Mavic in amministrazione controllata

Mavic in amministrazione controllata

08/05/2020
Whatsapp
08/05/2020

L’azienda francese Mavic è stata messa in amministrazione controllata dal tribunale del commercio di Grenoble il 2 Maggio scorso, per un periodo di osservazione di 6 mesi. Mavic, fondata nel 1889, impiega 250 persone nel mondo, di cui 200 in Francia nei due siti di Annecy e Saint-Triviers-sur-Moignans, è da tempo in difficoltà. Dopo essere stata acquisita nel 2005 dalla finlandese Amer Sport (Wilson, Salomon, et.), la quale nel 2019 è passata sotto il controllo della società Master Bidco Oy, facente parte del gruppo cinese Anta Sports. Questo gruppo ha separato Salomon e Mavic dal resto e messe in vendita alla fine dello scorso anno. Poi, ad inizio anno l’annuncio della vendita al fondo statunitense Regent LP, con promesse di rilanciare questo storico marchio, inventore del cerchio in alluminio nel 1934.

foto: GettyImages

Ma qualche giorno fa la brutta sorpresa per i dipendenti, come raccontato ad Agence Presse France (AFP) da Gérard Meunier, segretario del comitato sociale ed economico (CSE) dell’azienda: “Amer ci voleva vendere e ci aveva detto di aver trovato in Regent LP il compratore. Delle persone di Regent sono venute ad Annecy lo scorso luglio dicendoci che eravamo una gioiello da risvegliare e che credevano in Mavic. Dopo, più niente, non un investimento, non una risposta. Qualche giorno fa un rappresentante del personale è venuto a sapere che contrariamente a quanto annunciato pubblicamente, non ci hanno ceduto a Regent LP, ma alla società M Sports, basata nel Delaware, in USA, la quale non ha alcun legame con Regent!“.

Il gruppo Amer Sports ha dichiarato ad AFP che è lei stessa “ugualmente vittima in questo affare“, in quanto Regent avrebbe dissimulato la vera identità dell’azionista compratore.

Ora il tribunale di Grenoble ha dato tempo sino al 2 giugno come prima data limite per depositare proposte d’acquisto.

 

 

Commenti

  1. bradipus:

    caspita, questa è grossa! mi spiace molto per un marchio storico del ciclismo, e per i suoi dipendenti.
    Spiace, ma la loro parabola degli ultimi 10 anni non poteva finire tanto meglio...
  2. samuelgol:

    In che senso? Scelte sbagliate, azzardate o criticabili (intesi nella produzione)? Che intendi per loro parabola?
    Un po' tutto. Sono cose che ho commentato spesso. Non che aver avuto ragione mi faccia contento, anzi, mi dispiace per un marchio storico come Mavic.
  3. Con le prime Ksyrium vent'anni fa aveva monopolizzato il mercato, anche in Italia dove Ambrosio andava per la maggiore, ma non aveva capito che si stava passando dalla ruota "alla carta" a quella pre-assemblata. Sarà così per molte aziende storiche, ho paura a dire il nome che vedo tra i primi della triste lista.