I favoriti del Tour a 1 mese dal via

I favoriti del Tour a 1 mese dal via

09/06/2019

Oggi prende il via il Criterium du Dauphiné, prova preambolo del Tour de France che si correrà dal 6 Luglio prossimo. La stagione per molti candidati alla vittoria finale ha avuto un andamento inaspettato, per altri si profila un cambio di programma dell’ultimo minuto. Vediamoli assieme.

Chris Froome

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné

Giorni di gara: 22

Risultati: 91° Colombia 2.1; 94° Catalunya; 11° Tour of the Alps; 13° Tour of Yorkshire

La posizione di Froome è al contempo sicura per quanto riguarda l’assalto al 5° Tour, ed incerta come capitano nella sua squadra. L’avvicinamento al Tour è stato completamente dedicato, con il Tour of Yorkshire a Maggio prima del Dauphiné, che sicuramente sarà la prova per vederne la condizione, dato che il britannico va per vincere come capitano unico della squadra. Le settimane dopo lo Yorkshire sono state spese sul Teide alle Canarie con uno stage. A 34 anni il sogno di raggiungere i 5 Tour lo farà essere focalizzato totalmente. Resta da vedere la concorrenza interna alla Ineos.

 

Geraint Thomas

Ultima corsa prima del Tour: Tour de Suisse

Giorni di gara: 22

Risultati: 44° Volta Valenciana; 12° Strade Bianche; DNF Tirreno-Ariatico; 40° Paesi Baschi; 3° Romandia

L’inizio di stagione di Thomas è stato segnato dal peso superfluo accumulato dal dopo Tour dell’anno scorso, dall’abbandono alla Tirreno ed una caduta ai paesi Baschi. Al Romandia è sembrato essere tornato in palla, poi lo stage con la squadra al Teide dovrebbe averlo rimesso a puntino. Ora manca il giro di Svizzera, dove farà coppia con Bernal. L’andamento di questa gara darà indicazioni ulteriori sulla sua forma quella del colombiano in ottica Tour. A 33 anni non sarà cosi facile convincerlo però a lasciare carta bianca a Froome.

 

Egan Bernal

Ultima corsa prima del Tour: Tour de Suisse

Giorni di gara: 23

Risultati: 4° Colombia 2.1; 1° Paris-Nice; 3° Vuelta a Catalunya

Il prodigio colombiano aveva impostato la stagione per il Giro d’Italia, partendo molto forte da subito, poi la caduta in allenamento con frattura della clavicola ha imposto il forfait al Giro. Non corre in gara da Marzo quindi sarà fondamentale vederlo al giro di Svizzera per valutarne la condizione. Sicuramente correrà in appoggio a Thomas e Froome, ma resta un’opzione valida se le cose dovessero mettersi male per i due capitani.

 

Thibaut Pinot

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné

Giorni di gara: 26

Risultati: 1° Tour du Haut-Var; 1° Tour de l’Ain; 5° Tirreno-Adriatico

Il francese torna al Tour dopo due stagioni dedicate al Giro. I risultati stagionali sono buoni , anche se concentrati in Francia. Al suo 7° Tour e 29 anni dovrebbe mostrare l’acquisita maturità per fare bene. Per il quanto bene se ne avrà un’idea al Dauphiné. La concorrenza però è tosta quest’anno.

 

Romain Bardet

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné + Mont Ventoux Dénivelé Challenge (17 giugno )

Giorni di gara: 25

Risultati:2° Tour du Haut-Var; 4° classica del’Ardèche; 7° Drome Classic; 5° Paris-Nice; 50° Milano-Sanremo; DNF Vuelta a Catalunya; 42° Paris-Camembert; 9° Amstel Gold Race; 13° Freccia Vallone; 21° Liège-Bastogne-Liège

La stagione di Bardet comprende sempre un mix di corse a tappe e classiche di un giorno. I risultati sono stati discreti, ma non all’altezza delle aspettative. L’ultimo mese lo ha passato in ritiro in Sierra Nevada, ed ora lo aspetta il Dauphiné. In generale non può che essere un outsider, ma allo stesso tempo è un ruolo che gli piace, quindi qualche zampata la può piazzare. I pochissimi km a crono lo aiuteranno.

