Decathlon costruisce la più grande fabbrica di bici in Europa

Decathlon costruisce la più grande fabbrica di bici in Europa

16/02/2021
Whatsapp
16/02/2021

Decathlon, attraverso il partner Sport Mechanical Workshop, sta costruendo una fabbrica di biciclette di 23.000 m² in Romania, capace di costruire 1.5 milioni di biciclette all’anno una volta ultimata. La data di inaugurazione dovrebbe essere settembre 2021.

La produzione di bici in Romania, da parte di Sport Mechanical Workshop, non è niente di nuovo, perché è dal 2016 che ha affittato un spazio nelle vicinanze di Timisoara dal quale escono in media 3.500 unità al giorno. SMW appartiene agli italiani Francesco Russo e Vittorio Olagnero, oltre che al loro partner rumeno Laszlo Nyaradi.

Vista la situazione attuale, con grossi problemi di approvvigionamento dall’Oriente e i costi di spedizione saliti alle stelle, si tratta di una mossa che lascierà il segno e che probabilmente sarà solo l’inizio dello sviluppo di quello potrebbe diventare un distretto dedicato alle bici, localizzato in Romania e Bulgaria.

Fonte

Commenti

  1. 3andrea:

    non ne sarei così convinto... ti ricordo che il bonus ha interessato le sole aree metropilitane, non era accessibile a tutti
    qua in provincia non si sono visti molti "cittadini" a caccia di bonus, ma le biciclette sono andate esaurite lo stesso
    secondo me il bonus bici (vabbè, lasciamo stare i monopattini...) è stato strategicamente sbagliato
    hanno regalato soldi ad un settore che non ne aveva davvero bisogno, arrivando al paradosso di mettere tutta la filiera in difficoltà
    per mancanza di prodotti da vendere...
    ciao
    a
    No, ha interessato tutti i comuni sopra i 50.000 abitanti...mettici che l'hanno usato anche chi non vi risiedeva ma aveva li genitori o parenti, amici ecc..

    Strategicamente sbagliato perchè nel periodo veramente meno adatto che si poteva trovare, strategicamente un fallimento perchè non ha aiutato la mobilità e ha intasato il nostro mercato...sarei curioso di vedere effettivamente quante bici sono state vendute ( pronta consegna a parte) e quanti invece hanno disdetto l'ordine per non aspettare una vita.
  2. longjnes:

    ma soprattutto ho trovato scandaloso avere un bonus per comprare ammiraglie supercostose e destinate al puro divertimento nostro del fine settimane e non al commuting
    Uno dei motivi per cui lo ritengo un fallimento che non ha cambiato proprio nulla della mobilità....l'acquirente medio è chi aveva già la bici e ne ha approfittato per cambiarla, ma non bici per spostarsi in città ( ci saranno anche ma veramente delle mosche bianche).
  3. pedalone della bassa:

    o.t.
    il bonus mobilità non è stato un "regalo" della politica italiana
    erano fondi che l'Europa aveva dato all'Italia, con l'obbiettivo/obbligo di impiegarli in "mobilità sostenibile ed ambientale"

    siccome non hanno saputo/voluto sfruttarli in altro modo, è stato molto semplice e di bella facciata creare quel bonus

    fine o.t.
    eh no caspita, buttare via i soldi, da qualsiasi parte arrivino, è sempre uno scempio
    erano dell'europa ? bene, dove dovevi spenderli ? in italia. e allora male, molto male, perchè li hai buttati nel cesso
    alla fine sempre soldi nostri sono, secondo te chi la finanzia sta europa ?
    è un po come accendere il barbecue con i 100 euro perchè tanto te li da l'europa... sempre 100 sono, ti compri un accendino e gli altri 99
    li spendi in altro modo
    a