Mondiali 2019: Samuele Battistella campione in linea U23

Mondiali 2019: Samuele Battistella campione in linea U23

28/09/2019
Whatsapp
28/09/2019

Il giovane italiano di 20 anni Samuele Battistella ha approfittato del declassamento dell’olandese Nils Eekhoff per salire sul gradino più alto del podio nella corsa in linea  U23 ai mondiali nello Yorkshire.

Samuele Battistella ha atteso più di un’ora prima di poter assaporare la vittoria dopo che inizialmente era passato in seconda posizione sulla linea del traguardo dietro Eekhoff. I commissari hanno in quel lasso di tempo rivisto i video della gara riscontrando che l’olandese era rientrato sul gruppo di testa grazie alla scia della vettura della sua nazionale dopo essere caduto a 100km dall’arrivo. Incredulità e lacrime per lui dopo la decisione dei commissari.

Battsitella ha quindi battuto a sorpresa due dei principali favoriti della vigilia: il britannico Thomas Pidcock (3°) e lo svizzero Stefan Bissegger (2°).

Battistella il prossimo anno correrà nel World Tour per la NTT, nuovo nome della Dimension Data.

35
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
8 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
Salearc66pietro1973jan80Paolore Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
P
Member
Paolore
Caspita… Ho visto la gara e poi sono uscito…. Bella sorpresa. Battistella è stato protagonista nella fuga a 5 invitando nei cambi e scattando spesso negli strappi. Complimenti a lui ma umanamente mi dispiace per l olandese…. Era caduto e ha fatto di tutto per rientrare. Il regolamento non perdona.
Paolo
jan80
Member
jan80
vittoria giusta
pietro1973
Member
pietro1973
caspita l’olandese s’e’ fatto un bel po di dietro macchina, squalifica sacrosanta
jan80
Member
jan80
caspita l’olandese s’e’ fatto un bel po di dietro macchina, squalifica sacrosanta

non credo ci si possa neanche lamentare( che sia a 125km dal traguardo) non centra nulla…….certe cose non si possono fare……..come era stato giusto per Nibali la squalifica dalla Vuelta e’ giusta questa squalifica( che comunque e’ di tanto piu’ grave di quella di Moscon ai Moniali di Bergen).
Quindi piuttosto che lamentarsi olandese dovrebbe vergognarsi!!!

pietro1973
Member
pietro1973
non credo ci si possa neanche lamentare( che sia a 125km dal traguardo) non centra nulla…….certe cose non si possono fare……..come era stato giusto per Nibali la squalifica dalla Vuelta e’ giusta questa squalifica( che comunque e’ di tanto piu’ grave di quella di Moscon ai Moniali di Bergen).
Quindi piuttosto che lamentarsi olandese dovrebbe vergognarsi!!!

Dopo quello che hanno fatto hanno ben poco da lamentarsi e recriminare più figura di merda di questa è difficile

jan80
Member
jan80

alearc66 ha scritto: Io non sono daccordo,per me non è per niente giusta la squalifica,lui non si è attaccato, vero che si è fatto un po’ di km in scia, ma in caso di caduta o incidente meccanico ci sta’. Quindi se ad un mondiale o al Tour, un corridore finisce in una caduta, la sua ammiraglia gli da la bici dopo 2 minuti,(quindi riparte fuori dalle scie delle ammiraglie) questo si dovrebbe ritirare? Perche’ è impossibile che un corridore da solo riesca a recuperare su un gruppo lanciato.. Clicca per allargare… siamo in un mondiale …….in piu’ ha vinto…….in… Read more »

alearc66
Member
alearc66
Quindi,ripeto, in caso di incidente meccanico o caduta, anche a 100 chilometri dall’arrivo, se la corsa è gia’ lanciata, chi resta fuori dalla teoria delle ammiraglie fa prima a ritirarsi subito, perche’ nessun umano avrebbe la possibilita’ di recuperare 30" o piu’ su un gruppo che spinge.
S
Member
Simone.01
Alearc66 anche essendo d’accordo va cambiato il regolamento non si può non squlificare se palesemente lo si ha infranto.

Miguel Angel Lopez se non avesse forato mille volte magari avrebbe vinto il giro quest’anno ;)

S
Member
Simone.01
Alearc66 anche essendo d’accordo va cambiato il regolamento non si può non squlificare se palesemente lo si ha infranto.

