Oltre 1 milione di dollari per la trasmissione senza catena

156

Driven, azienda spinoff di CeramicSpeed, sta sviluppando una trasmissione a basso attrito per biciclette (di cui avevamo già parlato qui), ed ha raggiunto l’obiettivo di finanziarla tramite crowdfunding per un montante minimo di 1 milione di dollari in due giorni.

Jason Smith, il Chief Technology Officer di CeramiSpeed ha affermato che “stiamo ricevendo cosi tante richieste da gente che vuole darci soldi che non sappiamo cosa fare. Presumo siano tutti ciclisti che vogliono entrare come investitori“.

SeedInvest, azienda che gestisce la campagna, ha ricevuto altri 600.000 dollari in ulteriori donazioni che sono ora state messe in attesa nel caso le prime donazioni non vengano confermate per qualche ragione. Campagna che doveva durare un mese e che invece ha raggiunto il proprio obiettivo in soli due giorni.

Raggiunta la cifra per finanziare la produzione ora Driven sta cercando una struttura a Boulder, in Colorado, per iniziare la produzione.

Sempre Smith ha affermato che ora “abbiamo bisogno di una nuova macchina CNC e più stampanti 3D. Abbiamo già assunto un altro ingegnere e stiamo cercando degli ingegneri elettronici. In 6 mesi speriamo di avere un prototipo funzionante che possa essere utilizzato. Non abbiamo ancora raggiunto il punto in cui poter imprimere tutta la potenza di un ciclista sul sistema, ma abbiamo varie idee e stiamo cercando di brevettarle“.

Questo tipo di trasmissione necessita di un telaio dedicato, che sarà probabilmente realizzato a Taiwan, per poi vendere quindi la trasmissione a produttori come OEM.

Sempre Smith ha dichiarato che “non abbiamo alcuna intenzione di costruire delle nostre bici oltre la prima serie di dimostrazione“, ma restano in contatto con diversi costruttori.

Driven prevede di raggiungere i primi guadagni in cinque anni, con un ritorno di 10-20-30 volte gli investimenti in 3 anni. Il progetto prevede di costruire per il 2023 circa 1000 trasmissioni vendute a 1600 dollari l’una, con una previsione di guadagno dal 2024 con vendite per 8 milioni.

 

Commenti

  1. Kylo_ren:

    La cosa è in giro da molto tempo, i video li han visti in tanti non solo te, cio non toglie che la gente può avere opinioni diverse. Possa formarsi idee diverse dalle tue, dopotutto cosa ne sai delle competenze di chi scrive. Per altro so dovrebbe leggere meglio e non partire sempre dal presupposto che i membri del forum siano tutti dei fessi, delle capre da indirizzare. In particolare l'accostamento alla moto non parlava di vantaggi che citi ma di peso e agilitá di cambiata in un settore che ha già sperimentato e già bocciato. Quello della moto voleva essere una sorta di benchmark perché è l'unico elemento realistico. E perdonami se contraddico, sino a prova contraria si accosta e di molto: peso? fluiditá di cambiata, cost? specie in rapporto al costo del mezxo. . Mentre in questo caso si fanno congetture solo su base di video. L'hai provato? C'è un prototipo che ha subito cicli di vita e dati realistici che puoi mostrare? il comunicato da parte dell'azienda non fa trapelare nulla di quello che dici, sono ancora a livello di modello meccanico. A volte sembra che sul forum si debba per forza di cose accettare tutto per oro colato, accade spesso, è accaduto per altre *innovazioni". Ci si è soffermati su alcuni argomenti come reale utilità, costi, tipo di manutenzione, reale velocità di cambiata ecc. tutti dubbi legittimi. Perché ti da fastidio che la gente rimanga perplessa? devono per forza tutti essere allineati e coperti? niente opinioni? solo estasiata ammirazione? fare cose innovative è un bene ma come per tutti i prodotti innovativi l'unica legge e quella finale:l'uso da parte degli utenti. Senza provarlo realmente sul campo tutto è aria fritta, tutto incluso, anche presunti video che dicono tutto e nulla. Non prrovano ne tesi pro ne tesi contro. Perché sino a prova contraria siamo tutti nella terra delle pure opinioni.
    Questa mania del Forum che deve indirizzare o imporre è veramente fastidiosa, se si avesse l'umiltà di leggere con la stessa applicazione con la quale si scrive si sarebbe visto, in questa discussione ma anche altrove, che membri dello stesso staff esprimono sul medesimo argomento opinioni molto diverse tra di loro, se fossero tutti impegnati nella "missione" che dici tu non sarebbe certo così.
    Le opinioni sono legittime le insinuazioni gratuite lo sono meno.
    Dovresti essere l'ultimo a poter sostenere che il Forum sia brutto e cattivo con i "dissidenti" avendo recentemente sperimentato sulla tua pelle che così non è.

