Lappartient vuole un’inchiesta sulla Sky

Lappartient vuole un’inchiesta sulla Sky

08/03/2018
Whatsapp
08/03/2018

In seguito ai (discussi) risultati del rapporto della commissione parlamentare inglese sulle pratiche poco etiche del Team Sky David Lappartient, presidente UCI, vuole sapere se la squadra britannica abbia commesso una o più infrazioni del regolamento antidoping, come dichiarato alla BBC:

In questo rapporto, da quello che ho letto, si può vedere che le sostanze non erano utilizzate per dei problemi di salute o come analgesici, ma per migliorare le prestazioni e dunque effettivamente è inaccettabile per me e la filosofia che abbiamo, anche se sembra che non ci siano violazioni dei regolamenti“.

Lappartient vuole dunque procedere con un’inchiesta: “Abbiamo la fondazione antidoping del ciclismo che ha il potere di aprire un’inchiesta. Mi piacerebbe che lo facesse, per vedere se ci sono state violazioni o meno delle regole antidoping“.

Questa inchiesta riuscirà a vedere la luce e portare a dei risultati prima dei grandi giri? Lappartient stima che la presenza di Froome ancora sotto giudizio per il caso del salbutamolo alla Vuelta sarebbe “un disastro“.
Questa dichiarazione arriva presumibilmente dopo le molteplici pressioni e sollecitazioni che l’UCI ha avuto negli ultimi giorni, grazie alle dichiarazioni di alcuni corridori, come Tom Dumoulin, che nella conferenza di apertura della Tirreno-Adriatico ha commentato che “Se io fossi Froome non mi sarei presentato qui“.
Ma soprattutto quelle del direttore del Tour de France, Christian Proudhomme: “Ho detto già da Dicembre che volevamo una risposta rapida, ora possiamo togliere il rapida: vogliamo una risposta. Gli organizzatori vogliono una risposta. Abbiamo la necessità di una risposta, non solo per noi al Tour de France, ma per tutti gli organizzatori in modo che non ci sia un corridore che poi non avrebbe dovuto essere alla partenza. È pazzesco, assolutamente grottesco! Dobbiamo avere una risposta“.
In realtà, per ora, i colleghi di Proudhomme, come gli organizzatori della Ruta del Sol o della Tirreno-Adriatico, corse a cui Froome è stato il benvenuto, non sono stati così duri sulla necessità di una risposta. Ma è anche vero che il pubblico del Tour de France non è quello di queste corse, e l’accoglienza per Froome e la Sky potrebbe essere poco gradevole sulle strade (eufemismo).
In ogni caso la pressione sull’UCI monta da più parti, dal Movimento per un ciclismo credibile (MPCC) ad esempio, che in un comunicato ufficiale, ha fatto sapere di aver chiesto già il 18 Dicembre scorso alla Sky di sospendere immediatamente Froome, prima del procedimento, “in modo da aiutare il corridore e la squadra ad implementare una strategia difensiva con serenità, evitando irritazione da parte del resto del gruppo e degli staff.”
Dopo delle nette critiche agli organizzatori che accolgono Froome ed alla Sky per non aver proceduto alla sospensione ed all’aderire al MPCC (la Sky si è rifiutata in passato affermando di avere regole più stringenti del MPCC stesso) l’MPCC passa all’attacco chiedendo formalmente a UCI e WADA una “standardizzazione delle procedure, e che un corridore sotto inchiesta sia obbligato sistematicamente a non correre“, “per mantenere un’immagine ed una credibilità del ciclismo“.
A margine, ma non troppo, le dichiarazioni dell’ex vincitore del Tour de France, poi squalificato, Floyd Landis, che non ha perso occasione per tirare delle cannonate contro la Sky e Wiggins in particolare al seguito del rapporto britannico: “Non so perché nel rapporto dicano che non ci sono violazioni delle regole antidoping. Per me cadono assolutamente in questa categoria, per loro stessa definizione”. “Hanno usato (quei medicinali -ndr-) per migliorare le prestazioni e non ci sono ambiguità qui. Wiggins deve perdere il suo titolo al Tour. Non vedo come le autorità dello sport possano lasciar passare tutto. Non si può prenderli seriamente se non agiscono. C’è un rapporto qui di fronte a loro e per me la WADA non ha scelta, se non sospenderlo e toglierli il titolo“.
