Miguel Indurain: “nel ciclismo di oggi conta solo vincere”

74

Miguel Induráin, intervistato recentemente a margine di un evento amatoriale, ha commentato un aspetto del ciclismo attuale che non gli piace. Il 5 volte vincitore del Tour de France ritiene infatti che il ciclismo attuale abbia perso parte dell’essenza che questo sport aveva ai suoi tempi, quando i corridori che entravano nella “top 10” in un grande giro erano valutati molto di più. Ovvero i piazzamenti erano qualcosa che era chiaro anche al grande pubblico che fosse molto difficile da raggiungere e per cui si richiedono doti e sacrifici non comuni:  “Prima finire tra i primi 10 in un grande giro era un successo, mentre ora se non sei sul podio o anche se sei solo sul podio, pare conti poco, perché conta solo vincere“.

Induráin ritiene che questo sia una cosa negativa per lo sport, non solo per il ciclismo, ma che sia una mentalità che si è diffusa a tutti gli sport poiché solo chi vince viene considerato, e nient’altro: “Questo non succede solo nel ciclismo, è nello sport in generale , ora conta solo vincere”, ha commentato la leggenda del ciclismo spagnolo.

Il cinque volte campione del Tour de France ha raccontato che ha fatto questa riflessione dopo aver parlato con un ciclista professionista che corre oggi in gruppo, il quale gli ha detto che oggi “soffrono mentalmente” mentre gareggiano. Indurain ha cosi sottolineato che nel ciclismo attuale “si soffre più di testa che di gambe“.

Un attuale corridore professionista che corre da molto tempo mi ha detto che andare in bicicletta oggi è molto stressante e che finiscono per essere più stanchi di testa che nelle gambe, perché devono passare tutto il giorno a dieta, allenarsi, viaggiare… e che devono correre sempre a tutta, cosa che li sfinisce mentalmente, rendendoli molto stressati. Ora il ciclismo è uno sport diverso da quello della mia epoca”, ha commentato Induráin.

Questo aspetto è stato sottolineato da molti professionisti veterani, come Thibaut Pinot ad esempio, il quale ha spesso lamentato l’enorme stress a cui sono sottoposti i ciclisti oggi, per cui un grande giro non è più una grande festa anche per i ciclisti, e non ci sono più momenti di “leggerezza”, ma è tutto stressante, calcolato e pressante.

In tempi recenti vari vincitori del Tour de France hanno confessato di avere avuto momenti di difficoltà psicologica dopo le loro vittorie, andando in alcuni casi anche in depressione, come Bradley Wiggins, Geraint Thomas e Jonas Vingegaard. Questo a causa della vita monacale che richiede la preparazione per un grande giro oggi, e per le grandi pressioni a cui sono sottoposti i ciclisti una volta che hanno vinto, per cui gli enormi sacrifici a cui si sottopongono devono diventare permanenti per continuare a vincere. Dan Martin, ora ritirato, ha ben definito questo aspetto, definendo il ciclismo attuale come “prescrittivo”.

Ma quello che dice Indurain è un aspetto ormai evidente anche nelle discussioni tra gli appassionati: l’unico interesse è per chi vince, i piazzamenti sono tenuti in scarsa o nulla considerazione. Corridori che fanno piazzamenti nella top 10 di un grande giro sono considerati “mezze cartucce”. Questo, oltre che dare una visione distorta della realtà, ha anche degli effetti pratici: oggi le 4-5 superstar che vincono le gare importanti sono molto ben pagate, ma i gregari, in rapporto, molto meno rispetto anni fa. Gregari che non solo sono indispensabili, ma fanno esattamente gli stessi sacrifici dei supercampioni, tra diete, stage e viaggi continui. Il tutto nella più scarsa considerazione.

Commenti

  1. pedalone della bassa:

    scusate, ma quando un grande del passato, commenta sempre in modo critico il presente, boh.....mi fà una strana sensazione.
    Forse che con strana sensazione intendevi.. meno umanità ?
    Perchè se ho ben capito è questo il succo del discorso che i vari campioni del passato "lamentano" e spazia in ogni forma sportiva oltre che nella vita di tutti i giorni.
  2. dinute:

    Ok, ma quindi? E' una critica i tifosi, all'UCI, ai corridori? Pogacar dovrebbe fare come lui? correre il tour e poi non farsi vedere per mesi, non dovrebbe correre le classiche per non stressarsi e guadagnare meno?
    Comunque nelle gare di bicicletta, anche da bambini nella piazza della chiesa dopo catechismo, si partiva insieme e vinceva chi arrivava primo. Secondo, terzo o quinto non contava niente. Non lo vivevamo come un problema
    Lui non correva solo il Tour. Ha fatto due doppiette col Giro e ben figurato anche a diversi mondiali dove ha fatto due argenti e un bronzo in linea oltre ad un oro a cronometro. Ha corso 7 Sanremo, mai con grandi risultati e 4 Liegi. E correva tantissime corse a tappe minori durante tutto l'anno oltre a 8 volte la Vuelta.
  3. Ser pecora:

    Beh, a leggere i vari commenti non mi pare cosi scontata la risposta, anzi....siamo andati avanti 15 anni con la UsPostal-Sky che facevano i trenini e l'attacco all'ultimo kilometro, e Froome guarda solo il Pm, etc.etc...

    Comunque mi pare che non si colga che la lamentela è rispetto la poca considerazione per i piazzamenti ;nonzo%
    perchè, prima, i piazzamenti erano considerati?

    credo "paghino" meglio, sia come stipendio che come immagine un 5° oggi al Tour che non negli anni di Indurain
    ancora di più con il fatto che ora c'è la "storia" dei punti WT, e quindi, le squadre, pagano anche bene un corridore che possa garantire piazzamenti, anche senza vittorie
Articolo precedente

Pidcock e MvdP battono i primi colpi

Articolo successivo

Ritchey Swiss Cross 50° anniversario

Gli ultimi articoli in Magazine

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…