Mondiali 2019: La sorpresa Pedersen

Mondiali 2019: La sorpresa Pedersen

Piergiorgio Sbrissa, 29/09/2019

In una gara in cui i corridori hanno dovuto sfidare il diluvio la sorpresa l’ha creata il danese Mads Pedersen, partendo per un attacco ai -40km e battendo allo sprint i suoi compagni di avventura: l’italiano Matteo Trentin e lo svizzero Stefan Küng.

Secondo l’anno corso al giro delle Fiandre, ma soprattuto vincitore una settimana fa del GP d’Isbergue in condizioni climatiche simili ad oggi, Pedersen a 23 anni è il più giovane campione del mondo su strada dopo Oscar Freire nel 1999.

Su 197 partenti hanno finito la gara in 46.

Commenti

  1. Davvero peccato per una nazionale italiana che ha corso benissimo ed era assoluta favorita per come si erano messee cose negli ultimi trenta km. Poi però alla fine le forze erano al lumicino per tutti e Pedersen ne ha avute un pelo di più. Bravissimo comunque Matteo.

    MVDP fenomeno assoluto, ma secondo me un po' arrogante nella preparazione della stagione. Non puoi correre tutto l'anno gare da un'ora e mezza, arrivare a fine stagione e decidere di fare il mondiale su strada. Così ha lasciato il Mondiale XC a Nino per andare a scoppiare a Harrogate.
  2. MVDP ha avuto una crisi di fame.....in una gara come ieri ci sta eccome.......alla fine anche Trentin era mezzo in crisi ,penso che se ci fosse stato ancora un giro il prossimo a saltare era lui......in una giornata simile c'e' poco da fare,la luce puo' spegnersi di colpo