 

Nairo Quintana

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné + La Route d’Occitanie (20-23 giugno)

Giorni di gara: 29

Risultati: 8° Vuelta a San Juan; 5° Colombia 2.1; 2° Paris-Nice; 4° Catalunya; 42° GP Indurain

Il colombiano ha realizzato un inizio di stagione solido per costanza e risultati. Il percorso gli si addice e sarà capitano unico della Movistar senza se e ma, cosa che psicologicamente lo facilita, visto che non ama la concorrenza interna, in particolare quella di Landa, che non è certo il suo compagno preferito di bevute. Un candidato ideale almeno al podio.

 

Steven Kruijswijk

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné

Giorni di gara: 18

Risultati: 3° Vuelta Andalucia; 5° Vuelta Catalunya; 6° Romandia

L’olandese, in sordina, si presenta al Tour come concorrente da non sottovalutare. Dopo il 5° posto al Tour ed il 4° alla Vuelta della stagione passata ha realizzato un inizio di stagione consistente, seppur correndo poco. L’ultimo mese lo ha passato in Sierra Nevada con Van Aert. La Visma-Jumbo è una squadra competitiva, quindi potrebbe fare bene.

 

Adam Yates

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné

Giorni di gara: 32

Risultati: 8° Volta Valenciana; 5° Vuelta Andalucia; 2° Tirreno-Adriatico; 2° Vuelta Catalunya; 5° Paesi Baschi; DNF Freccia Vallone; 4° Liège-Bastogne-Liège

L’inglese sta avendo la migliore stagione in carriera, ed a 26 anni sembra pronto per fare un salto di qualità. Non corre dalla Liegi, ma i giorni di gara nelle gambe non gli mancano. Da tenere d’occhio.

 

Jakob Fuglsang

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné

Giorni di gara: 25

Risultati: 5° Vuelta Murcia; DNF Clasica Almeria; 1° Vuelta Andalucia; 2° Strade Bianche; 3° Tirreno-Adriatico; 4° Paesi Baschi; 3° Amstel Gold Race; 2° Freccia Vallone; 1° Liège-Bastogne-Liège

Il danese è nella forma della vita. Sarà il capitano unico della Astana e tra i corridori di primo piano è sicuramente quello coi risultati migliori e presumibilmente ne sarà galvanizzato. A 34 anni si gioca l’ultima cartuccia per togliersi una soddisfazione in un grande giro.

 

Richie Porte

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné

Giorni di gara: 33

Risultati: 2° Down-Under; 5° Herald Sun Tour; 50° UAE Tour; 38° Vuelta Catalunya; 5° giro di California

Stagione di chiaro-scuri per l’australiano, con risultati mediocri e con un calendario diverso da quello degli anni passati, fatta eccezione per la solita passerella in casa propria. Le ultime due edizioni del Tour per lui si sono concluse con due ritiri, forse il suo conto con la sfortuna si chiuderà?

 

Dan Martin

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné

Giorni di gara: 29

Risultati: 13° Trofeo Andratx-Loseta; 4° Comunità Valenciana; 7° UAE Tour; 23° Catalunya; 2° Paesi Baschi; DNF Freccia Vallone e Liège-Bastogne-Liège

Per rimanere nell’ambito della sfortuna l’irlandese Martin è il campione assoluto in tempi recenti. Dopo un buon inizio di stagione è andato fuori forma completamente, tanto da saltare l’Amstel e ritirarsi a Freccia Vallone e Liegi. Il 32enne da allora non ha più corso. Le incognite a livello di forma e squadra ci sono tutte quindi. Vedremo al Delfinato che segnali darà. A dispetto di tutto è uno abituato a lottare come pochi. Le tre Top10 negli ultimi tre Tour sono li a dimostrarlo.

 

Tom Dumoulin

Ultima corsa prima del Tour: Criterium Dauphiné

Giorni di gara: 21

Risultati: 6° UAE Tour; 4° Tirreno-Adriatico; 11° Milano-Sanremo; 50° Liège-Bastogne-Liège; DNF Giro d’Italia

L’olandese è l’invitato a sorpresa del Tour dopo lo sfortunato ritiro al Giro. Arriverà fresco e carico, anche se il percorso non gli si addice con l’attuale tendenza a minimizzare le cronometro o infarcirle di salite. Difficile quindi credere che farà qualcosa di più che andare a caccia di tappe.

