Rohan Dennis e la Bahrain-Merida hanno divorziato

Rohan Dennis e la Bahrain-Merida hanno divorziato

30/09/2019
Whatsapp
30/09/2019

Era nell’aria da tempo, si cercava solo di capire la formula con cui Rohan Dennis, due volte campione del mondo a cronometro, e la Bahrain-Merida si sarebbero lasciati.

È la squadra bareinita a rompere gli indugi, con un secco comunicato che recita che “il contratto con il sig. Dennis è stato sciolto il 13 settembre 2019. Non è stato reso pubblico prima per permettere al sig. Dennis di prepararsi indisturbato per i campionati del mondo. Il sig. Dennis ha sottoposto lo scioglimento del contratto alla commissione arbitrale dell’UCI, pertanto non aggiungeremo alcun altro commento per ora“.

foto: Christian Hartmann/Reuters

Insomma, Dennis non ha avuto una “semplice crisi” allo scorso Tour de France, e visto l’atteggiamento costernato della squadra non poteva essere altrimenti. I commenti sul materiale tecnico fornito dagli sponsor della squadra (bici che non gli piaceva, body che non arrivava) devono essere stati la ciliegia sulla torta per la dirigenza della squadra, che ovviamente non poteva rimanere inerme di fronte ad un evidente danno di immagine.

Allo stesso tempo Dennis ora cerca di rivalersi per il licenziamento presso la commissione arbitrale UCI, ma chiaramente è una strada parecchio in salita per lui, oltre che lunga, visto che la pratica potrà essere divisa su più fronti: un eventuale tribunale civile del luogo di residenza del corridore, il tribunale arbitrale sportivo della propria federazione di appartenenza, la commissione UCI ed infine il tribunale arbitrale dello sport.

Le uniche motivazioni previsti dai regolamenti UCI e CPA (l’associazione dei corridori professionisti) per un licenziamento o rescissione anticipata (rispetto il 31 /12)  è la “condotta grave” ed una sospensione per positività.

Ora Dennis è un corridore libero sul mercato, ed un campione del mondo con le sue capacità farà gola a molti, ma il periodo dell’anno è particolarmente infelice per trovare nuovi contratti, visto che le squadre ormai sono a pieni effettivi e tra poco più di un mese cominceranno i preparativi per la nuova stagione. Il che non vuol dire che Dennis rimarrà appiedato, ma probabilmente non sarà in una pozione privilegiata per strappare un “buon” contratto, al netto del fatto che nell’ambiente un corridore che abbia tenuto il comportamento di Dennis, in particolare verso il materiale tecnico, non è propriamente “ammirato”.

 

24
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
22 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
10 Comment authors
BGiampi0308maxtor70lap74M Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
dinute
Member
dinute
Potrebbe provare con la UAE!
cafelat
Member
cafelat
Logica conseguenza
robeambro
Member
robeambro
Non capisco perche’ RD si vada ad appellare all’arbitrato, semplicemente vuole conservare lo stipendio (dopo averli trollati alla grande, tra l’altro)? Non credo faticherebbe a trovare altre squadre.
dinute
Member
dinute
Non ne sono così convinto (che trovi una squadra senza fatica, intendo)
dinute
Member
dinute
Non ne sono così convinto (che trovi una squadra senza fatica, intendo)
Zac36100
Member
Zac36100
ma tutto sto casino per un body???
Zac36100
Member
Zac36100
ma tutto sto casino per un body???
M
Member
martin_galante

Ad inizio stagione in Australia, Dennis ha fatto una crono in cui, a sua dire aveva mi pare 4 watt in media più dell’anno prima (stesso percorso) ma qualche secondo in più sul tempo finale. Ora, vista la variabilità di condizioni meteo, ottimalità della distribuzione dei watt sul percorso, possibile inconsistenza posizione su una bici nuova etc, a me questo dato sembrava dire che grosso modo le due bici si equivalgono. Ma Dennis disse alla stampa che il secondo posto era colpa della bici, che dovevano cambiare qualcosa etc. Quando ho letto queste dichiarazioni mi è apparso chiaro che sarebbe… Read more »

lap74
Member
lap74
Credo che sia una conclusione inevitabile e non penso che a livello legale finisca qui. Se fossi in Dennis me ne starei buono, da quello che ci è dato sapere ha torto marcio in questa storia.
maxtor70
Member
maxtor70
O forse perché si è ritirato prima della crono al Tour senza motivi???

ed ha corso la cronometro con una bici diversa da quella fornitagli dal team (a questo punto ex team)???

