Vingegaard fa l’impresa, vince la tappa e prende la maglia gialla

66

Jonas Vingegaard (Jumbo-Visma) è la nuova maglia gialla, grazie alla vittoria nella 11^ tappa, Albertville-Col du Granon (151,7km e 4070mt di dislivello). Il danese ha tagliato il traguardo con 59″ di vantaggio su Nairo Quintana (Arkea-Samsic), secondo, e 1’10” su Romain Bardet (Team DSM), terzo. Ma soprattutto con 2’51” di vantaggio su Tadej Pogačar (UAE-Emirates) che perde così la maglia gialla e si ritrova ora 3° in classifica generale a +2’22” da Vingegaard e +6″ da Bardet.

Tappa memorabile, in cui è successo di tutto, dall’attacco al km 0 di Wout Van Aert e Mathieu van der Poel (poi ritirato), sino agli attacchi in forza della Jumbo-Visma sul col du Galibier per mettere in difficoltà Pogačar. Sloveno che però da par suo ha contrattaccato isolando Vingegaard, il quale è restato sempre alla sua ruota.

Il gruppo di testa si è ricomposto tra il Galibier e l’inizio del col du Granon, con intanto Warren Barguil che è andato in fuga solitaria. Sulle ripide rampe del Granon ha prima rotto gli indugi Nairo Quintana, su una salita a lui congeniale, seguito poi da un Bardet in ottima condizione. Ai -5km l’attacco decisivo di Vingegaard con Pogačar non solo incapace di inseguirlo, ma superato via via anche dagli altri nel gruppetto: Geraint Thomas e Adam Yates (Ineos) e David Gaudu (Groupama).

Pogačar può consolarsi avendo il record di numero di tappe consecutive vestendo la maglia bianca: 41. Che è anche il record assoluto di ogni classifica del Tour (maglia gialla, a pois e verde). Batte il record di Jan Ullrich nel periodo 1996-1998 (anche allora per la maglia bianca).

Vingegaard è invece alla sua prima vittoria al Tour, alla sua seconda partecipazione. In passato era già arrivato tre volte secondo di tappa: alla 17^tappa  (Col du Portet) e alla 18^ (Luz-Ardiden) nel 2021, ed alla  7^  tappa(La Super Planche des Belles Filles) quest’anno. In ognuna di queste occasioni il vincitore è stato Tadej Pogacar.

Appena toccate le alpi ed il Tour è aperto come non mai. Domani la tappa con l’alpe d’Huez, ma mancano ancora i Pirenei e la cronometro di Rocamadour. Lo spettacolo di oggi pare essere stato solo l’antipasto.

 

Commenti

  1. Cosa poteva fare Pogacar di diverso? Io dico niente. Quando ti ritrovi 2 Vs 1 non é facile se il livello dei 2 é alto. E non mi sembra che ci sia stata nemmeno tutta questa sagacia tattica della Jumbo che ha fatto ciò che andava fatto con quei 2 e con quello squadrone. Loro avevano la certezza di poter contare sulla squadra.
    E proprio la squadra é la vera nota stonata di ieri con una UAE assolutamente non all'altezza. E qui faccio ammenda (non sono un tipo orgoglioso:friends:) perché ho sbagliato totalmente previsione. Alla vigilia del Tour scrissi qui sul forum che la UAE era in crescita, non ai livelli di Jumbo e Ineos, ma migliorata. Mi sbagliavo di grosso. E questo dovrebbe far riflettere sul fatto che a Pogacar ieri forse é andata anche bene.
  2. Ser pecora:

    Stesso mio errore. Sulla carta mi sembrava una squadra solida e rafforzata. Ok, la sfiga di Bennett (Laengen passi), ok Hirschi che è venuto a tappare un buco, ma Soler e McNulty per ora sono li a fare da comparse....
    mi viene un dubbio
    che abbiano "sbagliato" completamente l'avvicinamento al Tour?
    ammesso, che al giorno d'oggi, si possa commettere un errore del genere
  3. robeambro:

    Così come alla Jumbo le star sono chiare, ma Laporte e Benoot sono mesi che vanno come treni, e pure Kruijswik pare tornato ai fasti di un tempo.

    A me danno tanto fastidio i commenti di chi si lamenta della Jumbo supersquadra, quando i valori in campo sulla carta non sono poi tanto diversi, ma alla Jumbo stanno rendendo tutti a differenza della Ineos (metà squadra) e della UAE (quasi nessuno).
    beh, a me la Ineos non sembra stia andando affatto male, con gli uomini che ha
    è prima nella classifica a squadre (che avrà poco impatto mediatico, ma un pochino alle squadre interessa)
    Thomas è 4° (a pochi secondi dal 2° posto)
    Yates 6°
    Pidcock 11° (lui che ok ha vinto il Giro under, ma si è "definito" corridore da corse di 1 giorno)

    non hanno il Pogacar o Vinge della situazione, ma credo stiano, per ora, ottenendo il massimo possibile
Articolo precedente

La Soudal-QuickStep non continuerà con Mark Cavendish

Articolo successivo

Come nasce una bici?

Gli ultimi articoli in News

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…