Le moto possono falsare le corse

Le moto possono falsare le corse

28/06/2019
Whatsapp
28/06/2019

Recentemente sono proprio i corridori ad essersi lamentati che spesso c’è un utilizzo scorretto delle moto nelle gare. La cosa è nota da decenni, ma non ha mai interessato granché il pubblico. Tuttavia un utilizzo delle moto davanti uno o più corridori può dare notevoli vantaggi, facendo arrivare una fuga o facendo rientrare un attardato.

La cosa non ha avuto riscontro particolare perché, come evidente dai recenti sviluppi riguardo le bici aero, le questioni aerodinamiche sono molto mal capite e ancora più sottovalutate: “i vantaggi per noi amatori sono minimi” uno dei refrain più in viga.

Il politecnico di Eindhoven si è lanciato sull’argomento, ed ha provato che invece i vantaggi sono notevoli, e possono facilmente falsare un risultato.

L’équipe del prof. Bert Blocken, impegnata nel “Drafting Project” ha misurato in galleria del vento gli effetti della scia delle moto su un ciclista a varie distanze.

Photo: Bart van Overbeeke.

I risultati, su strada piatta in assenza di vento, indipendentemente dalla velocità a cui si muove il ciclista, sono questi:

48% di riduzione della resistenza all’aria ad una distanza di 2,5mt dalla moto.
– 23 % a 10 mt
– 12 % a 30 mt
– 7 % a 50 mt

Nel caso di una cronometro individuale, con una velocità media di 54km/h i vantaggi sono enormi:

– 12”7 decimi a kilometro ad una distanza di  2,50 mt dietro la moto
– 5”4 a 10 mt
– 2”6 a 30 mt

In caso ci sia vento contrario questi valori aumento ancora di più.

Le conclusioni del prof. Bert Blocken son che “il vantaggio aerodinamico è superiore a quello che ci aspettavamo”.

Lo studio si è svolto in collaborazione con l’università di Lovanio, in Belgio e la società ANSYS, un’azienda che produce software specializzati nella simulazione informatica. Lo studio infatti si è svolto con due metodologie parallele: i dati ricavati dai test in galleria del vento ad Eindhoven e delle simulazioni informatiche realizzate tramite il supercomputer Cartesius del centro di calcolo nazionale olandese. I risultati sono stati gli stessi.

Va ricordato che in una prova come un grande giro ci sono non meno di 8 moto costantemente attorno ai corridori: riprese tv, fotografo ufficiale, assistenza neutra, commissario, lavagna coi tempi, radio corsa, rifornimento idrico, oltre ad almeno una della polizia.

Photo: Bart van Overbeeke.

 

Ovviamente queste moto non stanno tutte davanti i corridori, ma come dovrebbe essere ormai noto, i vantaggi aerodinamici ci sono anche se le moto stanno dietro i corridori. Infatti il coefficiente aerodinamico migliora anche se c’è un veicolo alle spalle di un corridore. Ad esempio se un corridore sta a ruota ne beneficia anche quello davanti a livello aerodinamico. Un effetto ben conosciuto dalle squadre di inseguimento su pista, le quali pianificano i cambi in modo da ottimizzare le posizioni dei vari corridori in modo da migliorare il cx complessivo del quartetto.

Va detto che l’UCI, conscia di questo fenomeno, sta studiando di sostituire, nei casi possibili, le moto con dei droni.

Almeno fino a quando un nuovo studio non dimostrerà i vantaggi che possono dare questi ultimi.

 

 

 

43
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
39 Comment threads
4 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
26 Comment authors
ZIMauro1988Bert51leonisa Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
B
Member
bianco222

Vantaggio del 7% a 50m!! Non sono un esperto cameraman ma così a pelle mi viene da dire che se l’UCI comincia ad essere pignola i primi piani ce li scordiamo (a meno che non mettano davvero i droni a ronzare davanti ai ciclisti).

B
Member
bianco222
Ser pecora

Farà un po' antidiluviano, ma credo che uno zoom possa ancora far al caso :-)xxxx

Ahah!
Vecchia scuola! Però difficile mantenere l'inquadratura ferma con un potente zoom su una moto su una strada tutta buche…
Anche se oggi gli stabilizzatori aiutano.