 

Mikel Landa

Ultima corsa prima del Tour: Giro d’Italia

Giorni di gara: 38

Risultati: 147° Milano-Sanremo; 4° Settimana Coppi e Bartali; DNF GP Indurain; 7° Paesi Baschi; 7° Liège-Bastonge-Liège; 4° Giro d’Italia

Dopo il podio perso per 8″ al Giro ha dichiarato che andrà al Tour “sperando di vincerlo”. Le sue capacità di recupero sono eccezionali: è la terza volta che farà la doppietta Giro-Tour, ultima nel 2017 con il podio mancato per 1″. Sul fatto che dichiari di sperare di vincerlo si aprono degli interrogativi se però ci sia o ci faccia, ed a quanto i suoi compagni di squadra lo amino, Quintana in primis.

 

Vincenzo Nibali

Ultima corsa prima del Tour: GP Lugano (9 giugno)

Giorni di gara: 43

Risultati: 35° UAE Tour; 31° Strade Bianche; 15° Tirreno-Adriatico; 8° Milano-Sanremo; 3° Tour of the Alps; 8° Liège-Bastonge-Liège; 2° Giro d’Italia

L’italiano tenterà la terza doppietta Giro-Tour in carriera. Del 2° posto al Giro si è detto tutto e di più. Quest’anno ha corso tanto rispetto i concorrenti ed è il più anziano del lotto, quindi resta un’incognita. Ma resta anche il fatto che è un corridore intelligente e molto esperto nel gestirsi, e che normalmente da il meglio di se proprio alla distanza.

72
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
69 Comment threads
3 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
32 Comment authors
ICIgoliasK Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
G
Member

Vince Dumoulin facile secondo me…

T
Member
ThomasT

Ma magari pure , quest’anno un po’ di fortuna non gli farebbe male , poi con squadre tipo ex Sky con tutti quei gallinacci pronti a tagliarsi i copertoni a vicenda mi sa che se ne vedranno delle belle , delle brutte , delle crude…su Nibali non mi pronuncio per scaramanzia , comunque vada spero solo eviti figuracce antisportive che fanno male soprattutto alle sue imprese.

B
Member
bastianella31

Ho letto che ha problemi fisici, acqua nel ginocchio ed il menisco Kaputt! Anche a me piace ma la vedo scura…

D
Member
grimpeur75

Vince Dumoulin facile secondo me…

credo proprio di no visti i problemi al ginocchio

B
Member
bastianella31

Dei problemi al ginocchio avevi già scritto tu, non avevo visto…

D
Member

Froome superfavorito.

Sent from my Mi A2 Lite using BDC-Forum mobile app

Andrea Sicilia
Editor

Avrei messo nella lista anche Sagàn. Non ovviamente per la generale, ma almeno per fare un punto della situazione, dopo una stagione non brillante.
Per la classifica generale, se Froome farà il Froome, vincerà ancora. Potrebbe essere l'ultima per lui. Per una ragione o per l'altra (infortuni, doveri di squadra, eterna incompiutezza, limiti atletico/tecnico/tattici), in questo momento, non credo che altri pretendenti possano aspirare a spodestarlo.

G
Member
dackmaster

credo proprio di no visti i problemi al ginocchio

Non lo sapevo….peccato…e l unico poteva opporsi allo strapotere Ineos…

M
Member
maxtor70

Ineos terrà “cucito” il gruppo, temo avrà il controllo totale sulla corsa portando una autentica corazzata al Tour, difficile che sfugga questa Grande Buocle, Froome su tutti…