Miguel Angel Lopez se non avesse forato mille volte magari avrebbe vinto il giro quest’anno ;)

Doppiomisto
Member
Doppiomisto
Battistella ha vinto la medaglia d’oro.
Eekhoff ha vinto la corsa.
jan80
Member
jan80

allora perche’ Moscon e’ stato squalificato 2 anni fa’??non ha mica fatto 3 km attaccato alla macchina…….se c’e’ il regolamento va rispettato,altrimenti mettiamo che ci si puo’ agganciare alle macchine anche in volata……. Posso capire un piccolo aiuto ma in questo caso era un dietro motori,in questa maniera avrebbe recuperato anche 5 minuti in pochi km,non puo’ esistere……quando si chiude un occhio e’ soprattutto in casi che non pesano( gruppo che sta andando a spasso) corridore non di classifica che si stacca comunque poco dopo,ma in casi come Nibali alla Vuelta,Moscon 2 anni fa’ oppure appunto Eekhoff venerdi,non si puo’… Read more »

A
Member
Airone del Chianti
Per me squalifica sacrosanta. Se hai un incidente rientri con le tue gambe e gli aiuti dei gregari, altrimenti resti staccato. Le regole se ci sono vanno fatte rispettare, per tutti. E gli effetti di questa decisione si sono già visti domenica nella gara elite. Gilbert non è rientrato dopo la caduta, Ulissi non è rientrato dopo il cambio bici, proprio perché la corsa era lanciata e non potevano rientrare in scia alle ammiraglie. Sono episodi di corsa e fanno parte del gioco.
A
Member
Airone del Chianti

Tra gli episodi si citano spesso Moscon ai mondiali 2017 e Nibali alla Vuelta 2015, in cui è scattata la squalifica. Ineccepibile. Ma ci sono due episodi, spesso dimenticati o (volutamente) ignorati, che sono ancora più clamorosi proprio perché non terminati in squalifica: – lo stesso Nibali, caduto due volte nel penultimo giro, che rientra in scia all’ammiraglia italiana trainato per almeno 3km. Al suono della campana aveva 1′ ed era già lanciato in scia, 2km dopo prima della salita di Fiesole era già in gruppo, fresco come una rosa. Infatti poi scattò. Ovviamente nel frattempo la telecamera aveva staccato.… Read more »

Andrea Sicilia
Editor

Squalifica sacrosanta. Si è attaccato ed è stato pure in scia per un sacco. Lo sport è fatto anche di accadimenti negativi. Ti viene il cagotto la mattina della gara, rompi la macchina o la moto (o la bici) ecc.ecc. Succede. A volte colpa tua che magari hai mangiato male, preso freddo, sottoposto il mezzo meccanico a stress….a volte sfiga. Amen. Avrai altra occasione. Che tutti i prò lo facciano (probabilmente è vero) non vuol dire che sia regolare…..tutti i prò si dopavano a epo negli anni 90 e se avessi chiesto loro cosa ne pensavano ti rispondevano, come in… Read more »

Scaldamozzi ogni tanto
Member
Scaldamozzi ogni tanto

Airone del Chianti ha scritto: Per me squalifica sacrosanta. Se hai un incidente rientri con le tue gambe e gli aiuti dei gregari, altrimenti resti staccato. Le regole se ci sono vanno fatte rispettare, per tutti. E gli effetti di questa decisione si sono già visti domenica nella gara elite. Gilbert non è rientrato dopo la caduta, Ulissi non è rientrato dopo il cambio bici, proprio perché la corsa era lanciata e non potevano rientrare in scia alle ammiraglie. Sono episodi di corsa e fanno parte del gioco. Clicca per allargare… Esatto, giustissimo squalificarlo. Altrimenti, se da un lato uno… Read more »

jan80
Member
jan80

Airone del Chianti ha scritto: Tra gli episodi si citano spesso Moscon ai mondiali 2017 e Nibali alla Vuelta 2015, in cui è scattata la squalifica. Ineccepibile. Ma ci sono due episodi, spesso dimenticati o (volutamente) ignorati, che sono ancora più clamorosi proprio perché non terminati in squalifica: – lo stesso Nibali, caduto due volte nel penultimo giro, che rientra in scia all’ammiraglia italiana trainato per almeno 3km. Al suono della campana aveva 1′ ed era già lanciato in scia, 2km dopo prima della salita di Fiesole era già in gruppo, fresco come una rosa. Infatti poi scattò. Ovviamente nel… Read more »

A
Member
Airone del Chianti
infatti in quei 2 casi non si ha la prova televisiva o video…….purtroppo non puoi squalificare senza prove anche se c’e’ l’evidenza!!

