbiamente ricco economicamente (anche se di giovane tradizione ciclistica) non è il caso di ripensare il "modello ciclismo"?
Forse il ciclismo offerto come lo si fa attualmente non ha appeal, eppure si ripete sempre la stessa tiritera che investire nel ciclismo conviene, ma conviene a chi?
L’UCI cosa aspetta a prendere provvedimenti?
La tanto decantata riforma del ciclismo che benefici sta dando al movimento?
Non è creando corse in medio oriente sponsorizzate in dubbia maniera che si rilancia il movimento, al massimo si dà un po’ di ossigeno.
sembola
Member
sembola
Il che spiega perchè Sagan al Giro…
Dario.Eirene
Member
Dario.Eirene

Ser pecora ha scritto: Opinione personale il ciclismo dovrebbe tornare tanto, ma tanto, su pista e piantarla con le emerite minchiate della "promozione del territorio" con cui riempiono la bocca tutti i politicanti del globo. Clicca per allargare… sinceramente delle gare su pista mi importa pochissimo, larga parte della motivazione per cui guardo il giro è vedere i paesaggi e vedere salite belle da fare/che ho fatto.. infatti le tappe di spostamento e le gare per velocisti su rettilinei su superstrade nel nulla mi danno noia soprattutto perchè le mettono sempre all’inizio e poi i velocisti abbandonano il giro (cosa… Read more »

gibo2007
Member
gibo2007

Ser pecora ha scritto: Un paese in cui del ciclismo gliene frega poco…io mi sono sempre chiesto cosa gliene venisse alla Amgen, Main Sponsor del ToC, a metterci soldi e nome: è un’azienda di biotecnologie… Che il modello ciclismo vada ripensato è la parola d’ordine di tutti, ma fondamentalmente mi pare chiaro che nessuno sappia come, se non dare la colpa all’UCI anche se piove. Anche perché il problema n°1 del ciclismo è "strutturale": se si prescinde dai percorsi storici (classiche, grandi giri) la spettacolarità è pessima. Opinione personale il ciclismo dovrebbe tornare tanto, ma tanto, su pista e piantarla… Read more »

gibo2007
Member
gibo2007

Ser pecora ha scritto: Il progetto della Bora era ri-creare una squadra tedesca di alto livello e ci sono riusciti. Sagan è stato il modo per farla partire. Amgen non aveva nessun progetto se non mettere il nome alla corsa. Com’è andata a finire è qui da vedere. Senza un progetto sensato nessuna operazione di marketing funziona. Sono sempre e solo soldi buttati. L’UCI si deve occupare di regolamenti, cosa che fa. Non di trovare i soldi per le squadre. Io mi chiederei piuttosto cosa facciano le varie associazioni corridori… Finché le squadre aspetteranno i diritti tv delle corse sua… Read more »

barce
Member
barce
Un peccato una corsa WT in meno. Forse le corse si sposteranno ad sempre più ad oriente….del resto è la che vengono fatte tutte le bici e componestistica varia. Oppure ne vedremo ancor più nei ricchi paesi Arabi.
Corvo Torvo
Member
Corvo Torvo
Il ciclismo va portato dove li bici si comprano, non solo dove si producono…
Andrea Sicilia
Editor
Il che spiega perchè Sagan al Giro…

Stessa cosa che ho pensato io. Probabilmente loro già sapevano.

golance
Member
golance
Stessa cosa che ho pensato io. Probabilmente loro già sapevano.

idem. meglio così. spero solo non venga a fare la comparsa per poi ritirarsi alle prime montagne per puntare alla ventordicesima maglia verde al tour.

sy-lo
Member
sy-lo

LanternRouge diceva che uno dei problemi che hanno portato alla chiusura del California sia che facendolo in concomitanza con il Giro, molto più importante e con molto più appeal, i diritti TV venivano venduti a poco e questo, sommato al fatto che in America chiudere le strade e organizzare tutto il resto costi parecchio, ha portato ad un basso, se non nullo, profitto. Il problema più grande è che la stagione "buona" per gli USA è la stessa dell’Europa ed è difficile se non impossibile rubare spettatori a classiche, giro, tour e vuelta. LR faceva l’esempio con il Tour Down… Read more »

P
Member
Parigi
ecco perchè Sagan fa il giro
maxmsg
Member
maxmsg
Certo "salare" la montagna e rilanciare l’edizione del 2012 mica è così facile :-)xxxx
bicilook
Member
bicilook

Non è che fosse questo spettacolo di corsa il Tour of California… Gli stradoni americani con il ciclismo ci fanno abbastanza a botte… Per vedere una curva bisogna proprio cercarla… Come il Tour del Colorado del resto…Tappe di montagna,vedi delle autostrade dritte a 3000 metri di altezza,dove per un corridore è anche più difficile correre,anche psicologicamente ti destabilizzano… Alla fine le corse più spettacolari,sono sempre quelle in Italia,Francia,Spagna e Belgio…E infatti fino a un po’ di anni fa,il ciclismo si correva in questi paesi…anche la tradizione conta. Non è che tutta questa globalizzazione porti sempre delle cose buone… Dall’Oriente pagheranno… Read more »

CLICK17
Member
CLICK17
E volevano anche spostare il GIro. Loro hanno la mentalità del gioco di squadra , dal football passando per il basket e arrivando al Lacrosse che fuori dal continente nordamericano nessuno sa cosa li vedono tutti.
 

POTRESTI ESSERTI PERSO