[Test] Scarpe Mavic Frost

[Test] Scarpe Mavic Frost

11/02/2015
Whatsapp
11/02/2015

toniolo-mavic_001

Oggetto di questo test sono le scarpe invernali Mavic Frost, il cui nome, tradotto in italiano, dice già tutto: Gelo. Il cuore di questo prodotto è il materiale del rivestimento interno, interamente in Gore Tex ed impermeabile. A ciò si aggiunge una protezione in neoprene per le caviglie, chiudibile tramite un generoso velcro, e pensata per evitare che l’acqua entri dall’alto.

toniolo-mavic_003

La suola è in nylon ed in fibra di vetro, con uno spessore totale di soli 7mm e tre buchi per il fissaggio della tacchetta, buchi che lasciano 5mm di gioco per la regolazione della tacchetta stessa.

toniolo-mavic_004

La chiusura della scarpa è affidata a tre strap in velcro, più quello della cavigliera.

toniolo-mavic_006

Il plantare è a due densità, ed è alloggiato nel rivestimento interno in Goretex:

toniolo-mavic_011

toniolo-mavic_008

La calzata è comoda, anche per chi ha la pianta del piede piuttosto larga come il sottoscritto. Non ci sono cuciture che fanno pressione sul piede. La protezione per le caviglie è elastica, ed al momento di indossare le scarpe bisogna tirarla per bene in modo che agganci tutto il velcro. Solo così è ben “sigillata”.

Grazie ai tre velcro, le Frost aderiscono bene al piede e la trasmissione della forza sui pedali, quando si tirano i pedali verso l’alto, è buona, così come è buona la rigidità della suola, anche se non arriva ai livelli di una in carbonio.

toniolo-mavic_009

Le Frost svolgono bene la loro funzione principale, cioè quella di tenere il piede caldo. Le abbiamo provate anche con temperature medie di 0° e, unite ad un calzino in lana merino, si riesce a pedalare senza problemi anche per più ore in pianura. Quando il piede suda, per esempio durante una salita, la traspirazione è limitata, e dunque in discesa il piede si raffredda leggermente.

toniolo-mavic_002

Nostro malgrado le abbiamo anche provate durante una nevicata in quota e pioggia in valle. L’acqua non entra dalla parte anteriore delle scarpa, ma dall’alto. La protezione in neoprene, anche se ben serrata, non può impedire  all’acqua di passare attraverso i bibshort e dunque di entrare nella scarpetta impermeabile, che ne impedisce l’uscita. Una volta terminato il giro, abbiamo dovuto svuotare le scarpe dall’acqua. Una situazione limite che avremmo affrontato meglio con dei pantaloni lunghi impermeabili. In quel caso, l’acqua sarebbe scivolata sull’esterno delle scarpe lasciando il piede asciutto.

toniolo-mavic_010

Peso singola scarpa senza attacco, in misura 43: 400 grammi.

Taglie: il tester normalmente indossa un 42.5

Prezzo: 180 Euro

Mavic.it