Mondiali 2019: La sorpresa Pedersen

Mondiali 2019: La sorpresa Pedersen

Piergiorgio Sbrissa, 29/09/2019

In una gara in cui i corridori hanno dovuto sfidare il diluvio la sorpresa l’ha creata il danese Mads Pedersen, partendo per un attacco ai -40km e battendo allo sprint i suoi compagni di avventura: l’italiano Matteo Trentin e lo svizzero Stefan Küng.

Secondo l’anno corso al giro delle Fiandre, ma soprattuto vincitore una settimana fa del GP d’Isbergue in condizioni climatiche simili ad oggi, Pedersen a 23 anni è il più giovane campione del mondo su strada dopo Oscar Freire nel 1999.

Su 197 partenti hanno finito la gara in 46.

Commenti

  1. Che dispiacere per Trentin.
    Sembrava, dopo la detonazione di MVDP, che fosse filato tutto liscio per una sua vittoria in carrozza.
    Invece perdere l'oro contro una sorpresa sarà il suo rimpianto per tutta la vita...
  2. Anche io sono rimasto impressionato dalla cotta di MVP. Ma ha voluto lo stesso finire il mondiale arrivando a 10 minuti, segno di carattere. Sono arrivati in 46...
  3. Dispiace veramente per l'oro sfumato ma la Nazionale Italiana è stata semplicemente perfetta e un plauso a TUTTI i corridori che hanno corso, o almeno tentato di farlo, in quelle condizioni...