U
Member

Froome ovvio favorito. Però in squadra avrà i due avversari più pericolosi e questo potrebbe essere allo stesso tempo un vantaggio e uno svantaggio. Se succede come l'anno scorso, con un suo compagno che gli prende subito un po' di vantaggio, rischia di non poter più giocarsi le sue carte fino in fondo, mentre se riesce lui a mettere in chiaro le cose sin dall'inizio, il fatto di avere due scudieri come Thomas e Bernal (più gli altri, che schifo non fanno) potrebbe rendergli la corsa molto più facile. Mi piacerebbe vedere Dumoulin competitivo, anche se i problemi al ginocchio… Read more »

J
Member

uber Froome ovvio favorito. Però in squadra avrà i due avversari più pericolosi e questo potrebbe essere allo stesso tempo un vantaggio e uno svantaggio. Se succede come l'anno scorso, con un suo compagno che gli prende subito un po' di vantaggio, rischia di non poter più giocarsi le sue carte fino in fondo, mentre se riesce lui a mettere in chiaro le cose sin dall'inizio, il fatto di avere due scudieri come Thomas e Bernal (più gli altri, che schifo non fanno) potrebbe rendergli la corsa molto più facile. Mi piacerebbe vedere Dumoulin competitivo, anche se i problemi al… Read more »

U
Member
jan80

Pinot non credo assolutamente possa essere da podio……anche se non lo ritengo da podio per come sta andando potrebbe essere la volta di Fuglsang un posto sul podio

Può essere… Però, anche se è vero che quest'anno il danese vola, le tre settimane le ha sempre sofferte tanto. Pinot, per me, l'anno scorso ha fatto lo scatto di testa, entra negli anni migliori e ha molto più fondo di Fuglsang. Vediamo…

J
Member
uber

Può essere… Però, anche se è vero che quest'anno il danese vola, le tre settimane le ha sempre sofferte tanto. Pinot, per me, l'anno scorso ha fatto lo scatto di testa, entra negli anni migliori e ha molto più fondo di Fuglsang. Vediamo…

Pinot che salto avrebbe fatto??non puo' lottare per un podio al Tour se sono presenti tutti i migliori….puo' farlo come nel 2014 dove praticamente non c'era grande concorrenza

U
Member
jan80

Pinot che salto avrebbe fatto??non puo' lottare per un podio al Tour se sono presenti tutti i migliori….puo' farlo come nel 2014 dove praticamente non c'era grande concorrenza

Dai, l'anno scorso se non finiva all'ospedale faceva terzo al giro dietro i due migliori di questi anni. Alla Vuelta ha vinto due tappe e se non ricordo male finì fuori classifica per un ventaglio. Il Lombardia…
Non ho detto che vince, ma se tra i pretendenti al podio ci sono Bardet, Porte (!), Fuglsang (che è sempre naufragato), Yates e Kruijswick… Beh, lui ci sta alla grande.

P
Member

mi sbaglierò sicuramente :mrgreen:, ma non credo che Froome avrà chissà ceh "concorrenza interna". Bernal mi sembra persona molto intelligente, e sa benissimo che arriverà il suo momento, pertanto, così come l'anno scorso, sarà al servizio del suo capitano. Thomas creo "restituirà" il "favore" ricevuto l'anno passato. tra l'altro, ho la sensazione che per alcuni (come fù per Wiggins) dia una "sensazione di liberazione", per cui sia molto difficile, se non impossibile, ripetere gli exploit (ed i sacrifici, alimentari, di allenamento di stress….) fatti per arrivare alla 1° vittoria molto equilibrio vedo dietro. Yates…..ancora non ho imparato a differenziare i… Read more »

G
Member

Beh se in salita va come fine stagione 2018…al Lombardia volava… pedalone della bassa mi sbaglierò sicuramente :mrgreen:, ma non credo che Froome avrà chissà ceh "concorrenza interna". Bernal mi sembra persona molto intelligente, e sa benissimo che arriverà il suo momento, pertanto, così come l'anno scorso, sarà al servizio del suo capitano. Thomas creo "restituirà" il "favore" ricevuto l'anno passato. tra l'altro, ho la sensazione che per alcuni (come fù per Wiggins) dia una "sensazione di liberazione", per cui sia molto difficile, se non impossibile, ripetere gli exploit (ed i sacrifici, alimentari, di allenamento di stress….) fatti per arrivare… Read more »

G
Member

quintana quotato a 19 non è esageratamente alto? non mi sembra ci sia tanta cronometro. cioè per dire il bis di geraint thomas è dato a 4.

