Si profila una dura sospensione per Dylan Groenewegen

Si profila una dura sospensione per Dylan Groenewegen

03/11/2020
Whatsapp
03/11/2020

Forse ben 9 mesi di sospensione per Dylan Groenewegen (Jumbo-Visma) per la caduta di Fabio Jakobsen (Deceunink) al giro di Polonia dello scorso 5 agosto. Secondo il sito olandese Wielerflits questa sarebbe la sospensione a cui andrebbe incontro lo sprinter della Jumbo-Visma, che dovrebbe essere ufficializzata dall’UCI a fine settimana, secondo le loro fonti.

 

 

Jakobsen si era ferito gravemente a causa di questa caduta, che gli è costata 130 punti di sutura, la perdita di tutti i denti e la ricostruzione totale della mascella con parte d’osso prelevata dal bacino. Solo recentemente Jakobsen ha postato sui suoi social dei messaggi in cui racconta come gli siano stati tolti gli ultimi punti e che prossimamente ricomincerà ad allenarsi.

Se questa sanzione venisse confermata sarebbe oltremodo dura, e significherebbe una ripresa delle competizione per Groenewegen dalla primavera 2021.

 

Commenti

  1. Maverik89:

    No le transenne non erano a norma e se le hanno fatte passare come tali è li che devono andare a punire.
    Siamo bene o male tutti d'accordo che Groeneveghen ha fatto una scorrettezza e che questa ha causato la caduta di Jakobsen, tutti d'accordo che scene molto simili si sono già verificate tra velocisti. La vera eccezionalità del caso sono le conseguenze dopo la caduta oltre che l'infortunio di Jakobsen, questo genere di cose non si sono mai viste negli sprint tra professionisti, oltre al grave infortunio su quelle barriere entrate nel percorso ha fatto cadete tutti quelli dietro. Groeneveghen non ha responsabilità oltre la sua scorrettezza.
    Dove hai letto che non erano a norma? Mi sembra di ricordare che i regolamenti UCI siano molto poco restrittivi su questo, e dovrebbe bastare ancor meno per essere a norma di legge (non so in Polonia).

    Come dici, "Groeneveghen non ha responsabilità oltre la sua scorrettezza". Questo e' vero, e per altro la scorrettezza e' anche abbastanza contenuta. Purtroppo pero' tale responsabilita' non lo e', in quanto ha causato lesioni gravissimi.

    Ripeto l'esempio, se vai a 60 dove in auto bisognava andare a 50, e butti per terra un pedone, e' una responsabilita' grave. Non hai altre responsabilita' otlre a quella di essere andato troppo forte, ma questa responsabilita' e' grave e non comportera' solo una multa. Poi puo' darsi che il pedone si sia fatto piu' male perche' ha sbattuto sullo spigolo del travertino del marciapiede, e se fosse stato stondato magari aveva danni minori. Ma questa sara' al piu' un'attenuante per il reato commesso, e neanche quella se il bordo in travertino rispetta le norme. Non mettetevi solo dalla parte del guidatore, ma anche da quella dei genitori del pedone investito.

    Poi, io non credo che Groeneveghen sia un mostro, non penso proprio che volesse farlo cadere, e tutto sommato non mi interessa di giudicarlo come uomo. Ma in generale, dobbiamo sapere che il peso delle nostre azioni va oltre la multa 'se ti dice male e ti pizzicano'. Uno dei motivi per i quali le strade sono cosi' pericolose per i ciclisti, e' proprio questa confusione di responsabilita'.
  2. Maverik89:

    ho scritto "No le transenne non erano a norma e se le hanno fatte passare come tali è li che devono andare a punire."
    il tuo esempio sul marciapiede stondato o meno, è troppo sottile.
    il "comportamento" all'impatto delle transenne è evidentemente diverso rispetto a qualsiasi altra transenna mai vista nelle corse WT.
    Un esempio casomai potrebbe essere quello di un automobilista investe un pedone pur non superando il limite di 50km/h (ipotizziamo ai 40) in una strada dove l'attraversamento è mal segnalato e dove le regole del CdS imporrebbero un limite di 30km/h. a quel punto sicurmanente l'automobilista ha delle responsabilità, ma la giustizia dovrebbe perseguire anche chi non ha applicato il giusto limite e/o non ha fatto la manutenzione/adeguamento della segnaletica.
    Almeno parzialmente sono d'accordo con te. Infatti, dal punto di vista della giustizia ordinaria, non credo che DG avra' problemi seri. Penso comunque che l'UCI avesse tutte le ragioni per una sospensione, anche se il tipo di scorrettezza non e' peggio di tante altre (ma non scordiamo che e' l'arrivo piu' veloce del WT).