Se a qualcuno i toni di Landis possono sembrare forti, val la pena di citare quelli che usa Bradley Wiggins nella sua autobiografia “In Pursuit of Glory” a proposito di Landis: “Mi sono sentito fisicamente male quando ho sentito la notizia (della positività di Landis al Tour 2006 -ndr-). La mia prima reazione è stata puramente egoista e solo in relazione a me stesso. “Landis bastardo” ho pensato. “Hai completamente rovinato il mio piccolo risultato dell’aver partecipato al Tour de France ed essere stato piccola parte della storia del ciclismo (Wiggins ha terminato quell’anno il suo primo Tour finendo 123° -ndr-). Tu e tizi come te stanno pisciando sul mio sport e sui miei sogni. Perché gente come te continua a barare? Quanti ce ne sono come te la fuori? Che prendete per il culo la gente e vivete contenti? Siete delle nullità. Siete una banda di bari bastardi e spero che un giorno vi prendano tutti e vi buttino fuori a vita. Potete continuare a fare quello che fate ed io continuerò a fare quello che faccio io. Non mi cambierete mai, povere nullità. Siete tutti dei bastardi. Io almeno posso guardarmi allo specchio“.
Se Landis l’ha letto sicuramente non ne sarà stato lusingato, ed ora l’occasione è troppa ghiotta per non togliersi qualche sassolino.
Insomma, la Sky sembra non essersi fatta molti amici in questi anni di successi ed atteggiamenti a volte piuttosto poco simpatici (in particolare di Brailsford), ed ora vivono la legge del contrappasso. E se la pressione monta da tutte le parti sull’UCI, Lappartient non può starsene con le mani in mano, soprattutto da presidente neo-eletto, dando l’impressione di non essere attivo su un tema capitale come il doping.
Il rovescio della medaglia è che queste esternazioni su inchieste e commissioni sono anche piuttosto inopportune visto che c’è un procedimento in corso (contro Froome) e che il rapporto della commissione parlamentare inglese mette in luce negligenze e scarsa etica, ma non comprova fatti di doping, perlomeno secondo gli stessi regolamenti di UCI e WADA, come afferma persino Lappartient stesso. Senza contare la dubbia liceità di trarre delle conclusioni sulla base di testimonianze di fonti anonime mai confrontate con gli accusati, e che l’obiettivo ultimo delle accuse sembra essere (abbastanza esplicitamente a dire il vero) Dave Brailsford, ovvero il management di British Cycling e Sky, quindi con anche l’ombra di interessi “politici”.
Insomma, brutta aria per la Sky. E come faccia Chris Froome ad essere calmo e concentrato a correre è un piccolo miracolo…

57
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
57 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
17 Comment authors
SbicilookmaxmsgAC Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Joe_T
Member

Insomma…tanto Tuonò finche piovve!?
Lo possiamo dire?
L'aria si sta davvero facendo troppo pesante sul team sky..e il celato malcontento è sul punto di esplodere.
Hanno atteso la presenza di Froome alla prima gara..

msmtrt1
Member

Non sarebbe meglio che spiegasse cosa aspetta il tribunale antidoping del'UCI, di cui lui è presidente, a prendere una decisione sul caso Froome?
Sempre più un buffone… "solo chiacchiere e distintivo…" cit.

bianco70
Member

Leggevo che in un intervista Froome ha detto che vorrebbe spiegare ma nessuno lo convoca.
Cosa aspettano? A me comincia a dare l'impressione di una cosa creata ad arte contro Sky, prima la positività di Froome, poi le indiscrezioni su Wiggo, ora la commissione d'inchiesta inglese.
Coincidenze?

msmtrt1
Member
Ser pecora

E' il presidente dell'UCI non del tribunale antidoping. Che ovviamente sta "lavorando", ma come noto ha dei tempi tecnici, in particolare per le audizioni con gli esperti di parte.
.

L’UCI non ha creato un proprio tribunale antidoping internazionale?
Allora che faccia pressione e si adoperi per ridurne i tempi tecnici, invece di far populismo a buon mercato…

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

msmtrt1
Member

Ser pecora Certo, ma non é Lappartient che lo presiede. Quindi, da un certo punto di vista, che lui faccia pressioni è anche un po' fuori luogo. Anche perché saprà sicuramente quali sono i tempi tecnici. Perché va bene il processo "in tempi rapidi", ma se non si rispettano le procedure si chiamano "sommari"… E allora si deve mettere l'animo in pace. Certo che non averlo neppure ancora convocato a distanza di 5 mesi… caspita che procedure… Ripeto dovrebbe prodigarsi per fare in modo che queste procedure vengano riviste, questo si sarebbe un'azione degna di merito, ma è piu bello… Read more »

bianco70
Member

Anche questa è un po' "ad arte": lo convocheranno, ma a tempo debito, e comunque non è che dopo aver detto la sua sarà magicamente tutto risolto come vorrebbe far credere lui.[/QUOTE]

Vero, però mi trova d'accordo quando dice che questo tirarla per le lunghe non sia un bene per nessuno.
Tra parentesi, altri casi simili che tempistiche hanno avuto? Ulissi e Petacchi, ad esempio.

msmtrt1
Member
bianco70

Anche questa è un po' "ad arte": lo convocheranno, ma a tempo debito, e comunque non è che dopo aver detto la sua sarà magicamente tutto risolto come vorrebbe far credere lui.

Vero, però mi trova d'accordo quando dice che questo tirarla per le lunghe non sia un bene per nessuno.
Tra parentesi, altri casi simili che tempistiche hanno avuto? Ulissi e Petacchi, ad esempio.[/QUOTE]

Ulissi 8 mesi, pliuschin 9 mesi.
Per Petacchi c’era un diverso regolamento

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

daybyday
Member
daybyday

Presidente UCI inglese ..pro England….. presidente UCI francese… pro France……ma mi faccia il piacere !!!! disse il re della risata …. (Totò:..)

bianco70
Member
msmtrt1

Ulissi 8 mesi, pliuschin 9 mesi.
Per Petacchi c’era un diverso regolamento
Questo per i casi di condanna.
Per eventuali assoluzioni non si sa, in quanto non rese pubbliche

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

I tempi a cui ti riferisci sono alla sentenza o alla convocazione della prima audizione?

msmtrt1
Member
bianco70

I tempi a cui ti riferisci sono alla sentenza o alla convocazione della prima audizione?

Dalla data del test alla sentenza

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

bianco70
Member

Quindi se solo per convocare la prima audizione non sono bastati 5 mesi direi che a sentenza in quei tempi non ci si arriva.
Forse chi di dovere dovrebbe spiegare perchè, anche perchè parliamo del plurivincitore del Tour.
Mi sarei aspettato una volontà di ridurre i tempi e non di dilatarli.

msmtrt1
Member
bianco70

Quindi se solo per convocare la prima audizione non sono bastati 5 mesi direi che a sentenza in quei tempi non ci si arriva.
Forse chi di dovere dovrebbe spiegare perchè, anche perchè parliamo del plurivincitore del Tour.
Mi sarei aspettato una volontà di ridurre i tempi e non di dilatarli.

Vedremo…
Ma Lappa non mi piace proprio…

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

msmtrt1
Member
Ser pecora

…a processo in corso non sembrerebbe un po' sospetto?

Per il resto concordo.

Apro una parentesi.
Ma non sarebbe opportuno che Lappartient si occupasse anche di capire e punire chi ha favorito la fuga della notizia infrangendo proprio queste procedure che prevedono la riservatezza?