    Come detto le opinioni sono legittime, ma se per esprimerle, e non mi rivolgo specificatamente a te, viene sistematicamente denigrato il lavoro di altri sono quanto meno antipatiche.

    Tanto per fare un esempio della grossolanità di alcune opinioni si continua a parlare di cardano quando qui di cardani non ce ne sono e non si capisce a cosa dovrebbero servire i cardani in un sistema rigido quale è quello della bdc.

    Continuo anche a sostenere, mia opinione che vale quanto la tua, che un sistema che deve trasmettere 1 kW, anche se basato sullo stesso principio, non abbia ingegneristicamente niente in comune con uno che deve trasmetterne 200.

    Poi, i costi? Ma secondo te che un gruppo per biciletta con 2 motorini neanche brushless, una batteria da mille lire e due leve di alluminio costi 4-5.000 euro è ragionevole? E che uno che non ha neanche i motorini sostituiti da due molle costi poco meno è ragionevole? O che un telaio di bicicletta che alla fine sono quasi sempre 8 tubazioni appiccicate tra loro ne costi fino a 6.000 è ragionevole? In questo settore circa i costi non c'è nulla di ragionevole, il contenimento del prezzo è l'ultima delle preoccupazioni dei costruttori dei mezzi che vanno per la maggiore in questo ed in altri Forum.
    Se questi riuscissero veramente a fare qualcosa che funziona ed a farlo montare su bicilette alla moda potrebbero venderlo a quanto gli pare, altro che 1.600 dollari.
  2. Ser pecora:

    Ma il "paradigma" non è nuovo.
    Ser pecora:

    Il che non vuol dire "denigrare". È solo contestualizzare che certe soluzioni non arrivano dal nulla.
    Beh, ma "alzi la mano chi ci aveva pensato" è riferito specificatamente al pignone separabile ed è rivolto a chi critica in questa discussione, mica a quelli che in effetti ci avevano pensato.
    Della storia della raccolta fondi non saprei che dire, non è proprio il mio campo, se non la si condivide si è liberi di criticarla e comunque basta non partecipare.

    A me i carri URT piacevano, una così ce l'ho ancora... :mrgreen:
  3. longjnes:

    Io fossi una startup di un qualcosa di veramente innovativo non ricorrerei al crowdfounding, ma svilupperei l'idea in gran segreto.
    Beh, tanto segreto quanto vuoi, ma doo 6 mesi che hai depositato i brevetti questi diventano pubblici. Ed i concorrenti hanno interi uffici appositi che li spulciano.

    Quelli del nuovo DuraAce sono visibili a tutti da un pezzo ad esempio. La differenza mi pare stia nel fatto che CeramicSpeed ha molto pubblicizzato la cosa invece che uscire col prodotto pronto. Ma la natura stessa della soluzione non si presta all'uscita di botto di un prodotto sul mercato: il pubblico non è preparato, non sa come funziona, se funziona, e soprattutto è difficile stabilire un prezzo, in particolare per un prodotto che può essere montato solo su telai specifici. Quindi la modalità scelta per promuoverlo mi pare quella azzeccata: creare del buzz, abituare il pubblico all'idea, vederne le reazioni e cercare partner per proporlo realmente (magari vendendo il brevetto o le royalties, che sarebbe l'ottimale).
    O magari è un'operazione per incrementare la percezione di "high-tech" dell'azienda da parte del pubblico, ma a basso costo, tramite crowdfunding, senza esporsi troppo finanziariamente.

    Nel complesso tutte buone idee da parte loro. Io i prodotti CeramicSpeed li trovo inutili, ma che sappiano lavorare direi proprio di si.
Articolo precedente

Giro 2021: Caleb Ewan vince la 5^ tappa, Alessandro De Marchi ancora in Maglia Rosa

Articolo successivo

Tom Dumoulin torna a correre al Giro di Svizzera

Gli ultimi articoli in News