Se ne deduce che con queste regole è la regia televisiva, più che la giuria, a decidere.
Però a Firenze 2013 tutti videro perché sul traguardo le tribune erano piene. E tutti applaudirono il gesto. Lo sportivissimo pubblico del ciclismo… :mrgreen:

pedalone della bassa
Member
pedalone della bassa

Airone del Chianti ha scritto: Tra gli episodi si citano spesso Moscon ai mondiali 2017 e Nibali alla Vuelta 2015, in cui è scattata la squalifica. Ineccepibile. Ma ci sono due episodi, spesso dimenticati o (volutamente) ignorati, che sono ancora più clamorosi proprio perché non terminati in squalifica: – lo stesso Nibali, caduto due volte nel penultimo giro, che rientra in scia all’ammiraglia italiana trainato per almeno 3km. Al suono della campana aveva 1′ ed era già lanciato in scia, 2km dopo prima della salita di Fiesole era già in gruppo, fresco come una rosa. Infatti poi scattò. Ovviamente nel… Read more »

A
Member
Airone del Chianti
se poi vedo chi detiene il 3° tempo sulla Cipressa……..anche lì…..miracoli che accadono

In tal caso ci furono polemiche perché era il francese brutto sporco e cattivo.
Su Nibali invece tutti zitti, telecronisti compresi (che tutto sapevano e tutto avevano visto).

pedalone della bassa
Member
pedalone della bassa
In tal caso ci furono polemiche perché era il francese brutto sporco e cattivo.
Su Nibali invece tutti zitti, telecronisti compresi (che tutto sapevano e tutto avevano visto).

o.t.
quel mondiale non l’ho manco visto (ero in vacanza a Mauritius…..che bei ricordi :cry:) e non ancora iscritto al forum, ma fù così evidente il recupero?

A
Member
Airone del Chianti
o.t.
quel mondiale non l’ho manco visto (ero in vacanza a Mauritius…..che bei ricordi :cry:) e non ancora iscritto al forum, ma fù così evidente il recupero?

1 minuto in 2km sul gruppo lanciato all’ultimo giro… fai te… ;)

rebus
Member
rebus
Tornando a Battistella, diciamo che le sue non sono state le circostanze migliori per vincere, così come quello di Trentin non è stato il modo migliore per perdere…
jan80
Member
jan80
Se ne deduce che con queste regole è la regia televisiva, più che la giuria, a decidere.
Però a Firenze 2013 tutti videro perché sul traguardo le tribune erano piene. E tutti applaudirono il gesto. Lo sportivissimo pubblico del ciclismo… :mrgreen:

senza prove televisive o video cosa fai?non e’ che ci sono 200000 guidici in ogni angolo del percorso

A
Member
Airone del Chianti
senza prove televisive o video cosa fai?non e’ che ci sono 200000 guidici in ogni angolo del percorso

Sul traguardo c’erano tanti occhi.
Proprio questo qualcuno ha dato ordine alla regia compiacente di staccare sul gruppo.
A Bergen invece, siccome Moscon stava sui coglioni a tutti, lo hanno ripreso fin sotto la doccia per coglierlo in fragrante.
Secondo te, la giustizia sportiva può basarsi su queste circostanze arbitrarie?

jan80
Member
jan80
Sul traguardo c’erano tanti occhi.
Proprio questo qualcuno ha dato ordine alla regia compiacente di staccare sul gruppo.
A Bergen invece, siccome Moscon stava sui coglioni a tutti, lo hanno ripreso fin sotto la doccia per coglierlo in fragrante.
Secondo te, la giustizia sportiva può basarsi su queste circostanze arbitrarie?

allora se non ci si fida delle riprese video di chi bisogna fidarsi??ovviamente le riprese sono anche di parte…ma non vengono falsate se veramente ti sei attaccato,qualcuno invece la scampa ma qualcuno

Andrea Sicilia
Editor

Airone del Chianti ha scritto: Sul traguardo c’erano tanti occhi. Proprio questo qualcuno ha dato ordine alla regia compiacente di staccare sul gruppo. A Bergen invece, siccome Moscon stava sui coglioni a tutti, lo hanno ripreso fin sotto la doccia per coglierlo in fragrante. Secondo te, la giustizia sportiva può basarsi su queste circostanze arbitrarie? Clicca per allargare… Sicuramente bisogna cercare che la legge valga e sia applicata a tutti. Io credo che i mezzi (satellitari) per smascherare cose pacchiane possano esserci se li si vuole usare. Se invece sta bene chiudere un occhio e seccare solo chi ha la… Read more »

A
Member
Airone del Chianti
allora se non ci si fida delle riprese video di chi bisogna fidarsi??ovviamente le riprese sono anche di parte…ma non vengono falsate se veramente ti sei attaccato,qualcuno invece la scampa ma qualcuno

Farei notare che fa notizia solo quando c’è una squalifica, mentre i casi più vergognosi e antisportivi vengono dimenticati.
Non è che la scampano "per fortuna" ma perché gli viene fatta scampare. E’ l’uso distorto del mezzo televisivo che va denunciato.

