Van Aert vince l’Amstel al fotofinish

107

1 millimetro è quanto ha diviso Wout Van Aert (Jumbo-Visma) e Tom Pidock (Ineos) sulla linea del traguardo, con il belga vincente.

Questa Amstel si è accesa ai -40km dal traguardo con una serie di numerosi attacchi, ma è letteralmente esplosa con l’ultimo passaggio sull’iconico Cauberg, dove Primoz Roglic, fin li in grane spolvero, ha avuto un problema meccanico che lo a tagliato fuori, ma che ha ha visto i favoriti isolarsi rispetto al gruppo. Ai -2km è stato il campione del mondo Julian Alaphilippe l’ultimo a staccarsi da quello che poi sarebbe diventato il trio di testa: Van Aert, Pidcock e Maximilian Schachmann (Bora-Hansgrohe), che ha resistito al ritorno degli inseguitori sin sul traguardo.

Poi lo sprint tra il britannico ed il belga, riedizione della Freccia Brabante della settimana scorsa. Alla fin ci sono voluti parecchi minuti per decifrare il fotofinish che ha visto prevalere il belga di un soffio, con uno dei distacchi più contenuti a memoria, come quello tra Boasson Hagen e Kittel al Tour 2017 (6 mm/0,0003″) o quello tra Mark Cavendish e Alexander Kristoff al giro del Qatar 2016 (0,0008″).

En plein della Jumbo-Visma con anche la vittoria in campo femminile con Marianne Vos, che per la prima volta in carriera si è imposta nella corsa olandese, con un podio tutto locale con il secondo posto di Demi Vollering ed il terzo di Annemiek van Vleuten.

Commenti

  1. dave_and_roll:

    a me quello che fa impressione è che uno scricciolo come Tom Pidcock possa contendere la volata ad uno che è competitivo nelle volate 'vere' di gruppo come WVA. Vero che volate a 2-3 sono diverse rispetto ad una volata di gruppo classica, però prima delle ultime 2 gare avrei dato battuto Pidcock vs WVA 11 volte su 10 volate.
    E non è che Wout abbia corso alla garibaldina, prendendo vento in faccia tutta la gara...certo che sti ragazzi, le nuove leve intendo, non solo i 2 in questione, hanno rimescolato completamente le carte e le 'regole' presenti nel ciclismo....complimenti a loro
    Comunque Pidcock ha fatto terzo alla Kuurne-Bruxels-Kurne che è una classica per velocisti. Al di là del fisico è sicuramente uno veloce!
  2. Van Aert e' la persona piu' vicina ad un ipotetico abitante di Watopia. Fa talmente tanti giorni di gara, che praticamente passa tutta la sua vita su strade chiuse al traffico, piene di ciclisti che pedalano fuori soglia.
  3. Scaldamozzi ogni tanto:

    .......
    Solo che i corridori vedono la linea vera, non quella del fotofinish e su quella si basano per lo sprint.
    Si certo, a 70 kmh, 1600 watt e 200 bpm, loro calibrano lo sforzo su 5 cm avanti o dietro della riga. :roll:
Articolo precedente

SRAM Rival eTAP AXS: wireless per tutti

Articolo successivo

La Vini Zabù sospesa 30 giorni dall’UCI

Gli ultimi articoli in News