Tour 2020: Van Aert trova lo sprint giusto. Alaphilippe perde la maglia gialla

Tour 2020: Van Aert trova lo sprint giusto. Alaphilippe perde la maglia gialla

03/09/2020
Whatsapp
03/09/2020

Dopo 4 giorni intensi il Tour ha trovato il tempo di respirare un po’, con la tappa tra Gap e Privas, di 183km. Fino allo sprint finale si può riassumere tutto con un paio di immagini:

Sprint finale che è stato vinto da Wout Van Aert (Jumbo-Visma) che ha svestito i panni del super-greagario indossati ieri nella salita di Orcières-Merlette per vestire il costume da sprinter e battere di prepotenza Cees Bol (Sunweb) e Sam Bennett (Deceuninck).

La Jumbo-Visma si porta cosi già a due tappe vinte, mentre la Sunweb a due secondi ed un terzo posto, che visto il roster della squadra forse nessuno si aspettava a inizio Tour. Mentre era facile pronosticare la Jumbo-Visma protagonista, ma forse non in questo modo “arrogante”, per cui riescono a mettere in riga tutti in salita, allo sprint e durante le tappe con manifesta superiorità. Fin troppa per una prima settimana di grande giro.

Sicuramente impronosticabile è stato Julian Alaphilippe che perde la maglia gialla per una penalità. Il cugino e preparatore del francese, Franck Alaphilippe, gli ha passato una borraccia ai -17km. Il regolamento parla chiaro: dai -20km i rifornimenti sono proibiti, e cosi è scattata la penalità di 20″, che sono costati la maglia gialla a favore di Adam Yates (Mitchelton-Scott). Per la cronaca: sono stati penalizzati per lo stesso motivo anche Sepp Kuss (Jumbo-Visma) e Carlos Verona (Movistar).

Il fatto ha scatenato tutti nel commentare regola e regolamenti. Tant’è che la regola c’è (ed è stata pensata per evitare le “borracce incollate” nei finali in salita) e discuterne a Tour in corso ha poco senso. Da tempo i corridori si lamentano di alcune regole, e quella dei rifornimenti vietati dai -20km è anche meno osteggiata di quella dei rifornimenti vietati dal km 0 al km 30 (basta una buca dopo 100mt per cui un corridore perde la borraccia per trovarsi impossibilitato a bere per 3okm), ma il tempo per queste discussioni sarebbe abbondante da Ottobre a Gennaio.

Tant’è, Alaphilippe si trova 16°, e Roglic secondo a soli 3″ da Yates. Oggi arrivo sul mitico Mt. Aigoual, scenario di uno dei più bei libri sul ciclismo, The Rider, di Tim Krabbé, e che manca dal Tour dal 1987, preceduto dal ripido Col de la Lusette, per un totale di 19,9km di salita. Scenario ideale per una nuova prova di forza della Jumbo e per Roglic.

Commenti

  1. Mi e´ piaciuto molto della volata di WVA, che si e´ messo a ruota del trenino Sunweb, unico tra l´altro e davvero ben organizzato, e li ha in pratica fregati :-)xxxx
    Davvero un gran corridore!
    Peccato per il Moschettiere ma, se le regole ci sono (sceme o no), vanno applicate...
  2. Anche se la regola è abbastanza stupida un plauso va all'organizzazione che la applica alla lettera togliendo la maglia gialla ad un francese o-o