Milan Vader grave dopo la caduta ai paesi baschi

69

Milan Vader (Jumbo-Vima) è caduto in una discesa a cento chilometri dal traguardo nella 5^ tappa del Giro dei Paesi Baschi a Mallabia questo venerdì. Il 26enne olandese, compagno di squadra di Primoz Roglic e Jonas Vingegaard, è volato oltre il guard-rail ed è stato subito soccorso e trasportato in un ospedale di Bilbao.

Secondo i media olandesi era in una “condizione critica”. Ferito con un taglio sul collo all’altezza della carotide, il corridore è stato posto in coma artificiale con la preoccupazione di mantenere una buona funzione cerebrale. Soffre anche di diverse fratture alle vertebre, ad una scapola ed una clavicola.

Ieri sera il team Jumbo-Visma ha parlato di “situazione stabile”.

Milan Vader, 26 anni, ha ottenuto il 10° posto in mountain bike alle Olimpiadi di Tokyo.

Commenti

  1. albertissimo:

    Indubbiamente.
    I casi citati erano riferiti alla pericolosità insita nell'andare in bicicletta e nello specifico di gareggiare.
    A prescindere dal sistema frenante.
    Il discorso di Magrini era riferito al "nuovo" modo di frenare in discesa che potrebbe accentuare i rischi per chi va al limite come i professionisti.
    Magrini ha detto una sciocchezza. Staccare (e non preparare la frenata) quando si fa? Nei tornanti. In qualsiasi altra curva i freni si toccano appena. A me non viene in mente nessuna caduta di chi "staccando" al tornante è caduto in qualche maniera o è andato dritto.
    Da che mondo e mondo una miglioria tecnica aiuta. I freni a disco no. Siccome funzionano meglio (implicitamente ammesso da Magrini) allora i corridori cadrebbero di più? Suvvia. Ste sciocchezze non starei manco a veicolarle.
  2. Fill:

    Perché a 40 non cadi...?;nonzo%
    Magari a 40 qualche minima( ripeto minima) possibilità di rimediare a qualche imprevisto esiste, poi è chiaro che rischi di romperti l'osso del collo anche a 25 all'ora...Era per dire che affrontano le discese come gli under 23 tutto qui
  3. Non per la statistica, ma a 12 km/h in salita ho preso un segnale stradale sulla fettuccia oltre la linea bianca ( stavo guardando il deragliatore) e mi sono ribaltato picchiando la faccia ( suture sul labbro etc ). A 60 km/h in discesa un colpo di vento mi ha sbilanciato e sono scivolato fuori strada : sbucciature e tagli , ho continuato la gara fino alla postazione dell'ambulanza per le medicazioni. Come dire , la velocita' non e' tutto, dipende da come vai a terra e cosa trovi sulla strada ( guard-rail, fossi, paracarri )
Articolo precedente

Van Aert salta l’Amstel e forse anche la Roubaix

Articolo successivo

Lappartient e le paure sul doping

Gli ultimi articoli in News