Tour de France 2021: Prima tappa ad Alaphilippe

Tour de France 2021: Prima tappa ad Alaphilippe


Piergiorgio Sbrissa, 26/06/2021

Grand Départ col botto per Julian Alaphilippe (Deceunick-QuickStep) che ha vinto per distacco la prima tappa da Brest a Landernau con una sua tipica azione, portando un attacco esplosivo sulla ripida e corta salita finale di Fosse aux Loups . Arrivato sul traguardo con 8″ di vantaggio su Michael Matthews (Bike Exchange) e Primoz Roglic (Jumbo-Visma) e tutti i migliori. Roglic ha preso l’abbuono di 4″ rispetto i diretti avversari.

Due cadute di gruppo durante la gara, una causata da una spettatrice minus habens.

La seconda ha però fatto più danni, in particolare per la Israel SUN, con Michael Woods a +8’49” e Dan Martin a +5’33”.  Da verificare le condizioni di alcuni corridori della Jumbo-Visma coinvolti direttamente nella prima caduta ed arrivati tra gli ultimi: Tony Martin , Mike Teunissen e Sepp Kuss. Oltre a Marc Hirschi (UAE). Marc Soler (Movistar) l’ultimo a tagliare il traguardo a +24’48”.

La bici di Steven Kruijswijk al traguardo:

 

Alaphilippe è il 3° corridore francese a conquistare la maglia gialla alla prima tappa da campione del mondo dopo George Speicher nel 1934 e Bernard Hinault nel 1984 (Speicher non indossò la maglia gialla perché all’epoca prevaleva quella di campione del mondo). Il 5° se si considerano anche il belga Eddie Merck (1979) e l’olandese Gerrie Knetemann (1972). Primo francese a vincere la tappa di apertura al Tour dal 2001 (Christophe Moreau).

Commenti

  1. Ser pecora:

    La gendameria ha emanato un appello per trovare testimoni al fine di rintracciare la tizia. Che comunque pare straniera quindi sarà alloggiata da qualche parte e non credo sarà impossibile trovarla.

    Detto questo, il ciclismo su strada si corre su....strada, quindi aldilà delle punizioni draconiane (che poi tanto si scontrano con la giurisprudenza, per fortuna) è sempre possibile che vada tutto in malora per colpa di un gatto che ti attraversa la strada, ma pure di un matto che ti tira un sasso...non corrono in uno stadio di 200km...
    insomma..se un gatto mi attraversa la strada e cado non posso fare altro che leccarmi le ferite, se un matto mi tira un sasso se permetti lo faccio rinchiudere. il caso è il caso e lo si mette in conto, il resto se è evitabile facciamo tutto il possibile per evitarlo
  2. sembola:

    Non si può evitare, ma si può evitare di giustificare, come qualcuno va facendo, se non altro perché il "vivere social" costa la vita a decine di ciclisti (e non solo) ogni anno.
    Che sarebbe chi?