[Test] Copertoni Pirelli P Zero Race SL Tlr

138

Dopo 4000km circa di utilizzo condividiamo le nostre impressioni sui copertoni Pirelli P Zero Race Sl Tubeless Ready.

Questi copertoncini da 24mm sono i più leggeri della linea Pirelli tra i copertoncini Tubeless Ready, con un peso dichiarato di 230gr l’uno. Peso che abbiamo potuto verificare come veritiero pressoché al grammo.

I P Zero SL Race sono dotati di una mescola chiamata SmartEVO Compound, mentre la carcassa da 120 TPI è ottimizzata per la scorrevolezza e più leggera delle versioni precedenti. La tecnologia TechWall di rinforzo le rende utilizzabili quotidianamente, ovvero non sono prodotti estremi che sacrificano la resistenza alla leggerezza.

Li abbiamo montati su ruote Extralite Cyberdisc 338C, dotate di cerchi con canale interno da 20mm, sui quali i Pirelli sono risultati dei 25,2mm effettivi. Come liquido sigillante abbiamo utilizzato 30ml di Joe’s Super Sealant (ottimo). L’utilizzo è stato prevalentemente salita e discesa, con pochissima pianura, negli ultimi 3 mesi invernali. Più usurato il posteriore come potete vedere dalle strisce longitudinali sul battistrada.

Posteriore


Anteriore

I battistrada sono ancora integri, senza taglietti o forellini. Nel periodo di prova mai una foratura né perdite di pressione: dopo una settimana perdevano mezza atmosfera. Dopo 3 mesi il sigillante era ancora perfettamente liquido. Questo grazie all’ottimo accoppiamento coi cerchi, che però non hanno reso particolarmente difficoltoso il montaggio né lo smontaggio.

Il grip di questi P Zero è ottimo una volta trovata la giusta pressione, alla quale sono però molto sensibili: basta poco per renderli piuttosto duri.

Nel complesso dei copertoncini Tubeless Ready di grande qualità, a cui è difficile trovare aspetti negativi.

Prezzo di listino: 74€

Sito Pirelli

Commenti

  1. chri79:

    io ho Pirelli 26 tlr para (ancora non in commercio) non sl pesano 270gr, tengono pressione anche senza liquido ma per sicurezza ne ho messo 25-30ml per gomma e uso pressione 6atm posteriore e 5.7 all'anteriore
    Ma usciranno anche i 26 tlr sl para?
  2. Ser pecora:

    Io penso il contrario. Cosa che mi era stata confermata anche da un ingegnere Michelin durante la mia visita da loro: sull'asciutto non ci sono grandi differenze, mentre sul bagnato ce ne possono essere. Chiaro che i copertoncini che tengono meglio sul bagnato dureranno meno perché hanno mescole più morbide.
    Obiettivamente quelli specifici da bagnato tengono benissimo, ma durano niente. Tipo gli Schwalbe Aqua: dopo 700km erano finiti.
    Non dico che non ci siano differenze, ma sono differenze percepibili? Per quel pò che ho visto, con la bdc, la ruota tiene o non tiene. Per percepire una reale differenza dovresti perdere aderenza, capire che con un altro copertone nella stessa situazione non l'avresti persa, oppure con un altro copertone rimanere su, mentre con quello peggiore sdraiarti. In mtb si, la diversa scolpitura in diversi frangenti (breccioso, viscido ecc.) si sente, in bdc mi sembra che pur con mescole diverse che a quel punto la differenza sicuramente la fanno, uno che va in bici la differenza la veda sul consumo, ma non "in piega". Non so se forse mi sono spiegato meglio.
  3. Tizlook:

    si è chiaro la mia domanda era un po come "sono scorrevoli le ruote" o "si sente il vantaggio aerodinamico" però io con certe gomme già sull'umido sento effetto saponetta, non solo in curva ma anche sul posteriore "sui pedali" accelerando. Ho proprio chiesto "quale impressione" (soggettivo) avessi sul bagnato e non come andassero (oggettivo).
    grazie o-o
    Si chiaro, ma alla fine in queste cose le impressioni soggettive valgono veramente poco secondo me, perché dipendono da tanti fattori, non ultima la voglia di "spingere" in discesa, che sinceramente non ho più per niente vista l'età. Non dico che faccio le curve quadrate se è bagnato, ma lanciarmi in affermazioni su come va il tal copertone mi mette a disagio.
Articolo precedente

Roglic parla di sè in un’intervista

Articolo successivo

Mondiali CX: Paesi Bassi pigliatutto

Gli ultimi articoli in Test