Bert51
Member
Bert51

Con un sistema a stabilizzazione giroscopica (es. Wes Cam usate su elicotteri) anche il tele non dovrebbe tremare. Per adesso costa uno sproposito per i comuni mortali, ma nell’economia del “carrozzone” di un GT ci può stare… e bisogna pensare di metterne uno su ogni moto, ma va riprogettato per la moto, quello sui velivoli non credo sia adattabile.
Mi corregga chi conosce tali apparati meglio di me.

Andrea Sicilia
Editor
bianco222

Vantaggio del 7% a 50m!! Non sono un esperto cameraman ma così a pelle mi viene da dire che se l'UCI comincia ad essere pignola i primi piani ce li scordiamo (a meno che non mettano davvero i droni a ronzare davanti ai ciclisti).

I primi piani possono farli da di lato.

Ad ogni modo mai avrei pensato a un vantaggio addirittura a 50 mt (mezzo campo di calcio) del 7% per giunta che è veramente tanto, visto che fra i prò anche vantaggi dell'1 o 2% sono veramente determinanti.

SoftMachine
Member
SoftMachine

Giusto per essere precisi, si tratta di vantaggi calcolati in assenza di vento. In caso di vento esattamente frontale saranno superiori ma, in caso di vento da dietro , laterale o con diversi angoli, il vantaggio sarà di gran lunga minore visto che lo “yaw” incide parecchio

maurocip
Member

accidenti… non credevo che la cosa fosse così marcata…. 😯

C
Guest

Facevano prima a chiedere ai belgi, avevano già tutti i dati…. [emoji23]

Inviato dal mio iPhone utilizzando BDC-MAG.com

golias
Member

Per me era immaginabile, più volte ho notato che se quache mezzo ti "rompe il muro" a parità di potenza ne benefici per tot metri, quanti non saprei quantificarli anche perchè ovviamente dipende da troppi fattori tra i quali anche la temperatura dell'aria.

golias
Member
Ser pecora

Di solito i corridori corrono una gara tutti lo stesso giorno e nello stesso posto…

Simpatico :cassius:
A voler ben vedere, anche se il percorso è il medesimo così come il giorno, in una cronometro (che non sia di 5 km) le condizioni possono variare e penallizare o avvantaggiare a secondo dei casi.

S
Member

Coi droni ci hanno provato nello sci, ma poi hanno abbandonato quando Hirscher è quasi stato colpito da uno caduto durante una gara.
Penso sia irrealizzabile causa alberi, fili elettrici e altri ostacoli accanto alle strade.
Meglio l’elicottero a questo punto

golias
Member
Ser pecora

Qui credo che nessuno si aspettasse vantaggi di quell'entità per le scie delle moto, più che altro anche a quelle distanze.

Ripeto.. mi è sempre stato difficile quantificare (men che meno misurare) ma è da tempo che ci ho fatto caso che basta avere uno scooter 50cc anche a circa 40-50 mt e notare che la pedalata vien più fluida, segno evidente che anche a distanza ragguardevole qualcosa fa, sarà che crea vortici o rompe la compattezza ma il vantaggio lo si può percepire.

B
Member
bianco222
samuelgol

I primi piani possono farli da di lato.

Ad ogni modo mai avrei pensato a un vantaggio addirittura a 50 mt (mezzo campo di calcio) del 7% per giunta che è veramente tanto, visto che fra i prò anche vantaggi dell'1 o 2% sono veramente determinanti.

Sarebbe interessante capire i vantaggi (o svantaggi) delle moto di lato.

B
Member
bianco222
Scaldamozzi ogni tanto

Coi droni ci hanno provato nello sci, ma poi hanno abbandonato quando Hirscher è quasi stato colpito da uno caduto durante una gara.
Penso sia irrealizzabile causa alberi, fili elettrici e altri ostacoli accanto alle strade.
Meglio l’elicottero a questo punto

In effetti droni lungo le strade sarebbe un bel casino…

Bert51
Member
Bert51

Condivido 100%

Maxfire
Member

Lo sanno lo sanno a se non lo sanno i ciclisti, avete notato come vanno a cercare spasmodicamente le ruote delle moto in particolare quando escono a tutta dal gruppo e magari per mantenere lo slancio vanno verso le moto. Quindi ben venga lo studio ma a me sembra che i corridori ne siano ben consci del vantaggio che può dare la moto. O lo sbracciarsi dei corridori che rimangono in gruppo quando una moto e troppo vicina. Poi sono dei maestri del vento vedi i ventagli, e gente che piu che altro ci campa con le scie. Quindi non… Read more »

