Mondiali 2019: Van Vleuten campionessa in linea

Mondiali 2019: Van Vleuten campionessa in linea

Piergiorgio Sbrissa, 28/09/2019

Dopo un incredibile attacco solitario Annemiek Van Vleuten ha vinto la maglia iridata sul circuito di Harrogate. Sola in testa per 104km l’olandese ha resistito fino al traguardo compiendo una sorta di cronometro individuale di 3h, per poi lasciarsi andare a meritate lacrime di gioia. A 36 anni 11 mesi e 20 giorni è la più anziana ciclista a vincere il titolo mondiale, battendo il record i Jeannie Longo del 1995.

Dietro la Van Vleuten doppietta olandese con Anna Van der Breggen (+2’15”), la quale ha controllato i tentativi di rincorsa alla compagna nel gruppo. Terza l’australiana Amanda Spratt (+2’28”).

Le migliori italiane Elisa Longo Borghini e Marta Bastianelli, 5^ e  7^.

 

 

 

Commenti

  1. Maxfire:

    ........... preconcetti basati sul sesso.
    Se tu hai letto questi nel mio post che ho cercato di argomentare al meglio proprio per evitare equivoci, si vede che non hai capito molto di quel che ho scritto.
    p.s. l'ultima frase che ho scritto, non è che a me lo sport femminile non piace. L'ultima frase diceva ben altro e cercava di scongiurare quel che hai invece voluto capire...cioè nulla.
  2. matteooooo:

    non ti curar di loro. Sono gli estremisti del politically correct che non riescono ad ammettere che in alcuni casi donne e uomini a parità di sport praticano due sport diversi.
    Ma ognuno in definitiva è libero di seguire quel che preferisce e di farsi piacere ciò che preferisce. Quel che non capisco è perchè se uno preferisce lo sport maschile, allora è sessista. Ma sessista de che. Mica si dice che una donna non deve fare sport e stare a casa, ma uno sarà pur libero di emozionarsi o "invidiare" un essere umano che fa 6w/kg piuttosto di uno che ne ha 4,5. Non capisco.
  3. samuelgol:

    Ma ognuno in definitiva è libero di seguire quel che preferisce e di farsi piacere ciò che preferisce. Quel che non capisco è perchè se uno preferisce lo sport maschile, allora è sessista. Ma sessista de che. Mica si dice che una donna non deve fare sport e stare a casa, ma uno sarà pur libero di emozionarsi o "invidiare" un essere umano che fa 6w/kg piuttosto di uno che ne ha 4,5. Non capisco.
    mai parlato di sessismo.
    però bollare come 'mediocri' ragazze che, a loro modo, si impegnano, fanno sacrifici, danno spettacolo personalmente mi fa girare un po' le scatole..
    così come trovo interessanti anche le gare degli U23 o degli junior... nell'ambito delle loro categorie, anche se fanno wattaggi minori e anche loro possono essere considerati 'mediocri' se rapportato agli elite.
    ognuno va valutato nell'ambito della propria categoria.

    poi va da se' che lo sport al femminile (ed in particolar modo il ciclismo) ha meno risonanza: il problema è la base di praticanti che è più bassa di quello maschile, ma nonostante ciò mi piace seguirlo, e spesso mi diverte di più di quello maschile.
    come ad esempio lo sci (non dire che Lindsey Vonn non ti ha mai entusiasmato...), il nuoto o l'atletica.