Quintana fa il record sul Ventoux

Quintana fa il record sul Ventoux

16/02/2020
Whatsapp
16/02/2020

Alla terza tappa della 5^ edizione del Tour de Provence, tra Istres ed il Mt. Ventoux (138,2km), Nairo Quintana, con i nuovi colori della Arkéa-Samsic, ha sbaragliato la concorrenza vincendo con 1’28” di vantaggio su Alexey Lutsenko (Astana) e Hugh Carthy (EF).

Il dato notevole dell’impresa risiede però nel tempo di scalata al Chalet Reynaud (1429mt), 5km dalla vetta del Mt.Ventoux (1909mt), che è stato calcolato in 28’12”, quando il precedente record era considerato il 28’20” di Marco Pantani al Tour de France 1994.

avrebbe beneficiato dal treno della sua squadra, che ha imposto un ritmo elevatissimo nella prima parte della salita, in particolare per recuperare Rémy Cavagna della Deceuninck-QuickStep in fuga.

Il dato della salita record è in parte confermato dal file Strava di Sepp Kuss (Jumbo-Visma), il quale ha tentato di rimanere a ruota di Quintana per buona parte della salita, per poi cedere nel finale e finire 6° a +2′.

La velocità media di Kuss sulla salita è stata di 22,1km/h, con una potenza media di 363watt e massima di 986w. Frequenza cardiaca media 185bpm ad una cadenza media di 85rpm.

Questo può dare l’idea dei “numeri” espressi da Quintana per portarsi a casa la vittoria.

Il record sull’intera salita del Mt.Ventoux resta quello di Iban Mayo al Criterium du Dauphiné 2004, quando in una cronoscalata stabilì il tempo di 55’21” ad una media di 23,2km/h, battendo Lance Armstrong di circa 2′.

 

 

Commenti

  1. balance:

    Allora. Le fandonie erano riferite alla ultima frase scritta da pedalone che ho quotato. Armstrong senza doping avrebbe portato le borraccie a Ulrich. Post n. 91 Per la prestazione quanto sopra. Non capisco cosa, poi, c entri tu. Pedalone,semmai, visto che ho quotato lui, avrebbe dovuto farmelo notare.
    Sei il vigile del forum?
    Pedalone, penso da quello che scrivi che sei una brava persona, quindi se ti sei risentito. Perdonami. Un abbraccio e buone pedalate
    o-o
    siamo su un forum giusto per confrontarci
    alle volte, magari, ci scappano i cavalli (io alle volte per primo)

    l'importante è continuare a confrontarsi su una passione che ci accomuna tutti
  2. pedalone della bassa:

    ripeto, anche se siamo ampiamente o.t.
    dicevo, per me, tra i due ex atleti non c'è paragone, a favore del tedesco.
    Armstrong vince giovanissimo nel 93, anno in cui comincia l'utilizzo di Epo (così da lui dichiarato). coincidenza, sempre ad Oslo, al mondiale under, vince il tedesco.

    Ullrich corre in uno squadrone che fa uso di doping si, ma Armstrong? corre in una squadra che effettuerà "il più grande sistema di doping mai fatto", pertanto, un po' di diversità in quel campo, c'è

    ma, ripeto, per me, tra i due, il "natural" più forte era il tedesco

    e comunque è discussione su valore soggettivi. ognuno ha la sua idea

    Andorra '97 può essere "paragonata" con Houtacam '96, o Sestriere '99 o altre infinite tappe
    magari, un giorno si potrà fare un elenco delle prestazioni " + da bocca aperta" alle quali si è potuto assistere
    nessuno dei due atleti lo conosciamo doping free. paradossalmente forse laigueglia per armstrong ma assolutamente non ci giurerei.

    andorra e hautacam sono paragonabili come prestazione di picco. stanno nelle dita di una mano con le più impressionanti in termini di potenza espressa per x minuti
    .
    stessa squadra diverso corridore.
  3. pedalone della bassa:

    ma, ripeto, per me, tra i due, il "natural" più forte era il tedesco
    in generale, a livello atletico, penso che tu abbia ragione

    specificatamente in bici, soprattutto a tappe, credo che l'americano fosse piu' forte per ragioni di peso

    non so se ricordi a Oslo com'era Armstrong, pareva un torello, poi dopo la malattia dimagrì ecc.... e dal quel momento purtroppo si perde traccia dell'atleta "vero" ammesso che fino a Oslo lo fosse, però il dimagrimento lo avrebbe potuto perseguire anche senza doping, il che rispetto al tedesco lo pone in vantaggio (ripeto, in bicicletta, se si prendevano a botte fuori da un bar Armstrong finiva all'ospedale in codice rosso)