Remco Evenepoel straccia il record di salita del Teide

100

Remco Evenepoel (Soudal-QuickStep) in questi giorni è in ritiro a Tenerife, nelle isole Canarie, e pare abbia quasi voluto rispondere in qualche modo, seppur fuori competizione, ai risultati di Tadej Pogačar, facendo segnare un nuovo record sulla salite del Teide. Il Teide è il vulcano che troneggia coi suoi 3300mt di altitudine al centro dell’isola, e che offre ormai da anni un campo di allenamento privilegiato per molti professionisti grazie  a vari versanti di scalata che portano dal livello del mare sino ad almeno 2100mt di altitudine in maniera continua.

Uno di questi versanti, con partenza da Chio, offre una salita con relativo segmento Strava della lunghezza di 24,55km con una pendenza media, e molto costante, del 5,5%, per un guadagno di 1347mt di dislivello. Una salita che è sempre stata un banco di prova favorito dai vari pro in ritiro a Tenerife. Chris Froome è stato il primo a stabilire un record che scendesse sotto il muro dell’ora, con il tempo di 59’20”,  ottenuto pochi mesi prima del disastroso incidente al Dauphiné che ne ha segnato la carriera. Il record di Froome è stato battuto l’anno successivo da Jonas Hjort della Bahrain Cycling Academy, squadra continental dell’emirato (da notare che Hjorth è un cronoman).

Ebbene, ieri Remco ha stracciato il record di Hjorth di ben 2’04”, coprendo la salita alla velocità media di 26,1 km/h per una VAM di di 1433. Da notare che Evenepoel ha affrontato questa salita dopo 100km di strada già coperta, in un giro di complessivi 165km e 4435mt di dislivello (a 30,5km/h di media). Ed in una precedente salita di 6,3km ha preso un altro KOM, a spese di Romain Bardet, dandogli 1′ secco.

Chiaramente non è paragonabile a vincere una Paris-Nice o una Tirreno, ma sembra quasi che dal lontano ritiro vicino le coste africane il campione belga abbia voluto ricordare a tutti un “ci sono anche io”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Remco Evenepoel (@remco.ev)

Commenti

  1. martin_galante:

    Ma ci sarebbe la classica strategia, Evenepoel parte a tutta ad inizio poggio
    A inizio Poggio partono tutti (i favoriti) a tutta, e Remco non mi pare abbia la sparata per fare la differenza, né tantomeno lo spunto per vincere poi al traguardo. Né ha il manico per fare un buco un discesa.
    Aggiungerei anche che secondo me Alaphilippe non lo vuole tra le balle nelle "sue" gare (anche se alla Liegi gli toccherà per forza).

    Magari in futuro potrebbe però fare un attacco da lontanissimo, chissà.
  2. martin_galante:

    Come ho gia' scritto, se i capitani delle formazioni migliori saranno in forma (come sembra), quest'anno sul Poggio il telescopico lo usano in salita talmente prendono forte le curve. Perche' francamente di Evenepoel, WVA e Pogacar non ce ne sono in tutte le generazioni. Secondo me sia Pogacar che Evenepoel puntano forte alla classicissima. Spero proprio di poterla seguire (o meglio, di poterne seguire il finale)
    Si Evenepoel parte sulla Cipressa per far fare un fuorigiri a WVA ;pirlùn^ ;pirlùn^
    Comunque e' una gara difficile per Remco,sarà difficile anche in futuro vederlo al via,anche se si dovesse muovere prima del Poggio la corsa di certo cambierebbe per tutti.
    Sul kom invece non dice nulla.....basta pensare che a poco ci sono Van Barle ( noto scalatore) e gente che si stacca al primo km in salita
Articolo precedente

Pogačar pigliatutto anche alla Paris-Nice

Articolo successivo

Trek sconta diversi prodotti con la campagna Trek Fest

Gli ultimi articoli in Magazine

Cinquina di Pogačar al Giro

Santa Cristina Val Gardena/St. Christina in Gröden (Monte Pana), 21 maggio 2024– Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto…