Giro d’Italia 2015: Elia Viviani vince la Seconda Tappa

b0ee136b-0bc1-462f-b609-adcae5096b42

Genova, 10 maggio 2015 – Il corridore italiano Elia Viviani (TEAM SKY) ha vinto la seconda tappa del Giro d’Italia 2015, da Albenga a Genova di 177km. Il corridore australiano Michael Matthews ha indossato la Maglia Rosa di leader della classifica generale. Seguiranno le interviste della conferenza stampa.

RISULTATO FINALE

1 – Elia Viviani (TEAM SKY) in 4h13’18” media 41,926 km/h

2 – Moreno Hofland (TEAM LOTTO NL – JUMBO) s.t.

3 – André GREIPEL (LOTTO SOUDAL) s.t.

MAGLIE

MAGLIA ROSA – BALOCCO – Michael Matthews (ORICA GREENEDGE)

MAGLIA ROSSA – ALGIDA – Elia Viviani (TEAM SKY)

MAGLIA AZZURRA – BANCA MEDIOLANUM – Bert Jan Lindeman (TEAM LOTTO NL – JUMBO)

MAGLIA BIANCA – EUROSPIN – Michael Matthews (ORICA GREENEDGE)

7339f57c-5caf-4e41-b904-160774806f9a

Il vincitore Elia Viviani ha detto dopo la tappa: “È incredibile, ho vinto la mia prima tappa al Giro! Siamo qui per aiutare Richie Porte in classifica generale, quindi non ho molti corridori per le volate, ma Puccio, Eisel e Kyryienka sono riusciti a fare un lavoro perfetto per Richie e per me. Hofland ha vinto una tappa nello Yorkshire, e quando l’ho visto partire ho pensato che avrebbe vinto. Ma sapevo che gli ultimi metri erano in salita e ho calcolato perfettamente dove partire.”

La Maglia Rosa Michael Matthews ha dichiarato: “È stato un finale molto tecnico e sapevamo che bisognava stare davanti all’ultimo chilometro. Ho deciso di partire presto perché tutti stavano lottando per la posizione. Il finale è stato davvero difficile.”

“È stato davvero speciale indossare la Maglia Rosa lo scorso anno, e indossarla per la seconda volta è ancora più bello. È stato il lavoro di squadra di ieri che mi ha permesso di farlo, quindi devo ringraziare i miei compagni di squadra per questa sensazione magica.”

T15_MadonnaDC_2_alt

LA TAPPA DI DOMANI

Tappa n. 3 – RAPALLO – SESTRI LEVANTE – 136km

Percorso

Tappa molto impegnativa e accidentata (in 136km si superano quasi 2.300m di dislivello) nella quasi totalità del percorso esclusi gli ultimi 10km. I primi 110km (su 136) sono caratterizzati da un continuo e ininterrotto susseguirsi di curve, controcurve, saliscendi, salite e discese su strade a carreggiata ristretta nei tratti in montagna. Si scalano la Ruta di Camogli a pochi chilometri dal via, quindi Colle Caprile (GPM), la Scoffera per attraversare Torriglia e contornare il Lago del Brugneto, scendere con tratti a volte piuttosto tecnici su Montebruno e scalare il GPM di Barbagelata che porta alla lunghissima discesa (tecnica nella prima parte fino al Passo della Scoglina) che conduce a Chiavari e quindi all’arrivo.

Ultimi km

Finale di tappa interamente sulla Via Aurelia per gli ultimi 7km. Sostanzialmente pianeggiante con comunque i saliscendi della strada costiera. Da segnalare a 2km dall’arrivo una galleria paramassi (quasi interamente aperta e “finestrata” lato mare) che immette sulla breve discesa che termina a circa 1.200m dall’arrivo. Agli 850m lieve disassamento del percorso per effetto di una rotatoria e infine lungo rettilineo all’arrivo in asfalto lungo 850m, largo 6,5m.

Articolo precedente

Giro d’Italia 2015: Gerrans prima maglia rosa

Articolo successivo

Bike Balls: la luce per ciclisti con gli attributi

Gli ultimi articoli in News

Attenzione ai siti fake

Nelle ultime settimane sono apparsi online dei falsi siti web creati da truffatori desiderosi di fare…