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

pedalone della bassa
Member
pedalone della bassa

non entro in merito a “colpevole si-colpevole no”, dico solo che la “forza mentale” di Froome è, almeno per me, notevole. io così “calmo e rilassato”, farei fatica ad esserlo. anche se solo di facciata. sia che si innocente o meno.

o.t. io squalificherei il taglio di capelli di Landis

CLICK17
Member
msmtrt1

"solo chiacchiere e distintivo…" cit.

Hai scritto la citazione del film gli intoccabili.
Il film racconta la storia di Ness un superpoliziotto che riesce ad incastrare il feroce Al Capone , ma non per quello che avrebbero voluto , avrebbe finito il resto de suoi giorni in carcere se non peggio , ma per un'accusa minore.
Credo che vogliano molto di più di una Vuelta cancellata o di pochi mesi di squalifica.

gx2
Member
pedalone della bassa

non entro in merito a "colpevole si-colpevole no", dico solo che la "forza mentale" di Froome è, almeno per me, notevole. io così "calmo e rilassato", farei fatica ad esserlo. anche se solo di facciata. sia che si innocente o meno.

o.t. io squalificherei il taglio di capelli di Landis

in realtà froome/sky è sempre stato colpevole di qualcosa agli occhi di parte del pubblico. Quindi in parte ci è abituato. E probabilmente aveva parecchi nemici anche nell'ambiente ben prima che questi si sentissero in dovere/diritto di esplicitarlo come ora.

B
Member
pedalone della bassa

o.t. io squalificherei il taglio di capelli di Landis

Ma quello di Wiggins lo hai visto?? :mrgreen::offtopic:

B
Member
CLICK17

Hai scritto la citazione del film gli intoccabili.
Il film racconta la storia di Ness un superpoliziotto che riesce ad incastrare il feroce Al Capone , ma non per quello che avrebbero voluto , avrebbe finito il resto de suoi giorni in carcere se non peggio , ma per un'accusa minore.
Credo che vogliano molto di più di una Vuelta cancellata o di pochi mesi di squalifica.

Si fece meno di sette anni per evasione fiscale. Nulla in confronto a quello a cui ambiva Ness.
Comunque il tuo parallelismo è chiaro.

bianco70
Member

Forse i francesi non vogliono più rischiare, dopo aver osannato per anni il texano……

msmtrt1
Member
bianco70

Forse i francesi non vogliono più rischiare, dopo aver osannato per anni il texano……

Più che altro sperano ti poter tornare ad osannare un francese, ma chi vive sperando…

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Andrea Sicilia
Editor

Mi par che ogni volta che apre bocca Lappartient, perda l'occasione per tenerla chiusa. Prima si lamenta che Froome non si autosospenda, ma potendolo fare o potendo fare una norma che almeno valga dalla data di emanazione, lui la norma non la fa. Ora prende di petto la Sky per cose non provate e verosimilmente non provabili (quindi che indagine vuol fare? Sembra la classica uscita demagogica del politicante di turno) e per fatti di 6 anni fa, magari anche prescritti (credo). Forse dovrebbe rendersi conto che in periodo di fuggi fuggi di sponsor dal ciclismo, giusto è che tutti… Read more »

Maxfire
Member

@samuelgol la perdita di credibilita e sicura fino a che non si fara chiarezza. In particolare se non si danno norme intrasigenti sulla questione doping si rischia di perdere la credibilita per sempre. Manca la capacita manageriale e evidente nessun responsabile di livello avrebbe atteggiamenti come nell ambito del ciclismo. Se la Wolswagen nel caso diselgate avesse tracheghiato ora avrebbe chiuso. Invece a preso di petto la questione ammesso le colpe e si e tratta d'impaccio. Nel Uci e nella dirigenza dei Team non vedo nessuno capace di gestire la baracca. Peccato potrebbe essere potenzialmente il piu bel sport invece… Read more »

Andrea Sicilia
Editor
Maxfire

…….. piu voragini che qui a Roma.

