Sonny Colbrelli re del Nord

518

Prima partecipazione e prima vittoria alla Rouaix per Sonny Colbrelli (Team Bahrain-Victorious), non succedeva dal 1953, con la vittoria del belga Germain Derycke.

Edizione epica, non solo per il fatto che la regina delle classiche mancava da oltre 900 giorni, ma perché è stata la prima edizione “bagnata” dal 2002, quando vinse Servais Knaven, ora in ammiraglia Ineos. E bagnata è un eufemismo per descrivere le condizioni della gara odierna, soprattutto nella prima parte, dove i settori in pavé erano letteralmente inondati.

Roubaix epica quindi, che ha premiato il corridore più scaltro, lucido e forte sul traguardo, un Sonny Colbrelli nel suo anno di grazia. Trionfatore allo sprint su Florian Vermeersch (Lotto-Soudal) e Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix), mattatore della corsa, ma anche poco lucido.

Grande vittoria dell’italiano quindi, in una stagione che ne consacra una forma eccezionale ed una maturità evidente. Un anno di grazia per tutto lo sport italiano.

Commenti

  1. samuelgol:

    Ganna al mondiale dubito avesse i tubeless da 25 gonfiati a 6.
    Non so a che pressione li avessero gonfiati non ho ancora trovato informazioni a riguardo, ma sicuramente montava i nuovi Continental GP 5000 S tr, che allora erano ancora "sconosciuti" che come sezione sono minimo da 25 e la pressione massima dettata da Continental per i 25 è di 7,5bar su cerchi "hooked" e 5bar su "hookless" poi non so che tipo di cerchio hanno le princenton
  2. lap74:

    Ad Aremberg ci vanno in pochi ma le strade italiane non stanno messe proprio benissimo, in alcune zone non si va tanto lontani dal pavè francese.
    No, dai, questo non si può sentire. Io con i 25 (27 reali) ci giro tranquillamente e ci faccio pure qualche tratto di sterrato toscano, ad Aremberg avevo le gomme da gravel (35mm dietro, 40 davanti) e ho patito lo stesso ... avremo strade disastrate ma il pavè è un'altra cosa, sia quello belga che soprattutto quello della Roubaix (dove la gommatura più veloce sarebbe quella da mtb...)

    Adattare l'attrezzatura alle condizioni reali che abbiamo di fronte ok, ma senza esagerare o-o
  3. golias:

    Dimostralo
    Ma anche no.. visto che non sai di cosa si parla ;-)
    ti è già stato mostrato abbastanza, l'80% dei corridori usa coperture che reputi obsolete. o sono tutti idioti oppure...
    se non l'hai capito il tuo parere non mi interessa, ho appreso di recente la valenza del personaggio. ti sto trollando almeno quanto tu stai trollando il questo thread che, ripeto, tratta di colbrelli e della roubaix. dei vantaggi del tubeless se tanto ti piace puoi continuare a parlare nei millemila msg giornalieri che posti nei thread dedicati.
Articolo precedente

Lizzie Deignan a vinto la prima edizione femminile della Paris-Roubaix

Articolo successivo

La Roubaix 2021: commenti e voti

Gli ultimi articoli in News