Storica tripletta Jumbo-Visma sul Tourmalet

85

Dominio Jumbo-Visma sulla prima grande tappa di montagna della Vuelta, con arrivo sul Tourmalet. Jonas Vingegaard è passato per primo sul traguardo, seguito dai compagni Sepp Kuss a a +30″ e terzo Primoz Roglic a +33″. Primo non Jumbo Juan Ayuso (UAE-Emirates) a +38″. In completa perdizione Remco Evenepoel, già crollato sull’Aubisque a 100km dal traguardo ed è poi giunto con l’abissale distacco di +27’5″ all’arrivo.

Vingegaard festeggiava oggi il compleanno della figlia Frida, e quindi ha deciso di dedicarle una vittoria alla Vuelta, accelerando su Marc Soler (2° in classifica generale questa mattina) a 7 km dalla vetta e andando a vincere da solo, anche se poi ha perso abbastanza vantaggio sul gruppetto inseguitore negli ultimi 2km ed è arriato al traguardo visibilmente provato.

Dietro di lui, Sepp Kuss ha gestito bene la salita e ha concluso molto bene a soli 30″, con Primoz Roglic non molto lontano a ruota (+33″), per mettere sotto torchio i suoi ultimi rivali (Juan Ayuso, Enric Mas e Cian Uijtdebroeks) e consolidare la sua maglia rossa. Alla vigilia di un’altra tappa pirenaica di alto livello, lo scalatore americano ha un vantaggio di 1’37 su Roglic e di 1’44 su Vingegaard. La Jumbo-Visma ora regna sovrana in questa Vuelta e non resta che vedere come la squadra olandese gestirà questa rara situazione, tre compagni di squadra ai primi tre posti in un grande giro, fino a Madrid domenica prossima.

Commenti

  1. charlietrotter:

    Evenepoel e' sicuramente un corridore divisivo (per gli appassionati).
    Il suo pregio secondo me e' che dice (spesso) quello che pensa, e' uno diretto nel bene e nel male; la stragrande maggior parte degli sportivi in genere davanti ai microfoni sono di una banalita' mortale, per cui ben venga uno che non dica il solito bla, bla, bla.
    Come corridore e' fortissimo nelle gare di un giorno, un (ex) campione del mondo strameritato, non scherziamo.
    Nei grandi Tour, attualmente, non sembra in grado di competere con i piu' forti, ma e' molto giovane., per cui ha dei margini di miglioramento enormi ed a cronometro e' una bomba. Vincere una Vuelta come quella dell'anno scorso fa curriculum, ma c'erano pochi avversari ed il percorso era meno esigente di quest'anno.

    Riguardo alla Jumbo difficile non pensare che abbiano la "medicina giusta" prima degli altri.
    Oltre ai 3 in classifica, non so se avete visto anche quello che hanno fatto prima Gesink e Kelderman......
    ....disse Vingegaard intervistato appena finito il Tour de France nel salotto di France TV che a precisa domanda sul doping rispose: "Non ho preso niente di (attualmente) vietato"......; appunto, tutto quello che si puo' fare si fa finche' non lo vieteranno; chi e' piu' avanti arriva primo...
    Ma di hessman positivo non si è saputo piu’ nulla? Dovevano fare le controanalisi o sbaglio?
  2. servarel:

    pensa se dicesse proprio "squaraus"...diventerebbe subito l'idolo delle folle italiche
    Di sicuro mi diventerebbe immediatamente simpatico
  3. Marco Zwitaly:

    Remco era chiaramente voluto uscire di classifica in maniera plateale per poter andar poi a caccia di tappe, era piuttosto evidente, altro che "avrà avuto il covid" o "adesso secondo me si ritira"; infatti il giorno dopo ha stravinto, e ieri (non son riuscito a vedere la gara perchè lavoravo, ho visto solo gli highlights su GCN) mi sembra abbia animato la fuga per il 90% della tappa. Tutti fenomeni dal divano.
    secondo me, se avesse avuto le gambe, non avrebbe mai preso 27 minuti.

    Semplicemente quel giorno non la muoveva, chiunque di noi sa che esistono quei giorni in cui fai schifo e basta
Articolo precedente

Ornus, la gravel in legno

Articolo successivo

Pirelli richiama i copertoni P Zero Race TLR nella misura 28mm

Gli ultimi articoli in News