Non ho mai visto nulla come ora :ueh:

bianco70
Member

Intendevo gli organizzatori.
Hanno disegnato il tour a sua misura ben più di una volta perché il texano, con la favola della lotta con la morte, portava attenzioni e bei soldini .

Luca38
Member

ho come l'impressione che abbiano deciso che almeno per quest'anno il tour non lo debba proprio vincere di sicuro qua per la sky sta peggiorando ogni giorno che passa, sicuramente anche a causa di pettegolezzi e gente che potrebbe stare zitta, ma non lo fa, ma sta peggiorando anche per dichiarazioni come quella di tom perchè il suo, se fossi froome non sarei qua visto che come detto le regole glielo permettono e come ha detto lui, per quanto mi dovrei sospendere e se dopo mi assolvessero che mi ridarebbe le potenziali vittorie perse ? anche tom per me poteva… Read more »

bianco70
Member

Ser pecora Ma nemmeno. Nel 2006 sono andato alla sede di ASO, gli organizzatori del tour. C'è (o almeno c'era) un corridoio con le foto di tutti i vincitori, fino ad Indurain…alla domanda del perché: "meglio essere prudenti". Uno dei punti di forza del tour è sempre stato proprio non aver disegnato percorsi in base ai partecipanti, in primis per il loro motto che "è il tour che fa grandi i campioni, non il contrario", e secondo, perché è poco furbo. In 3 settimane può succedere di tutto, e basta una caduta per trovarsi col "designato" fuori. Veramente tutti i… Read more »

Joe_T
Member

Ma poi siamo così sicuri che froome sia così tranquillo!? E ammesso che lo sia..per quanto lo sarà ancora??
Secondo me stanno mirando proprio a destabilizzarlo..

Andrea Sicilia
Editor
bianco70

Veramente tutti i km a crono dell'era Armstrong…….

I km a crono dell'era Armstrong? Ma se quello li staccava anche in salita a tutti? ;nonzo%
Mettiamoci in testa che dove girano tanti soldi, sono quelli che comandano, quindi i percorsi li fanno sommariamente sulla base di chi paga per avere le tappe.
I percorsi ad hoc per i corridori (italiani) sono clamorosi autogol che fece il Giro del passato, con l'unico risultato di far perdere al Giro di importanza, relegandolo in parte a corsa nazionale in cui sempre più campioni stranieri non venivano (non solo per questo, ma anche per questo).

bianco70
Member

Nella corsa francese ha vinto spesso le frazioni a cronometro (12 vittorie su 19 gare individuali, compresi i prologhi, fra il 1999e il 2005).

Da Wikipedia

C
Member
bianco70

Veramente tutti i km a crono dell'era Armstrong…….

I km a crono potevano favorire Ulrich, ma purtroppo il tedesco si presentava ad inizio stagione con tre o quattro quintali di pancia…
Ciao.

Andrea Sicilia
Editor
bianco70

Nella corsa francese ha vinto spesso le frazioni a cronometro (12 vittorie su 19 gare individuali, compresi i prologhi, fra il 1999e il 2005).

Da Wikipedia

E quindi? Dovevano toglier le cronometro che ci sono sempre state? Ma dovevano togliere anche L''Alpe d'Huez. Anche il Mont Ventoux. Forse così Cipollini vinceva il Tour :mrgreen:

bianco70
Member
CRISI

I km a crono potevano favorire Ulrich, ma purtroppo il tedesco si presentava ad inizio stagione con tre o quattro quintali di pancia…
Ciao.

Il tour è a luglio, direi che è già un po più oltre l'inizio stagione.

Andrea Sicilia
Editor
bianco70

Il tour è a luglio, direi che è già un po più oltre l'inizio stagione.

Si ma se hai la panza, significa che per 3 mesi invece di allenarti hai mangiato e bevuto. Se quella panza la devi smaltire significa che devi tirare la cinghia e questo inevitabilmente influisce almeno un pò sulla qualità del tuo allenamento. La panza la si perde in inverno, lontanissimo dalle gare. Non in stagione. Il Tour non si prepara gli ultimi 2 mesi, ma gli ultimi 11.

