Nuova Trek Domane SLR

Nuova Trek Domane SLR

25/07/2019
Whatsapp
25/07/2019

La Trek Domane ha rivoluzionato il settore delle bici endurance introducendo il primo efficace sistema di smorzamento delle vibrazioni e sollecitazioni con l’IsoSpeed, un sistema basato su una elastomero che agisce solo sul nodo piantone-orizzontale, tanto efficace da essere poi montato anche sulla più racing Madone SLR, in versione regolabile. Ora Trek ha rinnovato completamente questo modello, arrivato alla terza versione, la Domane SLR.

Le nuove caratteristiche della Domane SLR sono immediatamente riconoscibili ad occhio nudo, e seguono i dettami più in voga oggi, come i cavi integrati ed i freni a disco (è disponibile solo con questo sistema frenante). Conserva il sistema IsoSpeed sia posteriore che anteriore, come nella versione MkII, ma in questa versione (chiamata internamente da Trek MkIII) l’IsoSpeed posteriore è identico a quello della Madone, ovvero regolabile con una staffa sotto l’orizzonte. Nella posizione più morbida è più flessibile del 27% rispetto al vecchio. Mentre la staffa più lunga lo rende maggiormente regolabile rispetto versione precedente. Oltretutto la flessibilità è anche “regolata” in base alle taglie, presupponendo pesi maggiori per le taglie grandi e minori per le taglie piccole.

Il reggisella perde la caratteristica tipicamente Trek di essere rovesciato e diventa simile a quello della Madone, con anche la staffa integrata per le luci. Disponibile in 2 lunghezze e 2 Off-Sets.

Sempre sulla falsariga Madone, la forcella presenta ora steli dritti. Si notano sempre gli attacchi per i parafanghi però.

La parola d’ordine di questa Domane infatti è versatilità. Quindi conserva i vari attacchi per i parafanghi delle versioni precedenti, ma acquisisce un pratico e molto ben concepito vano nell’orizzontale, accessibile tramite uno sportellino apribile con una levetta, dove infilare camera d’aria e multi-tool: l’Hidden Storage.

La pratica pochette in cui ordinare levette, bombolette C02, e camera d’aria è ovviamente fornito da Bontrager, il BITS Roll Tool. Un ottimo e pratico accessorio che rende la linea della bici molto pulita.

Sempre in tema versatilità, la Domane SLR aumenta il volume dei copertoni utilizzabili, montando di serie dei 32mm, ma potendo accogliere sino a 38mm (lasciando i canonici 4mm per lato) o 35mm con i parafanghi montati. Le ruote di serie sulla versione top di gamma che vedete in foto sono chiaramente Bontrager, le nuove Aeolus PRO3V, con canale interno da ben 25mm.

Grossa novità il movimento centrale, che non è più BB90, ma il T47, un movimento centrale sviluppato da Chris King e Alchemy Bikes, che in sostanza è un PressFit 30 filettato, quindi compatibile con scatole 68 e 73mm e perni 24mm, o 24 conici o 30mm. La scelta di utilizzare questo movimento centrale è dovuta al fatto che questa Domane SLR è concepita anche per uso gravel e quindi un movimento filettato da maggiori garanzie in termini di affidabilità e manutenzione nonostante sporco intenso.

La Domane ora è disponibile in ben 9 taglie, con l’aggiunta di taglie più piccole, indirizzate alle donne (invece di aver modelli specifici da donna) Nelle taglie. piccole saranno montate le leve short-reach Shimano.

La geometria è unica, ovvero la Endurance , mentre la  H1,5 Fit sarà disponibile solo tramite il programma Project One.  La differenza tra le due è di 4cm di differenza in Stack  con Reach più corto di 1cm. Le bici saranno disponibili in più colori, oltre appunto alla possibilità di personalizzarle tramite Project One.

La gamma sarà declinata in modelli SLR in carbonio OCLV 700 e modelli SL in carbonio OCLV 500, più economico. I modelli SL non hanno l’IsoSpeed regolabile ed hanno reggisella classico tondo. La versione top SLR9 che vedete in foto è offerta a 10.500eu.

