L’UCI toglie lo sviluppo massimo consentito del rapporto per gli juniores

74

L’Unione Ciclistica Internazionale (UCI) abolirà dal 1 gennaio 2023 la limitazione dello sviluppo massimo del rapporto consentito per gli Juniores nelle gare del calendario internazionale (articolo 2.2.023 del regolamento UCI). Fino al 31 dicembre 2022 resta limitato a 7,93 metri per Junior Maschili e Femminili.

Questa limitazione era già stata tolta in Francia dal 2020, per cui i rapporti erano liberi per gli Juniores nelle gare del calendario nazionale transalpino. La discussione sull’opportunità di togliere questa limitazione per gli juniores era proprio nata in Francia, come avevamo riportato a suo tempo, prendendo in considerazione l’evoluzione del fisico dei giovani nel corso del tempo, e ritenendo che la limitazione dei rapporti fosse ormai anacronistica per gli juniores.

Nelle motivazioni del cambio di regolamento l’UCI pone sia la “mancanza di evidenze scientifiche a supporto delle restrizioni correnti”, sia per la difficile reperibilità dei pacchi pignoni adatti per i gruppi 12V attuali.

 

Commenti

  1. in italia (fuori non so) c'è la rincorsa ad anticipare sempre più il rendimento. Oggi ci sono giovanissimi (7 12 anni) che fanno i dietro macchina e le ripetute in salita, dopo cosa faranno?
  2. leandro_loi:

    Comunque tiriamo su dei casini che la metà basta per i rapporti degli juniores, che i ragazzi in mtb già da quando cominciano dai giovanissimi non hanno NESSUN TIPO DI LIMITAZIONE dei rapporti. E non mi pare che la mtb abbia formato gente che va via dura o che in mtb i talenti vengano bruciati. Anzi, abbiamo forse più giovani talenti nella mtb che nella strada.
    ma infatti questa dei rapporti e' una stronzata mega,basterebbe avere dei buoni tecnici nelle gategorie giovanili,cosa che in tante realtà invece manca
  3. Riccardo03:

    Quando passerà under23 dirà le stesse cose di nuovo aggiungendo” ora capisco perché i prof ogni corsa si fanno male quando cadono. 60km/h jn pianura tutti in fila quando si apre il gas. Alla fine da junior complice anche il limite del rapporto, non raggiungi certe velocità. “;pirlùn^
    Forse da junior è ancora peggio, almeno io ho trovato una situazione migliore fra gli under che tra gli junior da quel punto di vista. I primi ti buttano nel fosso 200 metri dopo la partenza se vogliono passare i secondi in condizioni normali la prima metà corsa usano un po' di sale in zucca (non tutti).
    Infatti ci sono molte meno cadute.
    Poi chiaro negli ultimi 10 kilometri prima della volata non si guarda in faccia nessuno, ma da che mondo e mondo è sempre stato così.
Articolo precedente

Longo Borghini e Ganna campioni italiani a cronometro

Articolo successivo

Evenepoel e gli altri campioni nazionali a cronometro

Gli ultimi articoli in Magazine