Dieci giorni dopo la vittoria al GP Denain, Mathieu Van der Poel (Corendon-Circus) ha vinto anche la Dwars door Vlaanderen davanti Anthony Turgis (Direct Energie) e Bob Jungels (Deceuninck – Quick Step).

Questa vittoria è la prima di questo livello per il campione olandese, due volte campione del mondo di ciclocross (2015 et 2019).

La corsa è stata fermata per far passare un’autoambulanza per la corsa femminile. Ripartita la fuga con 3’15” a 76km dall’arrivo è stato Nelson Oliveira ad accendere la miccia, raggiunto poi da Mathieu Van der Poel e Anthony Turgis prima e da Tiesj Benoot (Lotto-Soudal) e Bob Jungels (Decenunick) poi. Quindi Moreira è stato raggiunto da Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe), in fuga dal mattino (rientrato dopo lo stop grazie ad una moto della televisione che l’ha pure intervistato). Moreira che però poi ha forato, finendo fuori gioco.

Alla fine si è risolto tutto allo sprint, con Turgis che ha lanciato la volata troppo presto favorendo Van der Poel, nettamente più forte (Jungels dirà poi sapeva che contro di lui in volata non c’erano chances).

Grande vittoria di Van der Poel a 24 anni, dopo anche il 4° posto alla Gent-Wevelgem.

Decenunick che con un turnover da squadra calcistica premium riesce sempre ad essere protagonista ed andare almeno a podio. Direct Energie (che intanto ha presentato domanda per una licenza WorldTour per il 2020)che con Turgis in forma e Terpstra e Petit sembra essere in forma per le prossime classiche del pavé.

In campo femminile vittoria di Ellen Van Dijk (Trek-Segafredo) davanti Marta Bastianelli (Team Virtù Cycling) e Lucinda Brand (Team Sunweb).