Giampi0308
Member
Giampi0308
La sensazione è che fosse scontata la fine del rapporto, praticamente hanno cominciato a litigare ad inizio stagione.
Vista dall’esterno la vicenda, sembrerebbe che non abbia tenuto un comportamento corretto, ma è probabile che non tutto ciò che è successo tra lui ed il team sia noto.
Non credo faticherà a trovar un contratto, anzi magari lo ha già in tasca. E’ pur sempre bi-campione del mondo della crono.
Zac36100
Member
Zac36100
forse ha già il contratto con BMC visto la bici che ha usato per il mondiale? (e il body??)
robeambro
Member
robeambro
Non ne sono così convinto (che trovi una squadra senza fatica, intendo)

Il campione mondiale a crono? Magari non la INEOS, ma molte altre squadre meno blasonate si faranno ben meno problemi etici sull’assumerlo, pur di racimolare qualche vittoria. Credo che le uniche difficolta’ verranno dalle richieste economiche e tecniche (bici, abbigliamento) di Rohan.

robeambro
Member
robeambro

Ser pecora ha scritto: Che resti a piedi no, ma il problema è proprio tirare fuori i soldi per prenderlo a questo punto della stagione. Il che mette ancora più in dubbio che siano le "squadre meno blasonate" a poterselo permettere. Ovvero squadre in cui lo stipendio di Dennis potrebbe incidere per 1/10. Oltretutto bisogna anche vedere lui che pretese ha, perché non credo sia contento di andare in una squadra che magari non fa il Tour. E senza parlare di gregari e programmi: quasi sempre le squadre, in particolare quelle minori, hanno un calendario centrato sulle corse "di casa".… Read more »

B
Member
bianco222
Beh! Diciamo che anche lui ora si ritrova un potere contrattuale più basso. Se vuole correre dovrà abbassare le sue pretese.
Visto i precedenti credo che nessuna squadra con uno sponsor costruttore di bici (vedi Treck of EF-Cannondale o anche Ineos dove Pinarello comunque ha un certo peso) lo vogliano…
B
Member
bianco222
La principessa sul pisello l’ha già fatta prima.
Quello che dico che non è questione di fare gli schizzinosi o meno, ma che a questo punto della stagione, ritrovarsi senza contratto potrebbe voler dire rischiare di buttare a metà la prossima di stagione.

Personalmente mi aspetto che trovi aiuto in casa: Mitchelton-Scott.

E la Scott si prenderebbe il rischio di pagare fior di quattrini per uno che poi alla prima occasione dice che la bici fa schifo???
Inoltre la Mitchelton Scott mi sembra una squadra molto solida e con pochi protagonismi.

lap74
Member
lap74
forse ha già il contratto con BMC visto la bici che ha usato per il mondiale? (e il body??)

La BMC non esiste più, le bici sono usate dalla Dimension Data che mi pare per il prossimo anno cambi nome.

B
Member
bianco222
Beh, forse Dennis avrà imparato qualcosa dalla faccenda…se no come unica opzione, se non può correre senza Bmc, è la NTT… :-)xxxx

Diciamo che se passasse alla NTT la BMC non rischierebbe nulla. Se io producessi bici farei di tutto per non averlo su una mia bici. Però io le bici non le produco purtroppo… le compro… :wacko:

B
Member
bianco222
Su CyclungNews è unscito un articolo interessante sul futuro di Dennis. Sembra la CCCC sia il pole-position.

https://www.cyclingnews.com/features/where-will-rohan-dennis-end-up/

B
Member
bianco222
Io invece ho letto un articolo nel quale si parla di un interessamento della Movistar

In effetti Movistar potrebbe essere la squadra per lui. Dove ognuno fa quel che gli pare… :mrgreen: