Tour 2021: Roglic non prenderà il via alla 9^ tappa

Tour 2021: Roglic non prenderà il via alla 9^ tappa

Piergiorgio Sbrissa, 04/07/2021

Fine del Tour de France per Primoz Roglic (Jumbo-Visma). Fine di una gara da incubo per lo sloveno, sofferente dopo la caduta alla 3^ tappa, aveva tentato di stringere i denti nella cronometro dove ha preso un ritardo di 44″ dal connazionale Pogačar, ma ieri ha capitolato, arrivando terzultimo nella tappa, con 35’01” di ritardo dal vincitore Dylan Teuns (Bahrain-Victorious), peraltro in compagnia di Geraint Thomas (Ineos) che è arrivato sul traguardo proprio una posizione prima di Roglic (174°).

Ora Roglic avrà il tempo di curarsi e ritrovare le gambe per la prova olimpica di Tokyo del 24 luglio. Roglic ha dichiarato che subito dopo la cauta non pensava che sarebbe stato costretto al ritiro, ma dopo la cronometro ha constatato che invece di migliorare era sempre più dolorante: “le tappe lunghe hanno presentato il conto”. Amaro constatare che Roglic si ritira proprio in occasione della tappa con arrivo a Tignes, il luogo dove ha passato gli ultimi mesi in preparazione al Tour.

 

Commenti

  1. Brest:

    Io comunque i ciclisti che non partecipano a quasi nessuna corsa per tutto l'anno per prepararsi ad un unico evento non li capisco, perchè poi basta una caduta ed hai buttato nel cesso tutta la stagione. Che poi è stato lui a tamponare colbrelli e a cadere a terra chissà a cosa cazzo pensava
    Roglic e' undecesimo su 1941 ciclisti nel ranking UCI da inizio 2021. Se pure avesse corso di piu', lo avrebbe fatto come preparazione al Tour, ed una caduta avrebbe comunque compromesso la sua stagione. D'altra parte, era forse l'ultimo Tour in cui partiva come favorito o quasi. L'anno prossimo i Pogacar ed i Bernal saranno ancor piu' cresciuti, lui avra' un anno in piu', e di certo non e' automatico essere capitano di una squadra di quel livello. Per me ci sta che abbia provato a cambiare preparazione, perche' per non finire un'altra volta Secondoz doveva rischiare un pochino.

    Ser pecora:

    Sarebbe stato bellissimo senza MvdP alla partenza grazie ad un triplo Ventoux alla prima tappa...
    Idem le olimpiadi senza di lui perché ha rantolato per 3 settimane in giro per la Francia per prendere 3h di distacco.
    Vero, pero' si riconosce comunque un valore al portare a termine i grandi giri, pur essendo ovvio che un atleta possa ritirarsi quando vuole senza doversi giustificare. Mi chiedo se si possa pagare una percentuale delle vittorie, che so il 10%, condizionalmente a portare il tour a termine; quindi distribuire le quote non riscosse per ritiri equamente a tutti quelli che arrivano fino alla fine.
  2. andry96:

    La squadra è molto più contenta di vederlo correre le olimpiadi bene piuttosto che pascolare per tutto il tour
    infatti, credo che sia la squadra che gli sponsor preferiscano vederlo con una medaglia olimpica al collo, piuttosto che pascolare per due settimane nel gruppetto (e magari compromettere le chance di medaglia per qualche caduta o sovvraffaticamento).
    è la stessa scelta che fece la Sky con Viviani, un possibile oro olimpico in squadra è comunque fonte di attenzione per pubblico e media.