Mondiali 2019: La sorpresa Pedersen

Mondiali 2019: La sorpresa Pedersen

29/09/2019
Whatsapp
29/09/2019

In una gara in cui i corridori hanno dovuto sfidare il diluvio la sorpresa l’ha creata il danese Mads Pedersen, partendo per un attacco ai -40km e battendo allo sprint i suoi compagni di avventura: l’italiano Matteo Trentin e lo svizzero Stefan Küng.

Secondo l’anno corso al giro delle Fiandre, ma soprattuto vincitore una settimana fa del GP d’Isbergue in condizioni climatiche simili ad oggi, Pedersen a 23 anni è il più giovane campione del mondo su strada dopo Oscar Freire nel 1999.

Su 197 partenti hanno finito la gara in 46.

Commenti

  1. Anche io sono rimasto impressionato dalla cotta di MVP. Ma ha voluto lo stesso finire il mondiale arrivando a 10 minuti, segno di carattere. Sono arrivati in 46...
  2. quando kung ha attaccato a circa i -7km, Trentin non gli ha dato il cambio proprio per favorire il rientro di Moscon! lui non ha tirato apposta! con il senno di poi (che è sempre facile) poteva se aveva la gamba "dargliela" in faccia a kung che era a tutta e Pedersen che si era staccato di 3 metri! probabilmente si sarebbero accontentati e non lo avrebbero inseguito...
    Comunuque io ero sul divano a vedermela quindi conta poco...
  3. Io ho visto solo l'ultimo km su YouTube. Le energie erano davvero finite, dopo 800 metri passati a guardarsi, lo sprint finale era al rallentatore. Trentin ha azzardato una volata, ma si vede che ha ceduto prima di quanto non pensasse, Pedersen ne aveva un filo di più, Kung era praticamente fermo.

    Peccato, ma ci sta. In una gara del genere, anche nutrirsi è diffici