News #chris froome

Fine dei giochi per Chris Froome?

Fine dei giochi per Chris Froome?

Piergiorgio Sbrissa, 02/06/2021

Chris Froome, 4 Tour, 2 Vuelta ed 1 Giro, il corridore che ha segnato l’ultima decade nei grandi giri ha ormai esaurito le speranze di tornare ai suoi livelli dopo il terribile incidente del Dauphiné 2019?

Froome in questi 2 anni è stato un esempio di tenacia e forza mentale straordinari, riuscendo a tornare in sella dopo un incidente che avrebbe segnato la fine della carriera per praticamente chiunque. L’infortunio occorsogli al Dauphiné è stato infatti di gravità assoluta e forse sottovalutata: frattura esposta del femore destro e frattura dell’anca.

Froome, invece di anche solo pensare ad appendere la bici al chiodo, ha iniziato da subito la riabilitazione, passando direttamente dal letto d’ospedale ai rulli per pedalare con una gamba sola per non perdere massa muscolare su quella rimasta intatta, in sei settimane.

Contemporaneamente ha iniziato la riabilitazione della gamba infortunata con sessioni mostruose di esercizi,  4h al giorno, con l’aiuto di un fisioterapista.

Nel frattempo l’esplosione della pandemia ha giocato forse a favore, con il calendario delle corse falcidiato, lasciando il tempo a Chris di continuare con calma la riabilitazione senza pressioni, in un contesto in cui tutto il gruppo si scornava con Lockdown e rulli. E consentendogli anche di essere nuovamente operato per la rimozione delle placche metalliche e di proseguire con ogni mezzo riabilitativo.

Con l’inizio della stagione 2021 è arrivato il cambio di casacca. Dopo 11 stagioni alla Sky/Ineos Froome è passato alla Israel-Start Up Nation. Passaggio che ha fatto subito parlare di “Froome scaricato” dallo squadrone inglese, un po’ per l’età, con un Froome 35enne, un po’ (o forse molto) per un infortunio così invalidante, un po’ perché i grandi mezzi economici hanno consentito a Brailsford di continuare a pescare a mani basse talenti a piacere, ed infatti è arrivata la doppietta al Tour con Bernal e Thomas, che ha fatto velocemente dimenticare il pluricampione.

Da parte di Froome la scelta di continuare a correre si spiega anche proprio col lauto contratto firmato con la squadra israeliana, che a 5,5 milioni a stagione (almeno la prima) per 5 stagioni, ne fanno tutt’ora uno dei 3-4 corridori più pagati in gruppo, con oltretutto l’opzione di restare nel team come dirigente in futuro.

Froome ha anche iniziato una sua avventura social, in cui tramite video, comunica i suoi progressi, i suoi pensieri sui materiali, sulle gare, etc.. il tutto sempre con uno spirito positivo e costruttivo. Questo nonostante anche le inevitabili critiche e commenti dei soliti inaciditi che frequentano i social, ma che Froome ha liquidato con un sorriso: “mi dicono di appendere la bici al chiodo, che sono finito. Mi fanno ridere, la gente non si immagina nemmeno quello che ho vissuto“.

Poi però bisogna guardare come sempre ai fatti, ai risultati. E quelli sono veramente lontani dal livello pre-infortunio.

2020:

UAE Tour 71°

La Route d’Occitanie – La Dépêche du Midi 37°

Tour de l’Ain 41°

Criterium du Dauphiné 71°

Tirreno-Adriatico 91°

Liège–Bastogne–Liège ritirato

Vuelta España 98°

2021:

UAE Tour 47°

Vuelta Catalunya 81°

Tour of the Alps 93°

Tour de Romandie 96°

Per un totale di 5 punti UCI in una stagione e mezza.

L’ultima prestazione al Romandia poi è stata anche condizionata dal maltempo che, combinato con il noto asma di Chris, lo ha ancora di più handicappato. Ma questo handicap in cosa consiste? È lo stesso britannico a spiegarlo, in particolare in un video del suo canale Youtube in cui mostra i dati di un test isocinetico svolto a Monaco, in cui si evidenzia una mancanza di potenza della gamba infortunata rispetto l’altra. Oltre a questo ha dei fastidi durante la pedalata nel punto in cui ha la cicatrice lasciata dagli interventi chirurgici all’anca.