G
Member
pedalone della bassa

Gaudu? Pogacar? Martinez (EF)?

Di questi solo Gaudu, penso in appoggio a Pinot.
Martinez si è fatto male, mentre Pogacar non dovrebbe fare GT quest'anno, e penso sia giusto così.

bradipus
Member
gibo2007

Di questi solo Gaudu, penso in appoggio a Pinot.
Martinez si è fatto male, mentre Pogacar non dovrebbe fare GT quest'anno, e penso sia giusto così.
Dovrebbe esserci Van Aert, non per la generale ovviamente.

Van Aert ha confermato con un tweet stamattina che ci sarà

J
Member

uber Dai, l'anno scorso se non finiva all'ospedale faceva terzo al giro dietro i due migliori di questi anni. Alla Vuelta ha vinto due tappe e se non ricordo male finì fuori classifica per un ventaglio. Il Lombardia… Non ho detto che vince, ma se tra i pretendenti al podio ci sono Bardet, Porte (!), Fuglsang (che è sempre naufragato), Yates e Kruijswick… Beh, lui ci sta alla grande. Quoto, anche io penso che Pinot abbia le carte giuste per salire sul podio. A livello di squadra si è rafforzata in salita e dovrebbe avere oltre a Reichenbach un altro… Read more »

J
Member

io continuo a vedere molto bene Fuglsang……oggi al Delfinato volava…….non so' cosa abbia in questa stagione ma cosi veramente non si e' mai visto

L
Member

L'unica certezza è che quest'anno non vincerà di nuovo la Sky :))): La speranza, almeno la mia, è quella di non vedere di nuovo un trenino davanti, questa volta marchiato Ineos, con tutti gli altri dietro che si staccano, inclusi i capitani delle altre squadre. Il timore è che la Ineos, visto il parterre dei concorrenti, ha le concrete potenzialità di piazzare almeno 2 uomini sul podio…… forse addirittura 3 😥 rendendo il tour di una monotonia imbarazzante. Spero di sbagliarmi e che qualche pretendente di altre squadre tipo Fuglsang, Yates o Pinot mi possa sorprendere. Non credo invece molto… Read more »

C
Member
Corvo Torvo

Già di suo non è esattamente icona di bellezza, una foto migliore per Martin potevate sceglierla 🙂
Temo realmente un podio con due Ineos più uno tra Nibali Quintana e Bardet. Spero in Pinot e che Dumoulin risolva i suoi problemi. Altrimenti sfruttiamo le ore di diretta TV per andare a pedalare.

J
Member

lap74 L'unica certezza è che quest'anno non vincerà di nuovo la Sky :))): La speranza, almeno la mia, è quella di non vedere di nuovo un trenino davanti, questa volta marchiato Ineos, con tutti gli altri dietro che si staccano, inclusi i capitani delle altre squadre. Il timore è che la Ineos, visto il parterre dei concorrenti, ha le concrete potenzialità di piazzare almeno 2 uomini sul podio…… forse addirittura 3 😥 rendendo il tour di una monotonia imbarazzante. Spero di sbagliarmi e che qualche pretendente di altre squadre tipo Fuglsang, Yates o Pinot mi possa sorprendere. Non credo invece… Read more »

M
Member

voci dalla Francia danno frattura del bacino. Addio Tour

P
Member

non me ne intendo, ma se subisci la frattura del bacino, dovresti "accorgertene subito", almeno dal dolore. non credo sia una cosa così leggera

comunque sia……che jella. cambiano i piani, di tutti a questo punto. per alcuni, ora, sulla carta, ci potrebbe prospettare un tour un po' più equilibrato. curioso a questo punto di vedere come stà Thomas al Giro di Svizzera. Bernal, sarà anche lui in Svizzera?

