L’UCI ha istituito l’unità controlli raggi X

La gestione Lappartient aumenta i controlli UCI contro il doping tecnologico, con l’istituzione di un’unità specificamente dotata di strumenti a raggi X, ovvero un’unità mobile installata su un rimorchio, “un nuovo strumento che permetterà di controllare le biciclette dei corridori, uno strumento trasportabile e che sarà messo in esercizio già da questo fine settimana” ha dichiarato il presidente UCI. La strategia di Lappartient però è una sorta di ribaltamento di quello che comunemente si è portati a pensare: “questo sistema non serve tanto a trovare i motorini nascosti, quanto a dimostrare che non sono utilizzati“.

Lappartient aveva fatto della lotta al doping tecnologico una delle sue priorità già in “campagna elettorale”, ed ora è passato ai fatti: “Durante gli ultimi tre mesi  abbiamo lavorato allo sviluppo di questa soluzione che permette di leggere le ici come libri aperti evitandone lo smontaggio“, ha precisato Jean-Christophe Péraud, ex-professionsista (2° al Tour 2014) che ora dirige la commissione materiali e lotta alle frodi tecnologiche dell’UCI.

L’unità mobile, di cui per ora l’UCI dispone di solo un esemplare, è stata sviluppata da VJ Technologies, partner UCI fin dal 1987: “Saremo presenti con questa tecnologia sui 5 continenti e 18 paesi. Copriremo il 50% del calendario World Tour, ma anche altre discipline come la MTB o la pista”, ha aggiunto Péraud.

Articolo precedente

Elia Viviani vittorioso a La Panne

Articolo successivo

Froome fuori dal Tour secondo Press Association Sport

Gli ultimi articoli in Magazine

Attenzione ai siti fake

Nelle ultime settimane sono apparsi online dei falsi siti web creati da truffatori desiderosi di fare…