News #orbea

Orbea comunica aumento di prezzi

Orbea comunica aumento di prezzi

Piergiorgio Sbrissa, 15/02/2021

[Comunicato stampa] Il 2020 è stato un anno di sfide e nel 2021 dovremo continuare a superare difficoltà.

Negli ultimi mesi, in Orbea stiamo subendo un incremento dei costi logistici da parte dei nostri fornitori, che in alcuni casi hanno moltiplicato per otto il prezzo precedente. Inoltre, stanno aumentando i prezzi in origine e ciò, insieme all’esaurimento dello stock e all’interruzione della catena di fornitura, ci ha portato a una situazione insostenibile.

Per questo motivo, benché fino ad oggi Orbea abbia cercato di far fronte a tali incrementi, è giunto il momento in cui non ci è più possibile continuare a farlo. Siamo, quindi, costretti ad aumentare le nostre tariffe di vendita al pubblico per adattarci a questo nuovo panorama.

È stata una decisione difficile per Orbea, viste le conseguenze che sappiamo cosa significhino per i nostri distributori e per la comunità di consumatori che hanno fiducia nel nostro marchio, e comprendiamo la situazione.

Per questo, da Orbea abbiamo adottato delle misure per aiutare i nostri distributori e clienti:

Non incrementeremo il prezzo delle biciclette che i rivenditori sono in attesa di ricevere e per le quali hanno fornito identificazione del relativo acquirente. In tal modo, manterremo la tariffa indipendentemente dal momento della consegna del prodotto.

La nuova tariffa di vendita al pubblico sarà effettiva il 16 febbraio.

Stiamo adottando delle misure inedite nel settore della bicicletta, per cercare di mantenere le condizioni che applichiamo alla nostra rete vendita e agli utenti. Il nostro impegno nei confronti dei rivenditori è più forte che mai e continueremo a essere al loro fianco per aiutarli a crescere.

Commenti

  1. lory71:

    Pochissimi hanno fabbriche proprietarie. Nella maggior parte dei casi si appoggiano a fornitori e gestiscono il controllo qualità in loco.
    So per certo che il costo industriale di un telaio è intorno ai 150-180 US $.
    Sapevo anch'io che il costo si aggira in genere intorno al prezzo da te indicato.. quello che mi piacerebbe sapere è il numero (orientativamente) di fabbriche che lavorano il carbonio, visto che oramai la cina è pressochè un trader generalizzato.
  2. Ser pecora:

    Facevamo che compravi un telaio in acciaio ed alluminio che costava a produrlo qui tanto quanto un carbonio in Cina oggi (con buona pace degli amanti del metallo).
    I 150$ a telaio che fanno tanto arrabbiare qualcuno non sono solo dovuti al costo della manodopera, è il costo oggi se hai impianti, personale, know-how E per certi quantitativi. Tutti investimenti fatti da qualcuno negli anni.

    Tant'è che gente come Decathlon (che non vende top di gamma a 5k eu), su altri tipi di telai, se li fa fare....in Italia (provincia di Cuneo).
    anche i telai in carbonio, che allora erano "a congiunzioni" tipo colnago e time, ma anche look ed altri, erano prodotti qui in Europa (credo) ed avevano prezzi alti rispetto ad altri è vero, ma comunque non ai livelli odierni

    poi si dice eh ma i top di oggi hanno il cambio elettronico, i dischi, i cavi integrati, ecc. Si è vero però baratterei volentieri quel "nulla" con 5mila euro tenuti in tasca, ovvero per quanto mi riguarda 5/6 mila euro per una bici top li spesi allora e li spenderei oggi volentieri, ma non andrei oltre per decenza.
    Se oggi devo tirare fuori quella cifra per avere medio continuo ad usare il mio top di gamma che nel 2010 pagai 6000 euro ma che è un vero top di gamma sia nel telaio che nel gruppo che nelle ruote che nella componentistica.

    E considera che il mio "fondo ammortamento" :mrgreen: sulla bici da corsa è di 1000 euro all'anno quindi fai un rapido conto
  3. Ser pecora:

    ........
    I 150$ a telaio che fanno tanto arrabbiare qualcuno non sono solo dovuti al costo della manodopera, .......
    Ovvio, non solo. L'imposizione fiscale ci mette il suo, gli impicci burocratici immensi ci mettono il loro.....tutto un insieme di cose che porta a delocalizzare.....ma non direi che necessariamente porti a ridurre anche la qualità come molti credono. Una azienda seria il controllo qualità lo fa lì come lo farebbe qui, viceversa non lo fa lì come non lo farebbe qui.