CLICK17
Member

Se fanno come con Nico Mattan o Vanpetegen che sembrava una corsa di Stayer allora si .

fabiopon
Member
Ser pecora

Poi per me possiamo parlare di qualunque caso eh…metti che esploda una bomba nucleare nei pressi della cronometro al Tour la convezione termica potrebbe risucchiarli tutti verso l'alto…dal punto di vista televisivo penso sarebbe molto scenografico :clown:

Oppure passare per Genova nel momento sbagliato
Vedi l’allegato 182713

I
Member

Mi pare che l'articolo si contraddica quando scrivono che i vantaggi vi sono "indipendentemente dalla velocità del ciclista" poi giustamente specificano che in una crono a 54 km/h sono maggiori ed ancora di più con vento contro.
X cui non è indipendente dalla velocità ma lo è in modo direttamente proporzionale alla stessa. Maggiore velocità (soprattutto maggiore impatto d'aria frontale) maggiore vantaggio

Sent from my Pixel 3a using BDC-Forum mobile app

all_i_need_is_bike
Member

ildoppingnonvincemai Mi pare che l'articolo si contraddica quando scrivono che i vantaggi vi sono "indipendentemente dalla velocità del ciclista" poi giustamente specificano che in una crono a 54 km/h sono maggiori ed ancora di più con vento contro. X cui non è indipendente dalla velocità ma lo è in modo direttamente proporzionale alla stessa. Maggiore velocità (soprattutto maggiore impatto d'aria frontale) maggiore vantaggio La riduzione di resistenza all'avanzamento è indipendente dalla velocità (nel campo di velocità tipiche), cioè dipende solo dalla configurazione. La riduzione di potenza necessaria per avanzare dipende chiaramente dalla velocità (visto che la potenza è il prodotto… Read more »

S
Member

all_i_need_is_bike La riduzione di resistenza all'avanzamento è indipendente dalla velocità (nel campo di velocità tipiche), cioè dipende solo dalla configurazione. La riduzione di potenza necessaria per avanzare dipende chiaramente dalla velocità (visto che la potenza è il prodotto fra forza resistente e velocità relativa ciclista/aria), e con essa i vantaggi in termini di tempo. Inoltre più la velocità cresce più la scia si estende a valle (intesa come distanza). Quindi, per esempio, se si rimane sempre alla stessa distanza, diciamo 20 m, a 20 km/h magari si è fuori dalla scia e si hanno benefici nulli, a 50 km/h si… Read more »

all_i_need_is_bike
Member
Scaldamozzi ogni tanto

Inoltre più la velocità cresce più la scia si estende a valle (intesa come distanza).
Quindi, per esempio, se si rimane sempre alla stessa distanza, diciamo 20 m, a 20 km/h magari si è fuori dalla scia e si hanno benefici nulli, a 50 km/h si è dentro e con tanti vantaggi

Sì, chiaramente va analizzato il contesto effettivo se si vuole valutare quanto "pesa" l'effetto in termini di velocità o tempo guadagnato.

C
Guest
CLICK17

Se fanno come con Nico Mattan o Vanpetegen alle classiche del nord che sembrava una corsa di Stayer allora si .

Io ricordo la Gand del 2005 come una cosa veramente incredibile. Flecha stacca in pianura Mattan, che resta a 4/5 secondi, all’ultimo km due ammiraglie tra il primo e il secondo e 4/5 moto, tanto che Mattan recupera e lancia in scia alla moto una volata lunghissima e vince a braccia alzate. Ancora si trovano online le polemiche fatte dalla Fassa Bortolo. Scusate l’ot……

Sent from my iPhone using BDC-Forum mobile app

R
Member

golias Ripeto.. mi è sempre stato difficile quantificare (men che meno misurare) ma è da tempo che ci ho fatto caso che basta avere uno scooter 50cc anche a circa 40-50 mt e notare che la pedalata vien più fluida, segno evidente che anche a distanza ragguardevole qualcosa fa, sarà che crea vortici o rompe la compattezza ma il vantaggio lo si può percepire, certo che 7% meraviglia. Ma infatti.chiunque vada a caccia di "scie" dietro motore lo sa benissimo.. ora col caldo è più difficile ma nei giri autunnali qualche volta mi è successo di mettermi in scia a… Read more »

gasht
Member

non ho mai capito perché pinotti non abbia ridato indietro la vittoria in questa tappa.
qui è tirato dalla moto della polizia in modo scandaloso.

