L’UCI vieta ai corridori transgender la partecipazione alle gare femminili

164

In un comunicato stampa, l’unione ciclistica internazionale (UCI) ha deciso di adattare le attuali regole sul diritto delle atlete transgender a partecipare alle gare del calendario internazionale UCI:

D’ora in poi alle atlete transgender che hanno effettuato la transizione dopo la pubertà (maschile) sarà vietato partecipare alle gare femminili del calendario internazionale UCI – in tutte le categorie – nelle varie discipline.
Per gli eventi internazionali Masters – gare del Calendario Internazionale UCI Cycling for All ed eventi UCI (UCI Gran Fondo World Series, UCI Gran Fondo World Championships, UCI Gravel World Series, UCI Gravel World Championships e UCI Masters World Championships) -, la categoria maschile sarà rinominata Men/Open, e qualsiasi atleta che non soddisfi le condizioni per la partecipazione agli eventi femminili sarà ammesso senza restrizioni.
Il Comitato direttivo dell’UCI ha preso atto dello stato delle conoscenze scientifiche, che non confermano che almeno due anni di terapia ormonale di conferma del sesso con una concentrazione plasmatica di testosterone target di 2,5 nmol/L siano sufficienti a eliminare completamente i benefici del testosterone durante la pubertà negli uomini. Inoltre, esiste una notevole variabilità interindividuale nella risposta alla terapia ormonale di conferma del sesso che rende ancora più difficile trarre conclusioni precise sugli effetti di tale trattamento.  Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche, non è possibile escludere che fattori biomeccanici come la forma e la disposizione delle ossa degli arti possano costituire un vantaggio duraturo per le atlete transgender.
Tenendo conto di questi risultati il Comitato direttivo dell’UCI ha considerato l’interesse degli atleti transgender di poter partecipare alle competizioni sportive rispetto a quelli degli atleti della categoria femminile, considerata una classe protetta. In questo contesto, il Comitato direttivo dell’UCI ha concluso, considerando le rimanenti incertezze scientifiche, che era necessario adottare questa misura per proteggere la categoria femminile e garantire le pari opportunità.
Per ulteriori informazioni sullo stato attuale delle conoscenze scientifiche sugli effetti del trattamento di conferma del genere sui marcatori di prestazione nelle cicliste transgender consultare: Prof. Xavier Bigard, “The current knowledge on the effects of gender-affirming treatment on markers of performance in transgender female cyclists”, aggiornato a maggio 2023.
Le nuove regole entreranno in vigore il 17 luglio 2023. In futuro potranno essere modificate in base all’evoluzione delle conoscenze scientifiche. In quest’ottica l’UCI avvierà discussioni con altri membri del movimento sportivo internazionale per il cofinanziamento di un programma di ricerca volto a studiare i cambiamenti nelle prestazioni fisiche di atleti altamente allenati sottoposti a trattamenti ormonali di transizione

Il presidente dell’UCI David Lappartient ha dichiarato inoltre: “Prima di tutto, l’UCI desidera ribadire che il ciclismo, come sport agonistico, attività ricreativa o mezzo di trasporto, è aperto a tutti, comprese le persone transgender, che incoraggiamo come tutti gli altri a partecipare al nostro sport. Vorrei anche ribadire che l’UCI rispetta e sostiene pienamente il diritto delle persone di scegliere il sesso che corrisponde alla loro identità di genere, indipendentemente dal sesso che è stato loro assegnato alla nascita. Tuttavia ha il dovere di garantire soprattutto le pari opportunità per tutti i concorrenti nelle competizioni ciclistiche. È questo imperativo che ha portato l’UCI a concludere che, dato che lo stato attuale delle conoscenze scientifiche non garantisce tale uguaglianza di opportunità tra le atlete transgender e le partecipanti di sesso femminile cisgender, non era possibile, in via precauzionale, autorizzare le prime a gareggiare nelle categorie femminili“.

La decisione è stata presa con ogni probabilità dopo le polemiche nate dopo la vittoria di Austin Killips al Tour of Gila femminile lo scorso maggio, prima atleta transgender a vincere una corsa a tappe UCI. Vittoria che Inga Thompson, tre volte olimpionica, aveva commentato criticando proprio l’UCI, dicendo che: “sta uccidendo il ciclismo femminile”. Seguita anche dalla collega Alison Sydor, medaglia d’argento olimpica canadese, la quale ha criticato la partecipazione di Killips affermando che “funzionalmente non è diversa dal doping”.

E prima ancora con il caso di Emily Bridges, altra atleta transgender.

Commenti

  1. mauretto:

    Lo trovo corretto. E' sacrosanto che un individuo crescendo e assecondando i suoi sentimenti e le sue sensazioni rivendichi il suo sentirsi maschio o femmina pur essendo nato del sesso opposto. Però resta il fatto che dal punto di vista biologico, un individuo mantiene il sesso con il quale è stato generato dalla combinazione dei cromosomi per tutta la sua esistenza, dal momento del concepimento fino alla sua morte. Indipendentemente da tutti i trattamenti ormonali e operazioni chirurgiche a cui si può sottoporre durante la vita.
    Quindi, imho, decisione giusta e che secondo me non va a ledere in nessun modo la parità di genere
    Vallo a dire alle comunità lgbtq+.....sono pienamente d'accordo con te, puoi fare tutte le cure di questo mondo ma contro madre natura non ci vai ....uomo o donna sei nato e biologicamente lo sei per tutta la vita! Io sono per il rispetto di tutti, ogniuno è libero di vivere la propria sessualità come vuole ma in campo sportivo i vantaggi di una muscolatura maschile in gare femminili porta dei vantaggi non trascurabili.
  2. 4x16:

    Vallo a dire alle comunità lgbtq+...
    ma loro dovrebbero essere i primi ad avere l'intelligenza e la sensibilità di comprendere questa decisione.
    Proprio per una questione di parità di GENERE, se il regolamento di un certo sport non permette competizioni miste, è corretto che individui della stessa natura biologica gareggino solo con i loro pari.
Articolo precedente

La Cofidis fa doppietta con Ion Izagirre

Articolo successivo

Grande Kwiatkowski sul Grand Colombier

Gli ultimi articoli in News