Al momento Froome è impegnato al Dauphiné, la corsa in cui la sua carriera ha svoltato in negativo, dove fa da gregario a Ben Hermans, e dove cerca di ritrovare le sensazioni di un tempo, in particolare in salita. Ma già nella 2^tappa ha perso contatto col gruppo nella salita della foresta di Pourcheresse, a 10km dall’arrivo. Prendendo 3’25” dal vincitore Pöstlberger e 3’11” da tutti i migliori.

Quali quindi le aspettative per il Tour de France? Obiettivamente nessuna visti questi risultati, ma soprattutto viste le prestazioni dal rientro alle corse, in cui non si è mai messo in mostra, non ha mai avuto un acuto, in particolare a cronometro, una volta un esercizio in cui eccelleva, e che invece ora ne mette in mostra la reale mancanza di forza anche, o soprattutto, per sforzi limitati nel tempo.

Quello che stupisce però è lui, Chris, che col suo sorriso gentile continua ad essere sicuro di poter ritrovare le “buone sensazioni” di un tempo, e che questa convinzione “è quello che mi fa alzare la mattina”. Oltre a continuare ad allenarsi duramente, ad affrontare salite ripidissime che nemmeno i suoi compagni riescono a fare, come si vede nel suo ultimo video sul suo canale Yt. Ad alimentarsi con precisione certosina, ad arrivare ai 68kg (per 1mt86) che è il suo “peso Tour” di un tempo. Insomma, da un lato c’è la dura realtà, ma dall’altra la volontà ferrea di un campione che nella sua carriera ha sempre stupito tirando fuori dal cilindro dei conigli che nessuno si aspettava.

Vada come vada anche in questo frangente resta un corridore ed un uomo fuori dal comune.

 

Commenti

  1. La vicenda di Froome ci fa capire quanto sia spaziale il livello dei professionisti, Froome può disporre di preparatori, allenatori, materiali al top (e se volete essere cinici anche "bombe" al top) ed è lì che arranca... e non si può dire che non sia uno predisposto al sacrificio, faceva le ripetute persino di notte credendo che Contador si fosse allenato più di lui.

    Credo che ormai l'obiettivo sia un'ultima commuovente vittoria di tappa come fu nel 2017 per Contador.
    Al TDF 2022 Froome avrà 37 anni compiuti, Pogacar ne avrà 23.. non sono neanche così convinto che il miglior Froome -2013 e 2016- possa stare al passo di prestazioni sovrumane come quelle del duo sloveno nello scorso tour....
  2. samuelgol:

    La mia definizione di fuoriclasse è similare alla tua. Leader è un'altra cosa. Può essere un leader un Paolini (il primo che mi viene in mente che mi pare fosse rispettato in gruppo) senza essere un fuoriclasse. Alaphilippe non mi sembra catalogabile come tale secondo la definizione di Magrini. Pogacar al momento nemmeno. Ma per nulla proprio. Parlo della definizione Magrini (carisma rispetto al gruppo, al pubblico, ai media).
    Non ho sentito le parole di Magrini e il contesto in cui le ha espresse, ma prendendo buono quello che riferite, la sua pur legittima opinione, esprime una fregnaccia fotonica.
    p.s. non ricordo in che occasione, (forse a una Vuelta?), quando ci fu una sorta di protesta su alcune decisione della giuria, Froome fu quello che si mise davanti al gruppo dicendo: "noi non partiamo, spiegateci questa cosa". E il rappresentate della giuria, è da lui che andò a spiegare. Quella è leadership. Poi no, Froome non ha mai impennato con la bici a beneficio delle telecamere, ma non direi che quella sia nè leadership nè sintomo di fuoriclasse. (Sagan per me lo è o lo era, ma non per quello).
    era La Vuelta dello scorso anno.
  3. Ser pecora:


    Ma è questo schemino che è duro da rompere oggi, perché non si guarda più ai fatti (che, anzi, non esistono più). Conta solo la narrativa (che piace) e da cui è difficile smarcarsi anche per come sono architettati i social (per altri motivi).


    Presto o tardi qualcuno lo farà.. i social già iniziano a dare segno di stasi (esclusi i giovanissimi ma è comprensibile) così come i vari programmi d'urso e C.
    Ma il problema è di fondo.. riflettere, ragionare ed alaborare è uno schema che richiede tempo ed impegno e nel mondo del tutto è subito si è mostrato al momento perdente ma se tutti si accodano a questo.. non vedo via d'uscita.