Magazine #allenamenti

L’allenamento di Richard Carapaz prende quota

L’allenamento di Richard Carapaz prende quota

Piergiorgio Sbrissa, 17/02/2021

Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) si sta allenando sulle strade di casa, in Ecuador, suscitando non poca invidia, per i panorami e luoghi attraversati, a noi poveri europei incastrati tra zone a colori cangianti e temperature invernali.

Oltre ai panorami, fanno impressione le altitudini a cui si allena il vincitore 27enne del Giro d’Italia 2019. In effetti già solo la capitale Quito si trova a 2763mt sul livello del mare, ma le più recenti sortite del campione Ecuadoriano hanno toccato i 4800mt sul livello del mare, sulle pendici del vulcano Cotopaxi (5897mt).

Exploit nell’exploit che interesserà i soliti noti è il fatto che Carapaz sia salito, e presumibilmente sceso, per una strada non asfaltata, con Lightweight e freni Rim!

E come ogni entusiasta di ciclismo il buon Richard sembra intenzionato a cercare nuove sfide: salire sulla più alta montagna (vulcano per la precisione) del suo paese, il Chimborazo (6263mt).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Richard Carapaz (@richardcarapaz)

Commenti

  1. sofiya:

    Ti hanno rilasciato il certificato?
    Vedevo ieri sul primo canale che ne girano di falsi.
    Si, ma non mi trovo in Italia. Il vaccino lo ha passato il mio datore di lavoro -congiuntamente con l'autorita' locale-, non ho alcun motivo di dubitare dell'autenticita'. Ho avuto un po' di febbre il giorno dopo, ma non ho saltato neanche un giorno di rulli, anche se appunto il giorno dopo ho fatto solo 15 minuti..
  2. Alla fine anche loro devono trovare il modo e gli stimoli per farsela passare e rendere meno noiosi gli allenamenti.
    Certo che lì di opportunità per fare km in quota non mancano e bravo lui ad inventarsi nuovi percorsi.
  3. Una volta, durante un soccorso, feci uno scatto di 50 metri a 3800 metri di quota per evitare una scarica di sassi. Ricordo distintamente il dolore atroce ai quadricipiti e ai polmoni. Non oso immaginare così voglia dire andare a quelle quote. Però invidio il Riccardo!