Cameron Wurf ha corso una mezza maratona appena finita la Roubaix

46

Subito dopo aver terminato il proprio lavoro percorrendo i 256,6 km di un’estenuante Parigi-Roubaix l’australiano Cameron Wurf (Ineos-Greandiers) ha deciso di fare una solida uscita di scarico correndo (l’equivalente di) una mezza maratona in 1h26′.

Wurf, in gara per proteggere il suo leader Filippo Ganna ( 6°), ha comunque raggiunto il traguardo nel velodromo di Roubaix, con più di 22 minuti di ritardo dopo il vincitore di giornata Mathieu Van der Poel.
Questi 256,6 km di gara, di cui 54,5 su settori in pavé, non sono stati sufficienti per l’australiano. Subito dopo aver tagliato il traguardo Wurf è sceso dalla bicicletta e si è diretto verso il Belgio e la regione di Gent, ed appena arrivato si è messo a correre l’equivalente in km di una mezza maratona. Nonostante la fatica questo triatleta esperto di Ironman ha percorso 21,2 chilometri in 1h26′, alla buona media di 4’06” al chilometro.

Triatleta dal 2015, ha vinto tre Ironman e ha concluso il più famoso alle Hawaii all’11° posto nel 2022. Prima della carriera ciclistica, ha avuto anche una carriera di successo nel canottaggio, vincendo una medaglia d’oro ai campionati del mondo Under 23 nel 2003 e partecipando alle Olimpiadi di Atene, dove si è classificato 16° nel doppio leggero.

 

Commenti

  1. Vivere la Parigi Roubaix come una (mezza) seduta di allenamento per il triathlon non è roba da tutti, chissà cosa ne pensano in squadra ...
  2. Fitzcarraldo:

    Mi sono stupito di come questa notizia abbia avuto tanta diffusione sui social ed i magazine, lui lavora così da quando è tornato a correre come ciclista professionista, d'altra parte ha quaranta anni ed evidentemente il suo lavoro lo sa fare bene altrimenti in Ineos prendevano un altro.
    Vedo molti commenti (non qui, per fortuna) di chi dice che se aveva la forza di correre 20km dopo la roubaix vuol dire che doveva dare di più in gara, e invece no proprio perchè è un professionista, in gara doveva fare quello che ha fatto e dopo doveva correre i 20km, non farà mica le cose a caso come un amatore.
    Macché... a seconda dell'argomento tutti diventano triatleti o direttori sportivi e senza manco averlo visto in gara, qualcuno magari manco sapeva della sua esistenza, eppure si riesce a giudicare la sua gara, senza averlo manco visto e sapere che ruolo ha... quasi quasi passa per uno che si è inbucato in squadra per farsi un lungo giro in gravel in una trasferta a sbafo per poi allenarsi nella corsa e poi nel nuoto.. e gli ineos fessi che se lo portano dietro
Articolo precedente

Mathieu van der Poel vince la Paris-Roubaix 2023

Articolo successivo

Specialized presenta le nuove ruote Roval Terra CLX II e Alpinist SLX

Gli ultimi articoli in Magazine