La bici ho potuto provarla su un percorso sui colli Euganei, ed ha confermato le impressioni sempre positive riguardo la Domane, che a mio avviso è da erme la miglior bici della categoria endurance. Il peso complessivo del telaio è di 200gr in più della vecchia, ma i contenuti tecnologici ci sono e si fanno apprezzare parecchi. Il sistema IsoSpeed è a mio avviso il migliore del genere.

La Domane SLR ha acquisito sicuramente versatilità grazie alle coperture, standard le 32mm, , ma che montate sui cerchi da ben 25mm di canale interno, fanno perdere un po’ di “brillantezza” alla bici. Nel senso che il comparto ruote-pneumatici è decimante sovradimensionato per un uso stradale. Diverso se si affrontano percorsi gravel, dove l’effetto “tappeto magico” è garantito, anche se su terreni particolarmente accidentati personalmente mi farei qualche remora ad usare quasi 11.000eu di bici, ma è una considerazione personale ovviamente.

Nel complesso la nuova Domane SLR conferma ancora una volta la bontà del progetto di base, affinato anno dopo anno. Ed acquisendo ora anche un’estetica più gradevole, facendola sembrare la sorellina minore e meno “palestrata” della Madone.

Stupende poi le colorazioni ProjectOne ICON, con vernici glitter cangianti (a parte quella rosso-marmorizzato del modello fotografato, che personalmente trovo un po’ “pesante”), già disponibili per la Madone SLR.

49
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
46 Comment threads
3 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
29 Comment authors
utahIpercoolgashtMK Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
jacknipper
Member
jacknipper

condivido la perplessità espressa nell’articolo sull’adottare cerchi\coperture di quelle dimensioni: o l’isospeed non funziona o non si capisce perchè servirebbero coperture >25-28 su una bdc che, comunque, rimane una endurance, non una gravel.

la colorazione rossa forse piacerà nel nord europa ma appesantisce la linea in modo insopportabile: nera fa tutto un altro effetto

jacknipper
Member
jacknipper
Ser pecora

Con le gommone ovviamente c'è un diverso assorbimento e grip su terreni fuoristrada.
Più che altro credo, opinione personale, che Trek abbia voluto "caratterizzare" con ruote e coperture una bici che altrimenti è molto simile alla Madone.

è probabile
rimane la perplessità su chi dovrebbevorrebbe comprare questa bdc per fare sterrati …

fabiopon
Member
fabiopon

Capricciosiesibizionistisimilprodanarosi non sembra ma ce ne sono parecchi in giro, purtroppo o per fortuna dipende dai punti di vista…

andry96
Member
Ser pecora

Magari la versione top da n-mila euri pochi, ma le versioni intermedie…poi col "gravel" è sempre difficile capire cosa siano gli sterrati. Se strade bianche o singletrack dolomitici…

Per i comuni mortali strade bianche non troppo sassose, per i masochisti machisti trail dolomitici e rock garden:==

andry96
Member

Comunque la bici mi sembra molto bella e sicuramente le idee sono interessanti, solo che per le mie esigenze è decisamente troppo gravel

golias
Member

Alla vista delle prime foto apparse in rete non mi è piaciuta.. ma con questa colorazione già mi aggrada molto di più:

Vedi l’allegato 184013

Ciò non toglie che è una Trek e per esperienza sarà ben difficile che mi avvicini ancora a questo marchio.. troppo votato al marketing e poco alla sostanza a mio modo di vedere.
A maggior ragione adesso che si sono inventati un altro tipo di Mc ;pirlùn^

S
Member
Striker

E’ praticamente identica alla Madone 2015 H2

golance
Member

non mi piacciono le bici endurance ma questa è veramente bella forte. verniciature trek spettacolari.

