Van Vleuten e Evenepoel trionfatori alla Liegi

53

Vittorie di autorità alla Liège-Bastogne-Liège 2022. Prima quella di Annemieke Van Vleuten (Movistar), già vincitrice nel 2019, che si è offerta un bis a 39 anni lasciando tutte le concorrenti sui pedali ai -15km, sulla salita di Roche-aux-Faucons, per poi arrivare sola, nonostante il vento contrario sfavorevole, con 43″ di vantaggio su Grace Brown (FDJ Nouvelle-Aquitaine Futuroscope), la quale ha vinto lo sprint delle inseguitrici davanti l’olandese Demi Vollering (Team SD Worx).

89^vittoria in carriera per la Van Vleuten.

26′ vittoria in carriera e prima vittoria alla prima partecipazione alla Liegi invece per Remco Evenepoel (Quick-Step), con un’azione simile a quella della Van Vleuten, ma con un attacco portato ancora più da lontano, ai -28km, sulla mitica côte de la Redoute. L’azione di Evenepoel poi è stata implacabile, andando a riprendere i vari fuggitivi, tra cui l’ultimo, Bruno Amirail della Groupama, prima di arrivare al traguardo da solo con 48″ di vantaggio sugli inseguitori.

Completano il podio dopo uno sprint di gruppo Quinten Hermans (Intermarché) e Wout Van Aert (Jumbo-Visma). Andando a comporre un podio totalmente belga, cosa che alla Liegi non succedeva dal 1976.

Prima vittoria di Evenepoel in una classica monumento. All’età di 22 anni ed 89 giorni, il più giovane vincitore della Liegi dagli anni ’60 (Carmine Preziosi nel 1965 la vinse a 21 anni e 299 giorni).

Da segnalare che col 3° odierno Wout Van Aert quest’anno è salito 10 volte sul podio su 14 corse disputate.

Stagione segnata dalla sfortuna per ora per il campione del mondo Julian Alaphilippe, il quale è caduto rovinosamente ai -66km ed ha lasciato la corsa in ambulanza. Dalle prime informazioni sembra che le sue condizioni non siano gravi.

Commenti

  1. samuelgol:


    Non serve andare chissà dove per le azioni in solitaria alla Liegi. Nel 2018, Jungels è arrivato solo. Nel 2019 Fulgsang è arrivato solo. Le ultime due edizioni le hanno vinte Roglic e Pogacar, arrivando in minigruppetti in cui c'erano entrambi.

    Non azione solitaria in generale, ma azione solitaria partita sulla Redoute...
  2. jan80:

    .........
    Poi che un'azione come quella di ieri un Pogacar non sarebbe riuscito a farla e' altrettanto vero......Remco e' un signor cronoman
    Pogacar non ha nelle gambe una azione come quella di ieri? Lui semmai scatta 20 km prima, ai -50 come alla Strade Bianche.
  3. Ser pecora:

    Ricordiamoci che ha 22 anni. Tra 5 o 6 o 10 potrebbe andare il doppio il Pogacar come no....non è già fatto e finito come corridore, ma in continua evoluzione. Come Pogacar d'altronde.
    Ovviamente no.....parlo di oggi,stiamo comunque parlando di ragazzi giovanissimi,con maturazioni anche diverse magari,pero' io un'azione come quella di ieri da Remco me la poteva aspettare,che invece mi stacca tutti e arriva con 2 minuti su Mortirolo o Alpe d'Huez no,poi magari lo fara',pero' io al momento la vedo difficile,come che Pogacar possa vincere una crono mondiale battendo Ganna,Remco e Van Aert in pianura
Articolo precedente

Tadej Pogacar non correrà la Liegi

Articolo successivo

Fratture per Alaphilippe e Van Wilder

Gli ultimi articoli in News

Attenzione ai siti fake

Nelle ultime settimane sono apparsi online dei falsi siti web creati da truffatori desiderosi di fare…