Un caso di doping tecnologico amatoriale in Austria

Alla corsa tirolese Jubilee Cycling World Cup di St. Johann (50^ edizione) è stato trovato un motore elettrico sulla bici di un amatore ungherese nato nel 1952 ai controlli pre-partenza. Il controllo è stato effettuato su una segnalazione ed è stato realizzato tramite una app su un tablet. Il non più giovanissimo amatore, che si aggirava nella zona controllo nervosamente, secondo quanto raccontato dagli organizzatori, una volta confrontato con i controllori se ne sarebbe andato senza proferire parola.

Lo stesso amatore aveva vinto la propria categoria l’anno scorso con 2′ di vantaggio sui primi inseguitori.

Articolo precedente

Nuova Cannondale Topstone

Articolo successivo

Vuelta 2018: Valverde batte Kwiatkowski

Gli ultimi articoli in Magazine

Attenzione ai siti fake

Nelle ultime settimane sono apparsi online dei falsi siti web creati da truffatori desiderosi di fare…