La Roubaix ancora a rischio

19

La Paris-Roubaix, “l’inferno del nord”, già l’anno scorso è stata prima rinviata da Aprile ad Ottobre, quindi annullata due settimane prima a causa della pandemia. Quest’anno rischia la stessa sorte, infatti il prefetto della regione Nord, Michel Lalande, ha dichiarato stamattina a radio France Bleue Nord che “vedo il cielo meno blu” riferendosi alla situazione di Lockdown in cui è costretta la regione attualmente, e quindi ad un’ulteriore possibile cancellazione.

Dopo che gli è stato fatto notare che altre corse sembrano volersi svolgere regolarmente, in particolare a pochi chilometri oltre il confine, in Belgio, il prefetto ha tagliato corto: “mi devono spiegare la coerenza con la prevenzione e tutto il resto“.

Alla domanda quindi se l’11 aprile prossimo la Roubaix si farà o no, Lalande ha risposto: “Vi garantisco lo scoop quando verrà il tempo della risposta, ma potete indovinarla“.

Molto poco blu il cielo sopra il pavé.

 

Commenti

  1. everybodylovestommi:

    Ma questa si chiama Parigi - Roubaix, no "percorso a casaccio basta che c'è pavé", diciamo che il punto di partenza (più o meno) e quello di arrivo sono quelli lì.
    Piuttosto se la zona è in lockdown non vedo il problema degli assembramenti nelle strade. Ok qualche trasgressore, ma il grosso delle strade dovrebbero essere più pulite di quello che si è visto alla Paris - Nice.
    Poi boh, il prefetto avrà fatto le sue considerazioni, la responsabilità è la sua quindi amen, però è un peccato.
    Ho capito che si chiama Parigi-Roubaix (anche se parte a 80 km da Parigi!) ma si fa di necessità virtù. L'Amstel Gold Race di quest'anno il fiume Amstel non lo vede nemmeno da lontano. La Parigi Nizza non è partita da Parigi né arrivata a Nizza. C'è una pandemia globale e bisogna essere un po' flessibili.
Articolo precedente

Jasper Stuyven ha vinto la 112a Milano-Sanremo

Articolo successivo

Affittare una bici con Decathlon Rent

Gli ultimi articoli in News