News #Milano-Sanremo 2021

112^ Milano–Sanremo: la Classicissima torna a primavera

112^ Milano–Sanremo: la Classicissima torna a primavera

Piergiorgio Sbrissa, 18/02/2021

[Comunicato stampa] Sabato 20 marzo si corre la Classicissima di Primavera sul percorso tradizionale tranne che per l’esclusione del Passo del Turchino (bloccato per una frana) e sostituito dal Colle di Giovo che non cambia nella sostanza la difficoltà altimetrica. Dopo la discesa su Albisola si percorrerà tutta l’Aurelia prima di affrontare i tre Capi, la Cipressa e il Poggio. Finale sul tradizionale traguardo di via Roma nella Città dei Fiori.

Milano, 18 febbraio 2021 – Ritorna la Primavera e con lei ritorna la sua Classicissima. Sabato 20 marzo la 112^ edizione della Milano-Sanremo ripropone il percorso classico eccezion fatta per il passaggio da Passo del Turchino che non è percorribile per una frana. Si transiterà quindi dalla salita di Colle di Giovo per poi scendere sull’Aurelia ad Albisola e fare gli ultimi 112 km che da sempre la contraddistinguono con il passaggio sui tre Capi prima di Cipressa e Poggio e arrivo in via Roma. La misurazione totale del percorso sarà di 299 km.

Ultimi KM
A 9 km dall’arrivo inizia la salita del Poggio di Sanremo (3.7 km a meno del 4% di media con punte dell’8% nel tratto che precede lo scollinamento). La salita presenta una carreggiata leggermente ristretta e 4 tornanti nei primi 2 km. La discesa è molto impegnativa su strada asfaltata, ristretta in alcuni passaggi, con e un susseguirsi di tornanti e di curve e controcurve fino all’immissione nella statale Aurelia. L’ultima parte della discesa si svolge nell’abitato di Sanremo. Ultimi 2 km percorrono lunghi rettilinei cittadini. Da segnalare a 850 m dall’arrivo una curva a sinistra su rotatoria e ai 750 m dall’arrivo l’ultima curva che immette sulla retta finale di via Roma, tutto su fondo in asfalto.

DICHIARAZIONI
Paolo Bellino, Amministratore Delegato e Direttore Generale di RCS Sport ha dichiarato: “La scorsa edizione della Milano-Sanremo è stata disputata in una data insolita e su un percorso inedito. I risultati sono stati molto positivi da un punto di vista agonistico e da un punto di vista mediatico e di seguito di pubblico. Questa esperienza ci ha fatto capire una volta di più l’interesse che ruota intorno alla Classicissima di primavera e l’attesa con cui i tifosi di tutto il mondo aspettano questo appuntamento. Quest’anno per l’edizione 112 della corsa, con  Regione Liguria abbiamo deciso di riportare la Milano Sanremo sul suo percorso “classico”.
Quindi la maggior parte del percorso resterà quello tradizionale con l’Aurelia, i Tre Capi, Cipressa e Poggio prima dell’arrivo in via Roma mentre non potremo affrontare il Turchino per motivi tecnici. Quello che è certo è che anche questa edizione vedrà i più grandi protagonisti del ciclismo internazionale dare spettacolo su strade diventate leggendarie grazie alla Classicissima”.

Il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha commentato: “La Milano-Sanremo torna ad aprire la stagione ciclistica, torna in primavera e, seppure con un tracciato ancora diverso da quello tradizionale, torna per buona parte nella sua Liguria. Sono le mimose, gli ulivi, il mare a comporre la giusta cornice di questa classicissima del ciclismo, è lo sfilare dei corridori lungo la costa uno dei fattori più importanti del suo fascino inimitabile. A tutto ciò si aggiunge quest’anno la speranza che la gara segni l’inizio di un ritorno alla normalità che tutti attendiamo: abbiamo dovuto patire troppi rinvii, troppe chiusure, troppe rinunce alle manifestazioni primaverili ed estive, che sono il volto dell’ospitalità ligure e della sua vocazione turistica. Ricominciamo dunque dalla Milano-Sanremo: che sia un’iniezione di energia, di speranza e l’occasione di una vera ripartenza per tutti”.

L’Assessore al Turismo di Regione Liguria Gianni Berrino ha detto: “Sono estremamente soddisfatto che gli organizzatori abbiano optato per il percorso che anche noi come Regione avevamo suggerito. La scelta, vista l’impossibilità del passaggio sul Turchino, di far passare la gara sull’Aurelia da Albisola in tutta la provincia di Savona e concluderla nella Città dei fiori è quella più logica. La Milano-Sanremo, corsa tra le più importanti e seguite della stagione agonistica, è una vetrina importantissima dal punto di vista turistico perché, tramite la diretta televisiva, si potranno ammirare per qualche ora i panorami della Liguria di Ponente sia quelli della riviera che quelli dell’entroterra. Penso ad esempio ai tre capi storici prima di Imperia (Capo Mele, Capo Cervo e Capo Berta) oppure, dopo il passaggio dello scorso anno sul Col di Nava, al Giovo con Stella e Sassello”.

L’Assessore allo Sport della Regione Liguria Simona Ferro ha aggiunto: “La Milano – Sanremo è la Classicissima, la più importante e famosa corsa di un giorno che si disputa in Italia, una delle cinque gare ‘monumento’ internazionali del ciclismo. Questa è la gara di Girardengo, dell’eterna sfida di Coppi e Bartali ed evoca grandi nomi del ciclismo italiano come Saronni, Moser, Cipollini sino ad arrivare a Nibali. La Milano-Sanremo appartiene alla Liguria ed è uno degli appuntamenti che mostra al mondo intero le peculiarità della nostra stupenda regione. Pur senza il percorso classico, la Milano-Sanremo deve comunque interessare gran parte del nostro territorio. Come Regione Liguria abbiamo suggerito un percorso, attraverso Sassello ed Albissola, che garantisca un elevato standard agonistico e che attraversi la maggior parte della nostra regione”.

Commenti

  1. jacknipper:

    eh ma io la regione liguria l'avrei mandata affangala con tutti i suoi ottusi amministratori
    spero almeno si siano fatti pagare e tanto
    penso proprio che la Regione metta ogni anno sul piatto una discreta sommetta... d'altra parte, con la visibilità internazionale che la corsa fornisce, è sicuramente un investimento con un ritorno altissimo per un'area che vive soprattutto di turismo: https://www.regione.liguria.it/area-stampa/archivio-comunicati-stampa-della-giunta/item/28866-regione-sta-lavorando-affinche-corsa-passi-su-piu-territorio-ligure-possibile.html
  2. bradipus:

    quindi passano da Acqui e Sassello, e non fanno il Bric Berton come si era ipotizzato.
    Mah, quando era venuto questo percorso mi aveva incuriosito, passare da Molare, Cassinelle verso il Bric Berton mi sembrava interessante e un filino più impegnativo del solito, poi contrordine compagni, meglio sudare poco da Acqui Sassello......
  3. bradipus:

    comunque il Bric Berton lo hanno fatto in passato per alcune edizioni (2001 e 2002, mi pare), sempre a causa di una frana che aveva reso intransitabile il Turchino, ma ci fu comunque volatona di gruppo.
    Può essere duro quanto si vuole, ma a 150 km dal traguardo difficilmente può essere decisivo.