Tirreno-Adriatico: Alexey Lutsenko vince la 4^ tappa. Adam Yates ancora in azzurro

Tirreno-Adriatico: Alexey Lutsenko vince la 4^ tappa. Adam Yates ancora in azzurro

16/03/2019
Whatsapp
16/03/2019

Fossombrone, 16 marzo 2019 – Il corridore kazako Alexey Lutsenko (Astana Pro Team) ha vinto la Tappa 4 della Tirreno-Adriatico NamedSport, da Foligno a Fossombrone di 221 km. Sul traguardo ha preceduto Primoz Roglic (Team Jumbo – Visma) e Adam Yates (Mitchelton – Scott). Il britannico Adam Yates (Mitchelton – Scott) conserva la Maglia Azzurra.

RISULTATO FINALE
1 – Alexey Lutsenko (Astana Pro Team) – 221 km in 5h16’29”, media 41,897 km/h
2 – Primoz Roglic (Team Jumbo – Visma) s.t.
3 – Adam Yates (Mitchelton – Scott)​ s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1 – Adam Yates (Mitchelton – Scott)
2 – Primoz Roglic (Team Jumbo – Visma) a 7″
3 – Tom Dumoulin (Team Sunweb) a 50″

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da Gazprom – Adam Yates (Mitchelton – Scott)
  • Maglia Arancione, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Sportful – Mirco Maestri (Bardiani CSF)
  • Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Enel – Alexey Lutsenko (Astana Pro Team)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Open Fiber – Sam Oomen (Team Sunweb)

Il vincitore di tappa, Alexey Lutsenko, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Sono caduto due volte negli ultimi 20 km e questo ha resto tutto più difficile. Per fortuna nel gruppetto di tre corridori che inseguiva c’era il mio compagno di squadra Jakob Fuglsang. Considerando quello che è successo, sopratutto la caduta finale, sono davvero felice di aver ottenuto una vittoria come questo in una giornata che sembrava dover concludersi male. Mi dà tanta motivazione per domani e per le classiche.

La Maglia Azzurra Adam Yates ha dichiarato: “È stata una frazione dura, come una classica delle Ardenne, tutto il giorno su e giù per strade tortuose e salite ripide. Siamo rimasti sempre nella posizione in cui dovevamo essere. Sull’ultima salita sono riuscito a mantenere il ritmo di Roglic; sono un po’ deluso di non aver conquistato la tappa ma credo di poter dire che oggi ha vinto il più forte”.