CLICK17
Member
pedalone della bassa

o.t. io squalificherei il taglio di capelli di Landis

E' un taglio di capelli……………..stupefacente:==

C
Member
bianco70

Il tour è a luglio, direi che è già un po più oltre l'inizio stagione.

Intendevo dire che Ulrich non sempre faceva vita da atleta… Era solo per argomentare sul fatto che i francesi non disegnavano il percorso del Tour per favorire Armstrong.
I molti km a crono al Tour spesso ci sono stati con o senza Armstrong.
Ma siamo di molto OT.
Ciao.

A
Member

samuelgol Mi par che ogni volta che apre bocca Lappartient, perda l'occasione per tenerla chiusa. Prima si lamenta che Froome non si autosospenda, ma potendolo fare o potendo fare una norma che almeno valga dalla data di emanazione, lui la norma non la fa. Ora prende di petto la Sky per cose non provate e verosimilmente non provabili (quindi che indagine vuol fare? Sembra la classica uscita demagogica del politicante di turno) e per fatti di 6 anni fa, magari anche prescritti (credo). Forse dovrebbe rendersi conto che in periodo di fuggi fuggi di sponsor dal ciclismo, giusto è che… Read more »

msmtrt1
Member
Airone del Chianti

Vero. Parla come un tifoso qualsiasi (e a volte come un forumendolo bilioso) senza rendersi conto delle responsabilità e del potere che ha.

O forse facendosi forte del potere che ha e usandolo con secondi fini

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

CLICK17
Member
Airone del Chianti

Vero. Parla come un tifoso qualsiasi (e a volte come un forumendolo bilioso) senza rendersi conto delle responsabilità e del potere che ha.

Il 90% degli iscritti al forum parla da tifoso di ciclismo ma senza eccessi. Purtroppo come dici te non si rende conto delle responsabilità che ha , è uno di quelli che la responsabilità non la intende come un dovere , ma un diritto personale.
in un altro sport si dice che l'arbitro migliore è quello che non si vede.

maxmsg
Member

Una cosa è certa, per quanto mi riguarda: vedere il Froome pedalare in mezzo al gruppo alla Tirreno mi mette a disagio. Non dovrebbe essere consentito correre sub-iudice, credo sia poco rispettoso verso gli altri corridori e verso il pubblico.

msmtrt1
Member
maxmsg

Una cosa è certa, per quanto mi riguarda: vedere il Froome pedalare in mezzo al gruppo alla Tirreno mi mette a disagio. Non dovrebbe essere consentito correre sub-iudice, credo sia poco rispettoso verso gli altri corridori e verso il pubblico.

Meglio sospenderlo e poi in caso di assoluzione fargli tante scuse, una pacca sulla spalla e via![emoji6]

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Luca38
Member

ci vuole un sondaggio….a quanti diede fastidio il conta quando pedalò sub-judice e a quanti lo da ora froome che ha l'unica colpa di non aver detto la suocera per fagli uno scherzo gli spruzzò il ventolin nella minestra o nella bistecca ( non ricordo bene ).

bicilook
Member

Tanto tuonò che piovve?…;nonzo%;nonzo%;nonzo% Lappartient se non erro è il presidente dell'UCI,chi meglio di lui puo' spingere per approvare una norma che sia uguale per tutti,e che quindi in caso di positività a sostanza proibita come questo, il corridore deve essere squalificato immediatamente e debba essere data una risposta definitiva in tempi non brevi,ma brevissimi? Mi sembra invece che sia l'ennesimo presidente dell'UCI che parla bene ma razzola male,si continua a navigare nell'ambiguità e nell'incertezza di norme che portano sempre,a parità di reato, a diversità di trattamento tra un corridore e un altro. Con questa ambiguità il doping anzichè diminuire… Read more »

Luca38
Member
bicilook

Intanto io l'ho detto fin dall'inizio di questa storia…il caso Froome finirà in una bolla di sapone…

dura i suoi colleghi la prendano bene però….
qualche mese devono darglielo secondo me