D
Member
doublet

o-r-r-i-b-i-l-e

Devastazione
Member

Mi sarei giocato la Colnago che sarebbe arrivata prima Specialized a fare lo SWAT per le sue bdc ma cosi' non e' stato. Brava Trek,prima o poi ne provero' una !

golias
Member
Devastazione

Mi sarei giocato la Colnago che sarebbe arrivata prima Specialized a fare lo SWAT

;nonzo%

Lightwave
Member

Quando sei stato sui Colli? :shock::shock::shock: È un periodo caldo questo in zona :mrgreen:

Molto particolari le colorazioni…credo alzino il costo :mrgreen: Sarei curioso di sapere come fanno a farle

M
Member
Moledana

Quasi quasi sego anche io il portaboraccia della mia king per farci un vano portaoggetti.

Docste
Member

In termini di peso, c'è qualche dato? Grazie

Inviato dal mio LM-G710 utilizzando Tapatalk

123lorka
Member
123lorka

Bella e bella, ma in pratica e una gravel costosa. Condivido il pensiero sul usare 11000€ su strade gravel…se uno non e alibaba e una follia.

andry96
Member
golias

;nonzo%

Il nome dello sportellino fatto da specialized sulle sue mtb

maurocip
Member

ora che si cominciano a vedere più foto e più articoli, confermo il fatto che pur avendo avuto una domane (di cui ero entusiasta), questa nuova ha qualcosa che la fa sembrare vecchia… Non capisco bene cosa, forse semplicemente mi sono venute a noia i telai slooping cun un po' troppe "curve"… Al di là di questo trovo geniale il nuovo scomparto, anche se non so se possa diventare fonte di rumori e trovo decisamente poco in linea con una bici da strada i copertoni da 32… Tra tutte le foto, l'unica che me la fa digerire è l'ultima, quella… Read more »

golias
Member
maurocip

Questa corsa al rialzo dei pesi infine la trovo un po' balorda… ogni modello nuovo pesa un po' più del precedente, boh

Il peso è adeguato al prezzo :mrgreen:
Pesa di più paghi di più.. è l'inversione di tendenza del mercato ;pirlùn^

Maxfire
Member

Versione 1 sparizione dei cavi
Versione 2 sparizione del borsello sottosella
Versione 3 sparizione della panza del ciclista.
A quando questa ultima versione ???

newbie
Member
Maxfire

Versione 1 sparizione dei cavi
Versione 2 sparizione del borsello sottosella
Versione 3 sparizione della panza del ciclista.
A quando questa ultima versione ???

Per la versione 3 potrei fare un mutuo se non ci arrivo con i soldi che ho 🙂

Sent from my Redmi 5 Plus using BDC-Forum mobile app

D
Member
doublet

liposuzione

S
Member
sdematteis

in pratica è la prima bici da cicloturismo a superare i 10000 euro di prezzo. Almeno il bikepacking lo potevano dare omaggio. Vai con il tango

kekino
Member

Cavolo, a me piace un sacco a vederla così… poi come tutte le trek probabilmente se la vedo dal vivo non mi piacerà per nulla, principalmente per sloping e tubo superiore curvo così… però mi piacerebbe proprio una bici del genere, ma con i prezzi sono completamente fuori secondo me :mrgreen:
Per curiosità altre case hanno un approccio simile con comparto nascosto portaoggetti? Tra Isospeed, scomparto segreto e pneumatici larghi, è veramente interessante…

D
Member
doublet

siamo sicuri che lo swat non sia coperto da brevetto?

E
Member
extreme power

come si fa ad avere coperture da 28 o 32, adesso ti dicono che servono per la comodità la scorrevolezza ecc ecc, ho visto una scott nuova con freni a disco e copertoncino di serie da 28 e devo dire che è inguardabile non venite a raccontare che è meglio, assomiglia piu’ ad una bici da passeggio e fra un po’ ad una mountain bike state tranquilli che nel giro di qualche anno si arriverà ad avere coperture sempre piu’ grosse che stanno snaturando la vera bdc, di questa trek mi piace solo la verniciatura, e le 11.000€ una follia,… Read more »

Devastazione
Member
doublet

siamo sicuri che lo swat non sia coperto da brevetto?

Non credo ci sia nessun brevetto di mezzo,alla fine tutti i telai sono vuoti dentro,si tratta di applicare solo le giuste tecnologie al carbonio per renderlo robusto/rigido/flessibile e bla bla anche in presenza di un buco di dimensioni consistenti.

