Lizzie Deignan a vinto la prima edizione femminile della Paris-Roubaix

56

Lizzie Deignan (Trek-Segafredo) ha vinto la prima edizione femminile della storia della Paris-Roubaix entrando cosi nella storia.

La britannica ha attaccato dal primo settore dei 17 di pavé lungo i 116,km tra Denain ed il velodromo di Roubaix, prendendo rapidamente 2 minuti di vantaggio sui rivali. Gli ultimi 80km della gara hanno ripreso parimenti il percorso della prova maschile, evitando solo il settore in pavé della foresta di Arenberg.

Brava la Deignan a condurre la bici sul pavé fangoso e umido, sul quale numerose concorrenti sono cadute, tra cui Ellen van Dijk.

Inutile l’inseguimento dall’uscita dal settore del Carrefour del’Arbre della olandese Marianne Vos (Jumbo-Visma) che alla fine ha terminato 2^ a +1’17”. Terza la compagna di squadra della Deignan, Elisa Longo-Borghini, a +1’47”.

Le parole della Deignan dopo l’arrivo: “Sono molto fiera ed emozionata. Quello che è successo oggi resterà nella storia del ciclismo femminile. Partire sola non era per niente il programma, soprattutto così presto nella corsa. Volevo solo essere ben posizionata davanti nel primo settore di pavé per i miei capitani, ma vedendo che avevo creato un buco ho deciso di partire e non girarmi più“.

La Deignan ha chiuso la gara con la media di 39.656 km/h, fatti in gran parte da sola. Questo il suo nastro manubrio alla fine:

 

Commenti

  1. samuelgol:

    Spero che nessuno abbia mai detto una cosa del genere.....comunque la mancanza dei guantini la ho vista dai prò in molte altre gare.

    Ci sono centinaia di bikers che in mtb corrono con i guanti. Anzi i guanti da mtb di solito sono interi non con le dita tagliate. In qualche centinaio di gare in mtb, mai avuto problemi con i guanti...e a volte avevo il fango fin dentro il fondello.
    Ilaria Lazzaro in telecronaca eurosport
  2. alespg:

    Col fango ed il bagnato, talvolta i guanti fanno abrasioni peggiori. L'unica soluzione è fare un paio di mesi di manovale muratore come preparazione atletica:)
    E che abrasioni creerebbero? Guanti seri da MTB sarebbero solo protettivi, non abrasivi, a mio avviso. I manovali e i muratori che ci tengono alle loro mani, usano anch'essi i guanti
  3. pietro1973:

    cmq leggevo della polemica (giusta secondo me) della sperequazione enorme tra montepremi maschile vs femminile per la paris-Roubaix, per la vincitrice donna 1.535 euro da dividere con la squadra ed un totale complessivo di 7.005 euro a differenza di quello maschile pari ad euro 30.000,00 per il primo ed un montepremi complessivo di 90.000,00, una differenza enorme e senza alcun senso.

    ps piccolo OT fare leggere le cifre delle fanciulle a quelli che si lamentano nel 3d 9colli dei mancati premi ai primi di categoria :yoga:
    Funziona così in ogni sport dove i soldi vanno a chi porta più soldi in pratica, dovrebbero trovare un qualche modo per equilibrare meglio le cose, poi se il movimento (di qualsiasi sport) cresce, di conseguenza cresceranno anche i loro stipendi/premi.
Articolo precedente

Vincenzo Nibali ha vinto Il Giro di Sicilia

Articolo successivo

Sonny Colbrelli re del Nord

Gli ultimi articoli in News

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…