Il futuro è dello sport all’aria aperta

92

Guardare in avanti è l’unico modo per non cadere in depressione da quarantena. Per noi ciclisti ancora di più, visto che in diversi Paesi, fra cui l’Italia, è vietato praticare sport all’aperto. Sbeffeggiati, additati a nemico pubblico numero uno, sgridati da concittadini frustrati, ora chiusi in casa insieme a runner e chiunque altro volesse ossigenare il cervello nel rispetto delle norme antivirus.

Gli untori che praticano sport hanno però davanti a sé una rivincita enorme: anche chi ci dà contro si troverà a fare i conti con un modo di vivere che non sarà più lo stesso di prima, perlomeno fin quando non verrà trovato un vaccino. Palestre, spogliatoi, eventi al chiuso con tanta gente, sono tutti destinati ad essere ignorati a lungo per paura del contagio.

Il modo più sicuro per muoversi sarà quello di stare all’aria aperta, lontano dagli altri. Proprio come fa chi va in bici da corsa. Magari noi dovremo stare attenti alle uscite di gruppo, ciò non toglie che non è un problema rispettare la distanza sociale mentre si pedala. E voi, sceriffi da balcone ed isterici al volante, vi dovrete adattare o rassegnarvi ai vostri travasi di bile mentre ingrassate e rinstupidite davanti al televisore.

 

Commenti

  1. La foto della tremola mi fa scendere una lacrima, non vedo l'ora che arrivi l'estate, spazzi via tutto questo casino e che la gente possa finalmente tornare a gioire delle proprie passioni, che sia la bici, la corsa, il giardinaggio, l'aperitivo con le persone care.
  2. Vorrei essere ottimista come chi ha scritto l'articolo, ma temo che, con la campagna martellante di queste settimane, il marchio dell'untore, quelli che fanno sport all'aria aperta, se lo porteranno dietro per molto tempo.
  3. A mio parere (conoscendo gli italiani) si è passati dalla fase "chi se ne frega delle regole",e si arriverà,alla fase "sto' lontano da tutto e tutti!"
    Le mezze misure non sono mai state un nostro punto di forza, e le attività sportive saranno soggette a questa cosa,magari solo per un breve periodo...che poi siamo anche maestri nello scordare EH...
    Vedremo.
Articolo precedente

Appuntamento con Trek: “Restiamo a casa con i pro”

Articolo successivo

L’economia del ciclismo professionistico

Gli ultimi articoli in News