D
Member
doublet

mah… non ne sarei così tanto sicuro, visto che specy gli ha dato anche un nome… cmq vedremo come andrà a finire..

robeambro
Member

extreme power come si fa ad avere coperture da 28 o 32, adesso ti dicono che servono per la comodità la scorrevolezza ecc ecc, ho visto una scott nuova con freni a disco e copertoncino di serie da 28 e devo dire che è inguardabile non venite a raccontare che è meglio, assomiglia piu' ad una bici da passeggio e fra un po' ad una mountain bike state tranquilli che nel giro di qualche anno si arriverà ad avere coperture sempre piu' grosse che stanno snaturando la vera bdc, di questa trek mi piace solo la verniciatura, e le 11.000€… Read more »

Devastazione
Member
jacknipper

è probabile
rimane la perplessità su chi dovrebbevorrebbe comprare questa bdc per fare sterrati …

Penso che nessuno ci fara' sterrati,semmai e' la comodita' di avere quelle gommone e passare a tutta velocita' ed in sicurezza sui nostri asfalti ormai mitragliati e ridotti ad una grattugia. Lo facevo spessissimo con con la mia Diverge con gomme da 32 ed era una vera goduria. Certo uno si deve scordare della reattivita' ma credo che cliente tipo di questa bici la voglia di "scattare" e buttare giu' watt l'abbia terminata da un pezzo.

L
Member

Costi da fuoriserie però accontentandosi si ha una bici da corsa comoda un po’ per tutti, per me è promossa

Tall
Member

Quando commentate il prezzo assurdo e l'inutilità di una bici gravel/ciclocros così costosa ricordatevi che le producono sopratutto per il resto del mondo, della condizione economica nel nostro paese a loro non interessa nulla, rappresentiamo un granellino di sabbia rispetto alle vendite che fanno in giro per il mondo e questo vale non solo per le bici ma anche per automobili e tutti gli altri beni di consumo.

T
Member
golias

Il peso è adeguato al prezzo :mrgreen:
Pesa di più paghi di più.. è l'inversione di tendenza del mercato ;pirlùn^

:))):

golias
Member

Tall Quando commentate il prezzo assurdo e l'inutilità di una bici gravel/ciclocros così costosa ricordatevi che le producono sopratutto per il resto del mondo, della condizione economica nel nostro paese a loro non interessa nulla, rappresentiamo un granellino di sabbia rispetto alle vendite che fanno in giro per il mondo e questo vale non solo per le bici ma anche per automobili e tutti gli altri beni di consumo. Ma chi te lo dice questo ? In italia si possiede in media 1,7 autovetture per numero di patenti dove il resto del mondo arriva a malapena a 1, così come… Read more »

D
Member
dgalvagni

Bici per le mie esigenze molto interessante, a parte il prezzo. Per chi come me va in strada ma non disdegnerebbe qualche giro in sterrato penso sia un buon compromesso. Magari con doppi cerchi, uno + stradale e uno + grave. Volevo sapere se anche per la serie SL monta copertoni da 32 o può montarli. Che gruppi monterà? Penso che ci sarà una versione con nuovo gruppo GRX?!?

K
Member

Se potessi permettermi di spendere 11.000€ per un mezzo del genere la prenderei subito essendo felice possessore di una Madone 6.9 SSL dal 2012 con la quale mi trovo ancora molto bene. Comunque non c'è nulla da fare, il ciclismo sta diventando sempre più uno sport x svips, e la colpa è solo nostra…nessuno ci obbliga a desiderare o comprare i modelli top di gamma anziché quelli di media gamma che vanno comunque benissimo,e le aziende produttrici questo lo sanno e ne approfittano…vedi certi prezzi ingiustificati, telai e ruote da 5/6000€, tecnologia e ricerca, ma dài…!! Sarei curioso di sapere… Read more »