jan80
Member
jan80

e’ normale che le moto aiutano e tanto……il problema pero’ rimane se vogliamo belle riprese,di certo le moto aiutano parecchio

C
Member

Per me devono cambiare totalmente il sistema delle riprese, io ipotizzerei di provare con telecamere sulle bici dei Pro (su tutte le bici, cosi non ci sono distinzioni "aerodinamiche"), il vero balzo di qualità sarebbe se ci fosse la possibilità "interattiva" di scegliere in tempo reale quale ciclista seguire con la propria telecamera "onboard", dove sarebbe carino anche leggere i valori di velocità, VAM, watt e bpm. Pensate che ficata una cosa simile da vedere!
Per le riprese del gruppo punterei agli elicotteri e stop, di droni non ne so abbastanza per dire quanto sia fattibile.

Shinkansen
Member
Shinkansen

Impressionante.
A 50 metri di distanza si hanno ancora dei vantaggi. Avrei pensato che l’effetto scia svanisse del tutto oltre i dieci metri, ovviamente alle alte velocità.

M
Member
Mauro85

Nel Lazio, sulla strada Pontina nel tratto da Latina a Sabaudia-Circeo-Terracina, passano molti trattori che trasportano le cassette di frutta
e devono guidare a un limite di 40 km/h.
Quando mi metto in scia, devo frenare per quanto vado veloce, spesso tengo i 40 km senza neanche pedalare, sembra di essere trainati.
Va detto che le cassette di frutta creano un muro alto anche dieci metri, per cui il vortice di risucchio è notevole
e mi avvolge completamente.
Forse dietro a una motocicletta sarei meno coperto, ma tenendo conto dei watt di un professionista,
secondo me anche una Vespa gli procurerebbe un vantaggioa aerodinamico.

alespg
Member
alespg

Ahahaha il dietro-trattore!

andry96
Member

gasht non ho mai capito perché pinotti non abbia ridato indietro la vittoria in questa tappa. qui è tirato dalla moto della polizia in modo scandaloso. dove la moto è molto vicina l'atleta respira. la potenza è decisamente minore. questo fu un mezzo scandalo perché è una crono. ma si vedono cose più occulte tipo gente che recupera 30 secondi in un paio di km e sembra che i primi siano in crisi. cmq la cosa era parecchio più scandalosa qualche anno fa soprattutto per il fatto che c'erano nugoli di moto. vedi sanremo 95. vedi campiglio 1999 con le… Read more »

bonny92
Member

50m son tanti, non pensavo.
30m invece si, mi è capito più volte di andare a riagganciare gli scooter (soprattutto in zona lago) e si avverte il leggero vantaggio a questa distanza.
Comunque basterebbe inquadrarli di traverso per evitare vantaggi, altro che droni…

L
Member
alespg

Ahahaha il dietro-trattore!

Non mortali dobbiamo accontentarci di quello [emoji23]
Ma i nuovi Fend Syncro son bastardi [emoji28]

andry96
Member
bianco222

In effetti droni lungo le strade sarebbe un bel casino…

Un casino pericoloso e che ti crea folate di vento ancora più dannose e pericolose delle moto

I
Member
all_i_need_is_bike

La riduzione di resistenza all'avanzamento è indipendente dalla velocità (nel campo di velocità tipiche), cioè dipende solo dalla configurazione. La riduzione di potenza necessaria per avanzare dipende chiaramente dalla velocità (visto che la potenza è il prodotto fra forza resistente e velocità relativa ciclista/aria), e con essa i vantaggi in termini di tempo.

Sì, come ho detto io[emoji106]

Sent from my Pixel 3a using BDC-Forum mobile app

Z
Member
Zac36100

lo studio è fatto per pubblicizzare il software…
E i camion che passano sulla strada nelle ore precedenti????????? sai che movimento di massa d’aria?

all_i_need_is_bike
Member
ildoppingnonvincemai

Sì, come ho detto io

Perfetto, quindi siamo d'accordo sul fatto che non si contraddice 🙂