Tour de France: Froome dentro Ackermann fuori

2

A 10 giorni dal Grand Départ del Tour de France arrivano le ultime convocazioni, con qualche sorpresa. Sorpresa positiva per Chris Froome, che correrà da gregario per la IsraelSUN a supporto di Michael Woods.

Per Froome si tratta di un’opportunità per mostrare al mondo la sua tenacia e forza mentale nel tornare al Tour dopo l’incidente. Pare chiaro che non potrà fare grandi cose, ma la sua presenza è comunque un bel segnale e ottima visibilità per la Israel, che in ogni caso non sembra poter competere per la classifica generale, affidandosi a Woods come capitano, il quale ha un 7° posto alla Vuelta come miglior risultato in un GT, ed un 32° come risultato all’unico Tour da lui disputato. Al suo fianco, oltre al 36enne Froome, il 34enne Dan Martin, reduce dal Giro dove ha centrato il 10° posto ed una vittoria di tappa. L’esperienza non mancherà certo alla Israel che schiererà anche il 38enne André Greipel. Solo 3 i corridori sotto i 30 anni (ma tutti sopra i 25) per la formazione israeliana.

Sorpresa negativa per Pascal Ackermann, che non è stato convocato dalla Bora-Hansgrohe. Disappunto enorme per lo sprinter tedesco, ed è lui stesso a dirlo su Radsport News: “stavo terminando ieri un allenamento dietro motore per i ritocchi finali prima del Tour e Ralph (Denk, il Team Manager ndr-) mi ha chiamato. Fino a quel momento ero convinto di fare il Tour. Quindi mi sono fermato e potete immaginare il resto…[…] Sono più che dispiaciuto, devo dire. Ralph è sempre stato un uomo di parola, ma questa volta non è lo stato per niente. Era stato detto che avrei fatto il Tour dopo 3 anni e che sarebbe stato cosi e non dovevo preoccuparmi. Senza questa promessa non avrei firmato il contratto al tempo. È per questo che sono estremamente deluso“.

Ovviamente Ralph Denk ha precisato che la convocazione era ovviamente dipendente dalla forma e dai risultati, e quest’anno il contatore delle vittorie di Ackermann è a zero. Ha dovuto anche arrendersi al redivivo Mark Cavendish al giro del Belgio: 3° nella 5^tappa dietro l’inglese e Tim Merlier.

Ma lo sprinter tedesco ha precisato: “Certo che non ci sono state vittorie, ma non è una ragione per non permettermi di partecipare se la forma è a posto. E lo è. Se sapessi di non essere in forma capirei, ma lo sanno tutti che lo sono, e lo potete vedere dai dati che non è una questione di forma. Non riesco a capire la ragione. Lui lo sa (Denk -ndr-) e lo sa tutta la squadra. È per questo che sono cosi deluso”.

Si capisce il disappunto di Ackermann proprio per la mancanza di risultati sin qui nella stagione e la mancata vetrina del Tour alla luce del suo contratto con la Bora in scadenza a fine stagione. La squadra tedesca pare sia già decisa a separarsi da Peter Sagan, ora con questo precedente con Ackermann è difficile capire quali siano i progetti nel comparto velocisti. Ackermann pare abbia già dei contatti con la UAE-Emirates.

 

Commenti

Articolo precedente

Pirelli presenta il nuovo P7 sport

Articolo successivo

Siamo tutti dei pro

Gli ultimi articoli in News

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…