La stagione parte sotto il segno della Slovenia

166

Ieri è stato il giorno che, se mai ce ne fosse stato bisogno, ha confermato che stiamo vivendo in un periodo del ciclismo sotto il segno della Slovenia. Primoz Roglic ha vinto la Paris-Nice e Tadej Pogačar la Tirreno-Adriatico. Due corridori sotto la stessa bandiera, ma che più diversi non si può, per stile, carattere e storia personale.

Roglic è un corridore maturo, arrivato tardi nel ciclismo (a 22 anni) dopo aver inseguito, vanamente, il sogno di un oro olimpico nel salto con gli sci. Lui stesso ha raccontato che vincere l’oro olimpico a Tokyo lo scorso anno è stato la realizzazione di un sogno, anche se sul podio ha pensato che il suo sogno era vincerlo nel salto con gli sci, ma alla fine “pur sempre oro è”. Roglic che ha come cifra stilistica ormai consolidata quella di partire dominando le corse per poi incappare in intoppi, errori, cadute, giornate storte man mano che il bersaglio grosso si avvicina.

Ieri l’errore di essersi vestito troppo, l’ansia di rimanere attardato su uno Simon Yates scatenato, l’ombra della Paris-Nice buttata via l’anno scorso proprio all’ultima tappa. Poi per sua fortuna è arrivato San Wout, “metà uomo metà motore” come l’ha definito lo sloveno. Il Van Aert capace di fare tutto, che l’ha preso per mano e portato sano e salvo all’arrivo. Roglic che ha più di una volta ammesso di “non funzionare per una squadra”, di pensare e voler fare tutto da solo, stavolta è stato salvato dall’ uomo che da solo fa un’intera squadra.

Dall’altra parte delle Alpi Pogačar, che ringrazia a profusione la propria squadra, ma poi da solo fa eccome. Prodigio precocissimo, all’età in cui Roglic si affacciava al professionismo ha già un palmares monumentale. Dal Lombardia vinto l’anno scorso a Ottobre è a bottino pieno: 3 corse 3 vittorie nel 2022. Tutte dominate con evidente superiorità. Ma sopratutto 7 vittorie totali contando le tappe. Come vincitore uscente del Tour de France solo un corridore in tutta la storia ha fatto meglio a questo punto della stagione: Eddie Merckx con 9 vittorie nel 1971.

Pogačar ha vinto la 10^corsa a tappe a cui ha partecipato dal 2019: 2 Tour de France, 2 Tirreno-Adriatico, 2 UAE Tour, giro della Slovenia, giro dell’Algarve, giro di California, giro della comunità Valenciana. Dietro di lui solo e proprio il connazionale Roglic, con 9 successi nello stesso periodo: Paris-Nice, 3 Vuelta, giro dei Paesi Baschi, Tirreno-Adriatico, Tour de l’Ain, UAE Tour e Tour de Romandie.

Pogačar vanta una percentuale di successi nelle corse a tappe impressionante, avendo mancato la vittoria in sole 3 corse alle quali ha partecipato: l’UAE Tour 2020 (2°), il Critérium du Dauphiné 2020 (4°) ed il giro dei Paesi Baschi 2021 (3°).  Ad oggi il giovane sloveno non si è mai ritirato da una corsa professionistica a cui ha partecipato.

Un dominio sloveno che si può anche leggere proprio attraverso le vittorie di ieri, infatti è solo la terza volta in questo secolo che due corridori della stessa nazionalità hanno vinto Paris-Nice e Tirreno-Adriatico nella stessa stagione. I due sloveni dopo gli italiani Davide Rebellin (Tirreno-Adriatico) e Dario Frigo (Paris-Nice) nel 2011, e i colombiani Nairo Quintana (Tirreno-Adriatico) e Sergio Henao (Paris-Nice) nel 2017.

Ora i calendari dei due sloveni si cominceranno ad incrociare, cominciando dalla Milano-Sanremo, dove per una volta tanto non partono per favoriti (ma nemmeno come outsider totali), poi Roglic andrà ai Paesi Baschi, mentre Tadej farà capolino sul pavé fiammingo, prima di trovarsi contro nelle gare delle Ardenne: freccia vallone e Liegi-Bastogne-Liegi (dove invece sono favoriti eccome), prima di divergere nella preparazione al Tour (Roglic al Delfinato, Pogacar in Slovenia) e poi per duellare da favoriti al Tour de France, dove Roglic cercherà di rompere l’incantesimo e Pogacar di fare un’altro passo verso la leggenda. Altro scontro poi alla Vuelta.

Dopo l’era dei britannici, siamo quindi in quella degli sloveni. E gli altri? Al momento la scala reale slovena rende difficile farsi un’idea di chi possa contrastarli. In particolare nelle corse a tappe. Anche se il ciclismo raramente bacia a lungo in fronte sempre gli stessi corridori.