A
Member
Airone del Chianti

samuelgol ha scritto: Sicuramente bisogna cercare che la legge valga e sia applicata a tutti. Io credo che i mezzi (satellitari) per smascherare cose pacchiane possano esserci se li si vuole usare. Se invece sta bene chiudere un occhio e seccare solo chi ha la sfiga di essere beccato, andranno avanti così. Clicca per allargare… A squadre e corridori andrebbe bene andare avanti così. Hanno chiuso sempre due occhi (non uno) e il comportamento si è generalizzato in piena impunità, come ai primi tempi dell’era doping. "se lo fanno tutti…" Ovviamente sotto il profilo sportivo non può andare bene ed… Read more »

jan80
Member
jan80
Farei notare che fa notizia solo quando c’è una squalifica, mentre i casi più vergognosi e antisportivi vengono dimenticati.
Non è che la scampano "per fortuna" ma perché gli viene fatta scampare. E’ l’uso distorto del mezzo televisivo che va denunciato.

su questo sono d’accordo,una soluzione potrebbe essere avere piu’ giudici in moto che seguono la corsa come fanno le riprese televisive,ma purtroppo le moto sogia’ tante……..che poi si voglia salvare qualcuno o meno dalle riprese e’ vero……

A
Member
Airone del Chianti
…che poi si voglia salvare qualcuno o meno dalle riprese e’ vero…..

Finora, andando a casaccio, si è cercato di colpire quelli che stavano sui coglioni al sistema.
Moscon a Bergen ha pagato le vicende con Reza e Reichenbach più che quel traino che avranno fatto altri venti corridori in quella gara.

alearc66
Member
alearc66

Molti di voi insistono a dare contro a Nibali, ma alla borraccia appiccicosa se è per questo, si è attaccato anche Roglic all’ultimo giro,….filmato e graziato, ….ma va bene cosi’,perche’ ha avuto un problema meccanico e non era giusto prendesse minuti cosi’. Come ha fatto notare anche Ser Pecora, mezzo gruppo ammette che questa regola va usata con buon senso caso per caso, credo che piu’ o meno tutti in questi anni, hanno approfittato della scia dell’ammiraglia per rientrare sul gruppo dopo un "meccanico" od una "caduta". Fa parte della corsa cadere o aspettare minuti una bici di ricambio che… Read more »

jan80
Member
jan80

alearc66 ha scritto: Molti di voi insistono a dare contro a Nibali, ma alla borraccia appiccicosa se è per questo, si è attaccato anche Roglic all’ultimo giro,….filmato e graziato, ….ma va bene cosi’,perche’ ha avuto un problema meccanico e non era giusto prendesse minuti cosi’. Come ha fatto notare anche Ser Pecora, mezzo gruppo ammette che questa regola va usata con buon senso caso per caso, credo che piu’ o meno tutti in questi anni, hanno approfittato della scia dell’ammiraglia per rientrare sul gruppo dopo un "meccanico" od una "caduta". Fa parte della corsa cadere o aspettare minuti una bici… Read more »

A
Member
Airone del Chianti
Comunque non è un caso che dopo i rispettivi incidenti al mondiale Gilbert e Ulissi non siano rientrati. Evidentemente la squalifica di Eckhoff è stata esemplare.
all_i_need_is_bike
Member
all_i_need_is_bike
Comunque non è un caso che dopo i rispettivi incidenti al mondiale Gilbert e Ulissi non siano rientrati. Evidentemente la squalifica di Eckhoff è stata esemplare.

Nel frattempo, stando a quanto riferito da un DS del Team Sunweb Development, prima del Piccolo Lombardia di ieri la giuria ha esplicitamente dato il permesso di rientrare dietro un veicolo in caso di caduta (anche se teoricamente non ammesso), tranne nel finale. A questo punto serve chiarire bene l’applicazione della regola, vista la rilevanza che può assumere e l’attuale possibilità di interpretazione da parte della guria.