SRAM Red AXS 13V gravel notato all’Unbound

92

L’Unbound Gravel, ex-Dirty Kanza, la corsa regina del mondo gravel, che si tiene nel nulla del Kansas negli USA, è spesso un laboratorio ed una vetrina per tutte le nuove soluzioni dedicate a questa disciplina. Non è passato inosservato (all’occhio attento di Anne-Marije Rook, di Cyclingweekly)  quindi un gruppo SRAM basato su un misto di comandi del nuovo Red AXS e componenti dedicati.

foto: Anne-Marije Rook

Il deragliatore chiaramente è derivato dal cugino Eagle da Mtb, il tutto a 13V. Da questo è evidente la derivazione vista la mancanza del forcellino del deragliatore, col cambio che si avvita direttamente al telaio. Qui, potete trovare tutte le informazioni riguardo il suo funzionamento.

foto: Anne-Marije Rook

Questa potrebbe essere quindi la versione “Explorer” da gravel del Red AXS, solo in versione monocorona e 13V. E sembra un prodotto pronto alla commercializzazione.

 

Commenti

  1. Lumi:

    Linea di catena più esterna non significa cassetta più larga o pignone piccolo più esterno, il limite per la cassetta all'esterno è il telaio e oltre il pignone piccolo delle cassette a 12v già non c'è più spazio. La linea di catena è determinata dalla guarnitura, dalla largezza del mozzo e del MC.
    la cassetta Transmission è 2.5mm più esterna rispetto alla Eagle, questo perchè lo standard UDH consente di avere più spazio verso l'esterno. è ovvio che il telaio deve essere conforme altrimenti non sarebbe compatibile UDH.
  2. Comunque … Abbiamo criticato l’estetica del nuovo campy, ma un deragliatore brutto e ingombrante come questo non si era mai visto, sembra un lanciamissili messo a fianco del telaio …
  3. Come scrivevo nella presentazione del nuovo sram red mi pareva strano che non facessero uscire qualcosa che mutuasse i concetti decisamente innovativi introdotti con i nuovi deragliatori transmission per mtb. Giustamente stanno pensando di "attaccare" dal lato gravel dove i telai compatibili con forcellino udh cominciano ad essere sempre di più...in pratica se ci fate caso ogni nuova gravel (o revisione di vecchia gravel) presentata ultimamente ha il forcellino udh (che comunque è un discreto vantaggio anche per chi la userà con shimano). Nelle bici da strada non è ancora così, ed in ogni caso il nuovo tipo di trasmissione per il suo tipo di funzionamento dubito che possa supportare la doppia davanti.

    Quindi a vedere dalle foto sembrerebbe che vogliano sostituire l'attuale gamma di deragliatori xplr con delle versioni in scala ridotta del deragliatore eagle transmission presentato per le mtb, aggiungendo una velocità e magari ampliando un pochino l'estensione della cassetta (da 10-44 a 10-46). Ah, ovviamente direi che è la pietra tombale con riferimento ad ogni possibilità che sram in futuro riconsideri la doppia su gravel.

    Comunque la mossa la trovo logica, resta un po' il paradosso che se vuoi avere maggior range (tipo me) ti becchi una marcia in meno....ma il bello del sistema axs è che a questo punto uno può cambiare setup con una certa facilità. Per dire oggi mi compro una gravel con montaggio "mullet", vedo che fanno uscire un deragliatore con 13 o magari in futuro 14 velocità e cassetta che copre le mie esigenze....cambio deragliatore e cassetta e tutto si accoppia ai comandi che già ho. Se invece sto in casa shimano, mi compro un monocorona (attualmente solo meccanico) e un domani shimano decide finalmente di evolversi nell'elettrico o magari che ne so di stare sul meccanico mettendo più velocità, tocca per forza ricomprare anche i comandi.

    E ragazzi....robustezza, facilità di regolazione (in sostanza non c'è regolazione da fare) e funzionamento sotto sforzo di questo nuovo tipo di trasmissione sono impressionanti. Ho visto video in cui prendono tranvate clamorose e continuano a funzionare. Vi posto questo esempio:
    [MEDIA=youtube]791aIoCWNn4:326[/MEDIA]
    Come potete vedere il tipo venendo giù come un disgraziato (credo che la videocamera non renda affatto la pendenza) impatta nel modo peggiore possibile su una roccia con la ruota posteriore sostanzialmente facendo detonare il cerchio, con la gabbia del cambio che quindi va ad urtare per terra con tutto il peso del rider sopra. Se guardate nel prosieguo del video la gabbia ovviamente si è storta ma il deragliatore è fatto apposta per sostituire in 5 secondi e senza attrezzi solo quel pezzo (che attualmente costa, è vero) e una volta fatto questo torna tutto a funzionare come si deve.
Articolo precedente

4 anni di squalifica per Miguel Angel Lopez

Articolo successivo

La nuova Trek Emonda? O la nuova Madone?

Gli ultimi articoli in News