L
Member
jan80

intanto FROOME oggi e' caduto e' si e' ritirato dal Giro del Delfinato,in ospedale che sta verificando se ci sono fratture…..mai dare niente per certo

Gli eventuali incidenti non potevo prevederli, comunque mi dispiace anche se non nutro grande simpatia per il corridore.
Se davvero non ce la facesse a recuperare per il tour gli scenari cambierebbero non di poco.

cafelat
Member
lap74

Gli eventuali incidenti non potevo prevederli, comunque mi dispiace anche se non nutro grande simpatia per il corridore.
Se davvero non ce la facesse a recuperare per il tour gli scenari cambierebbero non di poco.

Si parla di femore rotto…dunque non ce la farà! Ha urtato un muro dopo essere caduta

M
Member

https://www.repubblica.it/sport/cic…ce-228604477/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P11-S1.4-T1

M
Member
maurocip

https://www.repubblica.it/sport/cic…ce-228604477/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P11-S1.4-T1

molto, molto, molto dispiaciuto….
non tanto per Froome come ciclista (anche se ho imparato ad "amarlo" dopo l'impresa dell'anno scorso al Giro), ma per l'uomo: mai sopra le righe, sempre "ascetico" nella sua dedizione al lavoro, ormai con non molti anni di carriera davanti e vedere vanificare tutto per un incidente durante una ricognizione…. beh fa male…
Forza Chris, supererai anche questa

C
Member

In alcuni siti si parla di bacino rotto, in altri di femore, aspettiamo, magari è solo una gran botta.
Sarebbe un peccato non vederlo al Tour.

J
Member

sinceramente credo che la frattura ci sia……mi spiace

C
Member

Si Froome da quello che abbiamo letto è vero è fuori dal tour. Ma quello che è la sua forza è anche il suo danno. E' un corridore che nel periodo di massima forma è ridotto all'osso ha vinti con il suo 3% di grasso , ma l'osso non ha l'airbag di protezione.

R
Member

Se davvero Brailsford ha dichiarato che non andrà al Tour, allora è ufficiale. Peccato perché perdiamo il principale candidato alla vittoria, nonché il più forte corridore di questi anni.

J
Member
CLICK17

Si Froome da quello che abbiamo letto è vero è fuori dal tour. Ma quello che è la sua forza è anche il suo danno. E' un corridore che nel periodo di massima forma è ridotto all'osso ha vinti con il suo 3% di grasso , ma l'osso non ha l'airbag di protezione.

io sono sicuratemente piu' del 3% di grasso ma ho 11 ossa rotta in 25 anni di bicicletta……credo che il grasso centri poco…..ma la fortuna……ho rotto 2 clavicole in 3 mesi invece quando correvo da giovane non ho mai rotto nulla….appunto e' fortuna o sfortuna

K
Member

Appena sentito anch'io per radio….peccato!

M
Member
maxtor70

a questo punto cambieranno le gerarchie in casa Ineos, ma con Thomas e Bernal sono comunque messi bene (senza contare sul resto della squadra come Poels e Kirienka…), comunque mi spiace molto per Froome come uomo, atleta e per le Sue "frullate"…

Andrea Sicilia
Editor

maurocip molto, molto, molto dispiaciuto…. non tanto per Froome come ciclista (anche se ho imparato ad "amarlo" dopo l'impresa dell'anno scorso al Giro), ma per l'uomo: mai sopra le righe, sempre "ascetico" nella sua dedizione al lavoro, ormai con non molti anni di carriera davanti e vedere vanificare tutto per un incidente durante una ricognizione…. beh fa male… Forza Chris, supererai anche questa Dispiace quando a uno di loro succedono cose del genere, perché dietro il loro lavoro, c'è un sacrificio veramente grande…nel suo caso poi è abbastanza noto per essere veramente professionale e meticoloso (non tutti i prò lo… Read more »

U
Member

La Ineos è partita bene, non c'è che dire… Prima Bernal al Giro e ora Froome al Tour.
Mi dispiace per lui: brutta botta… E anche per noi che perdiamo il favorito e il più forte.