Fuori Bernal per infortunio la concorrenza sembra limitata ai gemelli Yates ed Enric Mas tra i “giovani”. Considerato anche che i più promettenti sono gregari dei due sloveni: McNulty, Ayuso, Almeida, Kuss, Vingegaard. Mentre tra i veterani stagionati non sono tanti quelli che possono essere annoverati come concorrenti credibili: Bardet, Uràn, Landa, Caruso, Bilbao, Pinot, Porte, Thomas, Nibali, Mollema  sono tutti ultra-trentenni che sembrano un gradino sotto al momento. Anche se poi le alchimie del ciclismo possono sempre riservare colpacci e sorprese.

Per le classiche idem, anche se nelle gare in calendario dei due sloveni la situazione è simile, con Julian Alaphilippe a guidare l’assalto, anche se in questo inizio di stagione non sembra brillantissimo. Remco Evenepoel in crisi mistica, Mathieu van der Poel e Marc Hirschi acciaccati e dispersi, e Maximilian Schachman opaco, resta l’incognita, per continuità Alexander Vlasov (più adatto ai GT in ogni caso). Poi anche qui stagionati veterani come Jakob Fuglsang, Michael Woods e Alejandro Valverde che possono avere ancora qualche cartuccia in fondo al cassetto.

Tra parentesi va messa l’Astana tutta, che sulla carta offre corridori convincenti, come Lopez, Lutsenko e Moscon, ma che ha iniziato la stagione malamente, tra indagini, stipendi non pagati e risultati assenti. Una sola vittoria in questa stagione (in una garetta, con Lutsenko) che la pone a fondo classifica WT (solo Ag2R e Team DSM sono a zero, ma con bei piazzamenti).

Insomma, l’unico intermezzo allo show sloveno sembra riposare sul pavé del nord. Sempre che Pogačar…

 

Commenti

  1. Comunque è vero che i paralleli fra Evenepoel e Merckx sono nati proprio dai loro stessi connazionali e proprio perché sono belgi. Anche noi aspettiamo ancora un nuovo Pantani o un nuovo Coppi, come nello sci un nuovo Tomba eccetera. In Slovenia penso che non freghi a nessuno se Pogacar sia il nuovo Merckx, suppongo che all'epoca del belga probabilmente le corse venivano seguite molto poco. Agli appassionati di lunga data invece questi confronti appassionano... ma come ha detto qualcuno, rimangono chiacchiere da bar.
  2. Ser pecora:

    Considera che risale al periodo pre-test per l'Epo. Con quelle unità sforare il 50% era matematico. Dal 2000 le dosi devono per forza essere calate (almeno in vista delle gare).
    A memoria per chi la mena sempre "con tutti facevano lo stesso"...basti pensare solo all'arbitrarietà del concetto di "giovane" o meno all'interno di una stessa squadra.
    Certo, ma rimane valida la domanda sia allora che dopo.
    Se come dice @lap74 si viaggia attorno ai 100k, significa che molti spendevano quasi tutto l’ingaggio annuale solo per il materiale, senza considerare quanto prendevano i medici per la consulenza.

    Insomma la conferma che attorno al doping girava/gira un sacco di soldi.
  3. Ser pecora:

    Pogacar potrà anche vincere le Roubaix, ma non mi baserei sui risultati della corsa juniores, che sono veramente poco significativi per prevedere i risultati in quella élite.

    Per dire Madouas, uno scalatore, è arrivato nel 2017 7° nella volata di gruppo col vincitore. O Ben King, altro scalatore, è arrivato davanti Tim DeClerq nel 2010. Madouas e King farebbero fatica a finirla quella élite.
    Per non parlare di tanti vincitori persi nel nulla.
    Ci mancherebbe, però è comunque una corsa che potrebbe adattarsi visto la poliedricità del personaggio.

    A quanto pare lui stesso ritiene più difficile vincere la Milano-Sanremo:

    "Tutti continuano a chiedersi cosa aspettarsi sabato. Beh, possiamo aspettarci una gara lunga e difficile. Milano-Sanremo è una delle gare più facili da finire ma una delle più difficili da vincere ma ci andiamo con una squadra forte e facciamo del nostro meglio", ha detto Pogačar mentre tornava a casa dalla Tirreno-Adriatico per riposarsi e prepararsi per il primo monumento di sabato della stagione 2022.

    "Penso che sia anche una delle gare più difficili da vincere per me, probabilmente la più difficile", ha aggiunto modestamente, riflettendo sulle sue opzioni, prima di aggiungere un pizzico di determinazione.

    "Guarda il finale. La Cipressa non è così ripida. C'è il Poggio ma molti piloti possono superarlo e in velocità, compresi alcuni velocisti. A quel punto la gara si decide in volata o qualcuno prova un ritardo attacco in solitaria. Non sono il pilota con tutte le migliori opzioni per vincerlo. Certo, se ne avrò la possibilità, ci proverò".
Articolo precedente

Tadej Pogacar vince la 57^ Tirreno-Adriatico

Articolo successivo

Julian Alaphilippe da forfait per la Milano-Sanremo

Gli ultimi articoli in Magazine

Attenzione ai siti fake

Nelle ultime settimane sono apparsi online dei falsi siti web creati da truffatori desiderosi di fare…