MvdP soffre ancora di mal di schiena

22

Mathieu van der Poel (Alpecin-Deceuninck) soffre ancora del mal di schiena che lo ha afflitto durante la passata stagione. Lo ha riferito lui stesso dopo essere stato ancora battuto da Wout van Aert nella gara di ciclocross di Zonhoven, ieri, dopo essere caduto due volte sulle pista sabbiosa durante i primi due giri.

Il corridore olandese, che  festeggerà il suo 28° compleanno tra 10 giorni, ha concluso con un ritardo di oltre 1’23” dal suo rivale: “Nelle settimane precedenti Wout era sicuramente più forte. Ma nei nostri ultimi due scontri mi ha preceduto di oltre un minuto. Questo divario la dice lunga sulla situazione attuale. In questi giorni faccio degli errori perché non sono abbastanza concentrato sul percorso“.

E’ stato durante la gara giovedì scorso a Koksijde che il quattro volte campione del mondo ha visto ricomparire il dolore alla schiena, un anno dopo essere stato costretto a terminare la sua stagione a causa degli stessi disturbi, in seguito all’incidente in mountain bike ai Giochi Olimpici di Tokyo: “La mia schiena non va bene. Posso fare uno sforzo massimale di mezzo giro, ma non di più. Ogni volta devo trovare una posizione più comoda per alleviarlo. È frustrante“.

La situazione è comunque migliore rispetto allo scorso inverno: “In passato avevo ancora dolore anche quando non ero in bici. Ora posso allenarmi senza problemi“.

Oggi volerà in Spagna per un ritiro su strada con la sua squadra, la Alpecin-Deceuninck. “Non vedo l’ora di arrivare lì. Questi dieci giorni mi faranno bene. Potrò concentrarmi sulla guarigione della mia schiena. Tutto il personale sarà lì per aiutarmi. Anche se stavamo già cercando di farlo qui con persone che si prendono cura di me“.

Il campione olandese spera di risolvere il dolore alla schiena per la prossima Coppa del Mondo, il 22 gennaio a Benidorm, in Spagna. Anche se resta da capire se sia saggio continuare a gareggiare in ciclocross con questo dolore, rischiando di peggiorarlo e potenzialmente precludersi l’avvio di stagione nelle classiche a cui punta. Ed al contempo non fare risultati incoraggianti anche per il morale con le ruote tassellate, complice anche la paura di cadere, come ha affermato il padre, Adrie, durante la gara di Vermiglio.

Commenti

  1. È giovane, ed è un pro seguito da uno staff di professionisti. Una protrusione non è nulla, lo è solo se ti da fastidio. Se fai una risonanza magnetica a 100 persone troverai ernie e protrusioni varie a tanta gente che non penserebbe di averle... io invece so di averle ma pedalo uguale (uguale per modo di dire.. intendo mvd) :mrgreen:
  2. LucLov:

    È giovane, ed è un pro seguito da uno staff di professionisti. Una protrusione non è nulla, lo è solo se ti da fastidio. Se fai una risonanza magnetica a 100 persone troverai ernie e protrusioni varie a tanta gente che non penserebbe di averle... io invece so di averle ma pedalo uguale (uguale per modo di dire.. intendo mvd) :mrgreen:
    Ciao LucLov, si in effetti è così. Io ho una protrusione piccola, ho fatto 4 infiltrazioni intraforaminali di ossigeno_ozono (quelle sotto guida tac) nell'ultimo anno, chiropratici, terapie, massaggi, ma ad ogni modo dopo le uscite in bici (che ho ridotto tantissimo) sento sempre la schiena tirare e contrarsi. Già controllata la posizione. Mi è stato detto che è una verosimile "sindrome miofasciale" che potrebbe durare anche anni. Nel quotidiano ho migliorato tanto, il problema c'è solo durante/dopo l'attività di ciclismo. Sono stato anche da un bravo neurochirurgo di Mantova (Dott. Mattia Sedia) che mi ha detto "Io non saprei nemmeno cosa operarti". Mi sa che devo portare ancora pazienza. Paradossalmente alzare pesi (in modo corretto) in palestra non mi da alcun problema di schiena.
  3. evolux:

    Ciao LucLov, si in effetti è così. Io ho una protrusione piccola, ho fatto 4 infiltrazioni intraforaminali di ossigeno_ozono (quelle sotto guida tac) nell'ultimo anno, chiropratici, terapie, massaggi, ma ad ogni modo dopo le uscite in bici (che ho ridotto tantissimo) sento sempre la schiena tirare e contrarsi. Già controllata la posizione. Mi è stato detto che è una verosimile "sindrome miofasciale" che potrebbe durare anche anni. Nel quotidiano ho migliorato tanto, il problema c'è solo durante/dopo l'attività di ciclismo. Sono stato anche da un bravo neurochirurgo di Mantova (Dott. Mattia Sedia) che mi ha detto "Io non saprei nemmeno cosa operarti". Mi sa che devo portare ancora pazienza. Paradossalmente alzare pesi (in modo corretto) in palestra non mi da alcun problema di schiena.
    Ognuno deve trovare la sua strada, ma quella maestra è sempre cmq l'attività fisica. Io ero preso con le bombe, ora faccio ginnastica posturale e soprattutto plank tutte le.mattine da 10 anni. Nel frattempo ho iniziato a fare triathlon, c'ho preso gusto, chiuso un ironman e le due ernie e varie protrusioni non mi ricorso più cosa siano.. in bocca al lupo e non scoraggiarti mai!!!
Articolo precedente

Le voragini nelle strade

Articolo successivo

6 bodybuilder contro 1 pistard

Gli ultimi articoli in Magazine

Finalmente Ganna!

Desenzano del Garda, 18 maggio 2024 – Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) ha vinto la quattordicesima tappa del Giro…

Milan mette la terza

Cento, 17 maggio 2024 – Jonathan Milan (Lidl-Trek) ha vinto la tredicesima tappa del Giro d’Italia 107, la Riccione-Cento…