R
Member

Io in Quintana non ci credo più…

cafelat
Member

Sarà dura per Froome eguagliare i mostri sacri del passato. Gli anni passano anche per lui…

M
Member

samuelgol Dispiace quando a uno di loro succedono cose del genere, perché dietro il loro lavoro, c'è un sacrificio veramente grande…nel suo caso poi è abbastanza noto per essere veramente professionale e meticoloso (non tutti i prò lo sono). Non ci saranno molte altre occasioni per lui, forse il prossimo anno, ma ora manca molto per far previsioni del genere. Ora il Tour parte senza un vero favorito. Thomas non ce lo vedo a ripetersi. La Ineos potrebbe puntare, rischiando, tutto su Bernal. Più motivato e affamato di Thomas, anche se molto più inesperto e una incognita nella gestione della… Read more »

Andrea Sicilia
Editor

maurocip bah per me Quintana è un po' un incompiuto… penso che partiranno naturalmente con Thomas, poi magari se Bernal si inventerà qualcosa come Thomas l'anno scorso… Francamente l'assenza di Frome a questo Tour è peggio dell'assenza di Dumoulin al giro… vedremo, magari nasce una stella…. Mi pare che tolto di mezzo Froome, che non aveva apparentemente punti deboli, tutti gli altri pretendenti elencati nell'articolo, abbiano un qualcosa che non va…..si tratta di trovare la cosa che non va meno influente, almeno per identificare un qualcuno almeno mezzo gradino sopra. Io direi, per le ragioni su esposte, Bernal e Quintana…..ma… Read more »

M
Member

Ovviamente dispiace, per l'uomo e per l'atleta.
A vedere il bicchiere mezzo pieno, venendo a mancare il capitano della Ineos (e, a mio avviso, non avendo un pretendente alla vittoria altrettanto forte), forse ne guadagnerà lo spettacolo

K
Member

Mi dispiace tantissimo per l'accaduto. Io vado fiori dal coro e dico Pinot possibile vincitore con Nibali sul podio.

Sent from my FIG-LX1 using BDC-Forum mobile app

M
Member

Con l'uscita di scena di Froome secondo me si apre una chances per Quintana….se non vince il Tour neanche quest'anno non lo vincerà più…….

D
Member

Mi dispiace tanto per Froome. Un augurio a lui di rimettersi il prima possibile!!!

A questo punto si aprono scenari nuovi, che sia l'anno buono per Bardet?!?

Sent from my Mi A2 Lite using BDC-Forum mobile app

Andrea Sicilia
Editor

Ser pecora Secondo me non si tratta di indicare "in linea teorica" chi sia più forte, ma anche in rapporto al percorso. Io sinceramente non capisco come ci sia gente che desse come papabile Dumoulin quando ci sono 20km a crono e lui infatti aveva scelto il giro perché al Tour c'é troppa salita……. Infatti tra i minus di Dumoulin oltre al fastidio al ginocchio (secondo me superabile di qui al Tour, sennò non correrebbe già ora) intendevo proprio il percorso. Tra deficit di percorso, e altre cose, mi sembrava, di intravedere in Quintana e Bernal i 2 leggermente meno… Read more »

S
Member

samuelgol Infatti tra i minus di Dumoulin oltre al fastidio al ginocchio (secondo me superabile di qui al Tour, sennò non correrebbe già ora) intendevo proprio il percorso. Tra deficit di percorso, e altre cose, mi sembrava, di intravedere in Quintana e Bernal i 2 leggermente meno sfavoriti da qualcosa. Ho letto non so dove che anche Braidsford avrebbe già dichiarato il forfait al Tour….se fosse tutta una semplice bufala, ne sarei anche contento, ma sarebbe proprio grottesco. Alla radio (R24) hanno appena detto che non fa il tour per frattura al bacino… Poi sul forum si legge che non… Read more »

K
Member

Frattura del femore

Andrea Sicilia
Editor
Ser pecora

Brailsford ha detto che non sarà al Tour, ma semplicemente non si sa ancora cos'abbia…tra un femore rotto o un bacino incrinato ci passa anche la sua differenza….

Ai fini della partecipazione al Tour, differenza molto relativa.

Ser pecora

………
Dumoulin oggi ha preso 26" in 26km a crono da Van Aert. Non mi sembra un segno di grande forma.

Sicuramente no. Ma alla 3 settimana del Tour, quella teoricamente decisiva mancano più di 40 gg….teoricamente abbastanza per rimettersi in sesto.