M
Member

kingofmanghen Sarei curioso di sapere a Shimano cosa costa FINITO un gruppo Dura Ace Di2…mah! Tra tutti i produttori di bici e componenti, hai preso l'unica azienda che e' pubblica (quotata in borsa) e pertanto obbligata periodicamente a comunicare agli azionisti ricavato, margini etc divisi per settore. Non ho letto tali rapporti agli azionisti, anche perche' dubito che comunichino i dati per ciascun gruppo (per questioni di mercato); tuttavia il margine lordo di shimano e' di circa il 40 per cento, in crescita negli ultimi anni. E' un margine piuttosto alto, ma non altissimo, reso possibile dal dominio esercitato sul… Read more »

gasht
Member

martin_galante Tra tutti i produttori di bici e componenti, hai preso l'unica azienda che e' pubblica (quotata in borsa) e pertanto obbligata periodicamente a comunicare agli azionisti ricavato, margini etc divisi per settore. Non ho letto tali rapporti agli azionisti, anche perche' dubito che comunichino i dati per ciascun gruppo (per questioni di mercato); tuttavia il margine lordo di shimano e' di circa il 40 per cento, in crescita negli ultimi anni. E' un margine piuttosto alto, ma non altissimo, reso possibile dal dominio esercitato sul mercato e dalla natura del settore (poco tecnologico, ma con alta protezione della proprieta'… Read more »

M
Member

gasht xtr e dura ace dovrebbero essere fatti interamente a sakai. per i gruppi di punta leggevo che il carbonio (per i gruppi top, ie guarnitura) non è stato preso in considerazione perchè serve più manodopera rispetto all'alu, considerando che il costo della manodopera giapponese è abbastanza alto (se non altro perché il giappone soffre la mancanza di manodopera in maniera drammatica). sarebbe interessante avere i dati del margine di shimano su produzione giapponese. Credo sia difficile da fuori, disporre di dato così dettagliato. Qui ci sono dei brevi rapporti per gli investitori https://www.shimano.com/en/ir/library/cms/financial_reports.html Si evince che le vendite di… Read more »

golias
Member
gasht

sarebbe interessante avere i dati del margine di shimano su produzione giapponese.

Non li avrai mai a meno che qualche manager all'interno se ne appropi e se li venda.. materiale troppo strategico per essere divulgato.

Ipercool
Member

Ragazzi siamo OT….

Comunque, giusto per concludere la parentesi, tutti questi dati (soprattutto se affidabili) sono molto difficili da reperire, non solo per il mercato ciclistico.

C'è un report annuale sul mercato della bicicletta, approfondito e ben articolato.

La licenza monoutente per leggerlo costa 2.900$, quella multiutente 5.800$.

Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk

U
Member

gasht xtr e dura ace dovrebbero essere fatti interamente a sakai. per i gruppi di punta leggevo che il carbonio (per i gruppi top, ie guarnitura) non è stato preso in considerazione perchè serve più manodopera rispetto all'alu, considerando che il costo della manodopera giapponese è abbastanza alto (se non altro perché il giappone soffre la mancanza di manodopera in maniera drammatica). sarebbe interessante avere i dati del margine di shimano su produzione giapponese. Il ricorso a due tecnologie diverse da parte di Campagnolo e SH, sono portato a pensare sia in relazione ai numeri di produzione. In questo caso… Read more »

gasht
Member
Ser pecora

Vedi l’allegato 184909

il gabbia lunga xtr 2008 era in carbonio. la guarnitura come sopra invece non l'hanno mai proposta seriamente in commercio. (50 esemplari)

https://www.condorcycles.com/blogs/journal/45427329-dura-ace-carbon-cranksets

U
Member

E' sta una scelta per l'appunto, per evitare che pescatori vadano a pescare con Guarniture e Ciclisti vadano a pedalare con Canne da pesca..:==

Da un punto di vista tecnico preferisco la scelta di SH di utilizzare quel tipo di lavorazione.

Ma probabilmente bene ha fatto Campagnolo da differenziarsi con la lavorazione del Carbonio.

Molte volte sfugge il fatto che la struttura Campagnolo rispetto a SH è poco piu' di un Artigiano

U
Member

Vero ma pur sempre un'azienda da 110 ml di fatturato che per il contesto in cui si trova sono sempre buoni numeri..