Tour 2020: la forza paziente di Caleb Ewan

Tour 2020: la forza paziente di Caleb Ewan


Piergiorgio Sbrissa, 01/09/2020

La 4^ vittoria di tappa in carriera al Tour per l’australiano Caleb Ewan (Lotto-Soudal) è stata un capolavoro non tanto di forza bruta in volata, ma di pazienza e perfetto Timing nel lanciarsi al traguardo.

Lui stesso ha parlato di strategia rischiosa nel restare molto coperto sino alla fine prima di lanciare la volata, ma la scelta è stata perfetta, soprattutto per aver interpretato al meglio il lungo rettilineo finale con vento contrario. Accompagnato dal proprio ultimo uomo, Jasper De Buys, sino ai -2km, Ewan si è lasciato sfilare dalla 5^posizione sino attorno alla 10, per poi scegliere di agganciarsi alla ruota di un avversario, nello specifico Hugo Hofstetter (Israel) prima e Sam Bennett (Deceuninck) poi, il quale è partito sulla destra della strada, mentre Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) si lanciava troppo presto faccia al vento sulla sinistra.

Il Pocket Rocket australiano ha fatto valere solo ai -50mt la propria grande accelerazione saltando fuori dalla ruota di Bennett per andare a tagliare per primo il traguardo. Grande sangue freddo e comprensione della volata.

Rimasti quindi a bocca asciutta Bennett e l’ottimo campione italiano ed europeo Giacomo Nizzolo (NTT), ancora senza vittorie di tappa in carriera al Tour. Nizzolo però continua a dimostrare grande forma e di essere stabilmente tra i top sprinter al mondo. Quindi solo questione di tempo si spera. Peter Sagan invece sembra un po’ opaco, e rimane a zero vittorie nel 2020.  In compenso ha indossato la “sua” amata maglia verde a scapito di Alexander Kristoff.

Sempre in giallo Julian Alaphilippe, che oggi affronterà una giornata di prova difficile, con il primo arrivo in salita, la mitica Orcières-Merlette (7,1 km al 6,7 % medio) dove nel 1971 Luis Ocaña vinse l’imbattibile cannibale Merckx. Alaphilippe potrebbe essere messo in difficoltà dagli squadroni se questi vorranno cominciare a scremare il gruppo, o dalla voglia di giallo di Adam Yates (Mitchelton-Scott) li dietro a soli 4″. O forse potrebbe togliersi lo sfizio della 6^ tappa in carriera al Tour. Se il ritmo non fosse reso impossibile dai treni di  Jumbo e Ineos il finale si presta bene alla sparata in salita sul traguardo in cui il francese ha pochi rivali.

 

Commenti

  1. [MEDIA=youtube]mYS87OwUIEQ[/MEDIA]
    Nel rivedere lo sprint notate come il buon Bennett faccia di tutto per non farlo passare (si sposta a sinistra di colpo e allarga il gomito di brutto, min 0:40). Se non fossero a centro strada ma lungo le transenne Ewan sarebbe caduto al 1000% come Jacobsen al Giro di Polonia. Chi voleva quasi linciare Groenewegen per quella caduta si renda conto che sono millesimi di secondo dove uno e poco lucido e fa "di tutto" per tagliare per primo il traguardo...
  2. 123lorka:

    [MEDIA=youtube]mYS87OwUIEQ[/MEDIA]
    Nel rivedere lo sprint notate come il buon Bennett faccia di tutto per non farlo passare (si sposta a sinistra di colpo e allarga il gomito di brutto, min 0:40). Se non fossero a centro strada ma lungo le transenne Ewan sarebbe caduto al 1000% come Jacobsen al Giro di Polonia. Chi voleva quasi linciare Groenewegen per quella caduta si renda conto che sono millesimi di secondo dove uno e poco lucido e fa "di tutto" per tagliare per primo il traguardo...
    riguardando bene il finale mi verrebbe da pensare che Bennet non si sia nemmeno accorto che arrivava Ewan e, come i portieri che si buttano a caso nei rigori, ha provato a chiudere la strada a chiunque arrivasse
    Forse questo è il punto di "quasi" contatto
    View attachment