Fabio Jakobsen è uscito dal coma

Fabio Jakobsen è uscito dal coma

Piergiorgio Sbrissa, 07/08/2020

Buone notizie dall’ospedale di Sosnowiec, dove il 23enne  Fabio Jakobsen (Deceuninck-QuickStep) è uscito dal coma indotto farmacologicamente dopo la terribile caduta al Giro di Polonia. Operato ieri per 5h, in particolare per le ferite al volto, il corridore olandese è in “buona condizione” secondo gli organizzatori del Giro di Polonia:

il paziente è cosciente, reagisce alle sollecitazioni, respira da solo ed ha pressione normale. Oggi siamo molto contenti. È sopravvissuto ad una caduta del genere e tornerà sicuramente allo sport“.

Cosi Pawel Gruenpeter, direttore aggiunto dell’ospedale dove Jakobsen è stato operato.

Patrick Lefévère, Team Manager della Deceuninck, si dice soddisfatto del lavoro dei medici, ma poco del lato comunicativo, in quanto i medici dell’ospedale parlano solo polacco e lo staff medico della squadra non riesce a comunicare con loro, anche per via delle regole anti-covid. Inoltre il portavoce dell’ospedale comunica prima con i media che con lo staff della Deceuninck.

Deceuninck che ha depositato una denuncia all’UCI sull’accaduto e scritto una lettera al pubblico ministero di Katowice. Intanto la polizia d Katowice ha aperto un’indagine e sequestrato la bici di Groenewegen.

Dalle parole, piuttosto emotive di Lefévère, si evince che al momento nutre dei dubbi su una effettiva ripresa di Jakobsen, chiedendosi già cosa ne sarà di quello “che stava diventando il miglior sprinter del mondo” una volta scaduto il contratto.

Commenti

  1. bradipus:

    ho notato come nessuno abbia commentato il fatto del casco di Jakobsen volato via durante la caduta
    I caschi Specialized utilizzano una chiusura magnetica per facilitare le operazioni con una sola mano. Sarà sicuramente omologato ma a me (da ignorante) aveva dato poca fiducia.
  2. Da ex corridore velocista posso confermare che queste manovre sono abbastanza comuni.
    Ovvio che Groenewegen ha esagerato ed è giusto venga punito in maniera esemplare, ma non è solo colpa sua, è colpa delle transenne/fatalità.
    Speriamo solo che Jakobsen si riprenda nel miglior modo possibile, e tutta questa faccenda serva a regolamentare l'utilizzo delle transenne e di tutti i metodi di protezione e prevenzione degli incidenti.
  3. samuelgol:

    Esatto.
    Al Netto delle colpe evidenti e pure ammesse di Groenewegen, con una sicurezza passiva adeguata al tipo di arrivo e al livello del WT, non sarebbe sicuramente successo quello che è successo.
    Parlar dopo purtroppo serve a poco ma, da oggi gli organizzatori non possono e non DEVONO piü permettersi un dilettantismo del genere!!!